Osella FA1C

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Osella FA1C
Osella-FA1C.jpg
Descrizione generale
Costruttore Italia  Osella
Classe Formula 1
Sostituisce FA1/B
Sostituita da FA1/D
Descrizione tecnica
Dimensioni e pesi
Passo 2776 mm
Peso 560 kg
Altro
Avversarie Vetture di Formula 1 1982
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio d'Italia 1981
Piloti 31 Francia Jean-Pierre Jarier

32 Italia Riccardo Paletti

Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
19 0 0 0

La Osella FA1C è una vettura da Formula 1 realizzata della Osella Corse per il finale della stagione 1981 e per il campionato 1982.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

La vettura venne progettata da Giorgio Valentini, ma completamente rivista per il 1982 da Hervè Guilpin. Come propulsore la FA1/C impiegava un Ford Cosworth DFV che erogava la potenza di 480 cv ed era gestito da un cambio manuale Hewland a sei rapporti. Il telaio era monoscocca di Honeycomb di alluminio (il primo della casa torinese). Le sospensioni erano a bilanciere.

Carriera agonistica[modifica | modifica wikitesto]

La vettura esordì a Monza nel 1981 disputando le ultime gare della stagione con Jean-Pierre Jarier.

Nel 1982, con piloti Jean-Pierre Jarier e Riccardo Paletti e gomme Pirelli, vi erano molte aspettative, visto che per la prima volta Osella schierava una vettura con un moderno telaio monoscocca. Dopo un inizio promettente (Jarier 9° in Brasile e 4° nel Gran Premio di San Marino, disertato da quasi tutti i team inglesi), le premesse non furono mantenute. In una stagione costellata da rotture meccaniche ed incidenti, soprattutto quello che costò la vita a Paletti nel Gran Premio del Canada.

Le innumerevoli rotture furono attribuite a gravi problemi strutturali e di dimensionamento che portarono al licenziamento in tronco di Hervè Guilpin che nel 1982 aveva rivisto pesantemente la vettura.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Anno Team Motore Gomme Piloti Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
1981 Osella Cosworth DFV M Jean-Pierre Jarier 9 Rit Rit 0 N.C
Anno Team Motore Gomme Piloti Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of the United States.svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of France.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
1982 Osella Cosworth DFV P Jean-Pierre Jarier Rit 9 Rit 4 Rit NQ Rit Rit 14 Rit Rit Rit NQ Rit Rit NP 3 12º
Riccardo Paletti NQ NPQ NQ Rit NPQ NPQ NP Rit

Esemplari costruiti[modifica | modifica wikitesto]

Furono costruiti 4 esemplari:[1]

  • Telaio 001: Utilizzato da Jarier nelle ultime gare del 1981, divenne vettura di scorta nel 1982 e ripescato per l'ultima gara del 1982, dove dopo aver ottenuto un ottimo decimo tempo in qualifica, rimase danneggiata in un incidente.
  • Telaio 002: Vettura usata solitamente da Paletti, rimase distrutta nel grave incidente di Montreal.
  • Telaio 003: Vettura da Gara di Jarier, fu danneggiata al Gran Premio del Canada.
  • Telaio 004: Vettura da Gara di Jarier nella seconda parte di stagione, fu danneggiata al Gran Premio d'Italia. Sarà modificata per realizzare la FA1/D, telaio 001 del 1983.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1