Maurice Philippe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Maurice Phillippe (30 aprile 19325 giugno 1989) è stato un ingegnere britannico, progettista di vetture di Formula 1 e aerei.

Phillippe progettò la sua prima vettura nel 1955, chiamata MPS (Maurice Phillippe Special), mentre lavorava allo sviluppo dell'aereo Comet 4 per la De Havilland Aircraft Company.

Phillippe corse con una Lotus 7 nel 1963 e 1964, nel 1965 Colin Chapman lo inserì nella sua squadra di progettisti al Team Lotus. Phillippe e Chapman prima ridisegnarono la Lotus 39, poi produssero le Lotus 43, Lotus 49, la rivoluzionaria Lotus 72 e la Lotus 56 a turbina per le gare Indycar.

Nel 1972, Phillippe lasciò la Lotus e andò a lavorare per il team americano di Parnelli Jones, progettando la Parnelli VPJ4-Cosworth per la F1, che corse nel 1975 pilotata da Mario Andretti.

Nel 1978, rimpiazzò Derek Gardner come tecnico della Tyrrell, occupandosi della Tyrrell P34, poi realizzò la Tyrrell 008 che ottenne il quarto posto nel campionato costruttori. Nel 1979 progettò la 009 la prima Tyrrell a sfruttare l'effetto suolo, poi negli anni seguenti, progettò la varie Tyrrell. Particolarmente longeve, anche per mancanza di mezzi, furono le Tyrrell 011 e Tyrrell 012 che parteciparono al campionato mondiale per diverse stagioni. Sue sono la Tyrrell 014 e la Tyrrell 015 turbo Reanult. Con la collaborazione di Brian Lisles, realizzerà nel 1987 la DG016la prima Tyrrell interamente progettata al computer, nonché modello del ritorno all'aspirato e vincitrice del" trofeo Colin Chapman" e la Tyrrell 017 nel 1988.

Passato alla March, nel 1988, progettò la March-Alfa Romeo 89CE per Indy, ma, malato di cancro, morì suicida nel 1989 prima di veder correre la vettura.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Biografia su Grandprix.com, su grandprix.com. URL consultato il 27 dicembre 2009.