Coppa del Mondo di rugby 2019

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Coppa del Mondo di rugby 2019
2019 Rugby World Cup
2019 ラグビーワールドカップ
Logo della competizione
Competizione Coppa del Mondo di rugby
Sport Rugby union pictogram.svg rugby a 15
Edizione
Organizzatore World RugbyJRFU
Date dal 20 settembre
al 2 novembre 2019
Paese organizz. Giappone Giappone
Partecipanti 20 (93 alle qualificazioni)
Formula A gironi + play-off
Sede finale International Stadium, Yokohama
Sito Web rugbyworldcup.com
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2015 2023 Right arrow.svg

La Coppa del Mondo di rugby 2019 (2019 Ragubī Wārudo Kappu, jpn. 2019 ラグビーワールドカップ) sarà la 9ª edizione della Coppa del Mondo di rugby, e si disputerà per la prima volta nella storia in Giappone.

Assegnazione[modifica | modifica wikitesto]

L'IRB richiese a tutti i propri membri interessati ad organizzare i tornei del 2015 e del 2019 di manifestare il loro interesse entro il 15 agosto 2008. Inizialmente una decina di nazioni manifestarono il loro interesse: Australia, Inghilterra, Irlanda, Italia, Giamaica, Giappone, Russia, Scozia, Sudafrica e Galles. Poco alla volta quasi tutte le nazioni si ritirarono dalla corsa e rimasero in gara solo Inghilterra, Giappone, Sudafrica e Italia.

Il 28 luglio 2009, L'International Rugby Board (IRB) scelse l'Inghilterra per il torneo del 2015 e il Giappone per quello del 2019.

A giugno 2015 il comitato organizzatore dei Giochi della XXXII Olimpiade rende noto che il National Stadium di Tokyo, attualmente in fase di ristrutturazione e ampliamento (raggiungerà una capacità di 80.000 posti), non sarà pronto per la Coppa del Mondo, ma soltanto per febbraio 2020. Il nuovo Stadio Nazionale era stata la ragione principale ad aver spinto il World Rugby ad assegnare il mondiale al Giappone.

La Candidatura giapponese prevedeva anche l'utilizzo di due stadi situati fuori dal territorio nazionale: l'Hong Kong Stadium e il National Stadium di Singapore. Successivamente gli organizzatori optarono per organizzare l'evento unicamente sul territorio nazionale.

Brett Gosper, CEO del World Rugby, nei giorni successivi comunicò la possibilità di riassegnare il mondiale ad una delle altre due nazioni candidate (Sudafrica o Italia), visto il venir meno del National Stadium. Successivamente il presidente Bernard Lapasset smentisce le dichiarazioni di Gosper, affermando che la Coppa del Mondo 2019 si sarebbe tenuta in Giappone.

Ad agosto 2015, il comitato organizzatore presieduto da Yoshirō Mori e il World Rugby, comunicano che il National Stadium sarà sostituito con l'Ajinomoto Stadium, situato a Chōfu (nella prefettura di Tokyo), e che la finale si sarebbe disputata all'International Stadium Yokohama.

Formula del torneo[modifica | modifica wikitesto]

Il torneo vedrà la partecipazione di 20 squadre e replicherà esattamente la formula usata dal 2003, ovvero quattro gironi da cinque squadre con le prime due che si qualificano per i quarti di finale ad eliminazione diretta. Tuttavia la federazione sta studiando di ampliare il torneo da 20 a 24 o 32 squadre a partire dalla coppa del mondo 2023, e si era detto che tale ampliamento potesse partire già dall'edizione del 2019.[1] Tuttavia la cosa non ha avuto seguito.

I gironi sono stati sorteggiati il 10 maggio 2017 in una cerimonia evento a Kyoto, nella regione del Kansai. Alla cerimonia erano presenti il primo ministro giapponese Shinzō Abe, il presidente World Rugby Bill Beaumont, il presidente della JRFU e del comitato organizzatore della RWC 2019 Yoshirō Mori, il sindaco di Yokohama Fumiko Hayashi, l'ex rugbysta giapponese Yoshihiro Sakata e il coach della Nuova Zelanda Steve Hansen.

Stadi[modifica | modifica wikitesto]

Il torneo sarà ospitato dai seguenti dodici stadi:

Chōfu Yokohama Fukuroi Higashiōsaka
Ajinomoto Stadium International Stadium Yokohama Shizuoka Stadium Hanazono Rugby Stadium
35°39′51.4″N 139°31′37.7″E / 35.664278°N 139.527139°E35.664278; 139.527139 (Ajinomoto Stadium) 35°30′36.16″N 139°36′22.49″E / 35.510044°N 139.606247°E35.510044; 139.606247 (International Stadium Yokohama) 34°44′35.6″N 137°58′13.81″E / 34.743222°N 137.970503°E34.743222; 137.970503 (Shizuoka Stadium) 34°40′08.2″N 135°37′35″E / 34.668944°N 135.626389°E34.668944; 135.626389 (Hanazono Rugby Stadium)
Capacità: 49,970 Capacità: 72,327 Capacità: 50,889 Capacità: 30,000
Ajinomoto Stadium 20101120.JPG NISSANSTADIUM20080608.JPG ShizuokastadiumekopaAugust2006.JPG Kintetsu Hanazono rugby stadium.jpg
Fukuoka Toyota
Level-5 Stadium Toyota Stadium
Capacità: 22,563 Capacità: 45,000
33°35′09.2″N 130°27′38.84″E / 33.585889°N 130.46079°E33.585889; 130.46079 (Level-5 Stadium) 35°05′04.2″N 137°10′14.2″E / 35.0845°N 137.170611°E35.0845; 137.170611 (Toyota Stadium)
Hakata no mori stadium-day.jpg Toyota sta 0313 2.JPG
Sapporo Ōita
Sapporo Dome Ōita Bank Dome
43°00′54.62″N 141°24′35.16″E / 43.015172°N 141.409767°E43.015172; 141.409767 (Sapporo Dome) 33°12′02″N 131°39′27″E / 33.200556°N 131.6575°E33.200556; 131.6575 (Ōita Bank Dome)
Capacità: 41,410 Capacità: 40,000
Sapporo Dome 001.jpeg Ooita Stadium20090514.jpg
Kumamoto Kōbe Kumagaya Kamaishi
Umakana Yokana Stadium Kobe City Misaki Park Kumagaya Rugby Ground Kamaishi Recovery Memorial Stadium
32°50′13″N 130°48′00″E / 32.836944°N 130.8°E32.836944; 130.8 (Umakana Yokana Stadium) 34°39′24.15″N 135°10′08.27″E / 34.656708°N 135.168964°E34.656708; 135.168964 (Kobe City Misaki Park Stadium) 36°09′50.4″N 139°24′39.61″E / 36.164°N 139.411002°E36.164; 139.411002 (Kumagaya Rugby Ground) 39°16′N 141°53′E / 39.266667°N 141.883333°E39.266667; 141.883333 (Kamaishi Recovery Memorial Stadium)
Capacità: 32,000 Capacità: 30,312 Capacità: 24,000 Capacità: 16,187
Kumamoto kk wing.jpg Inside View of Kobe Wing Stadium.jpg Kumagaya Rugby Ground t6.jpeg

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Qualificazioni alla Coppa del Mondo di rugby 2019.
Fase Africa Americhe Asia Europa Oceania
Qualificate d'ufficio
Coppa del Mondo 2015
Dalle qualificazioni

Gironi[modifica | modifica wikitesto]

La partita inaugurale, che vedrà in campo il Giappone, si disputerà a Tokyo il 20 settembre 2019. I quarti di finale si disputeranno tra il 18 ed il 20 ottobre, le semifinali nei giorni 27 e 28 dello stesso mese e la finale si terrà il 2 novembre 2019 a Yokohama.

Gruppo A Gruppo B Gruppo C Gruppo D

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Fase a gironi della Coppa del Mondo di rugby 2019 .

Girone A[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
20-9-2019 GiapponeRussia - Chōfu
22-9-2019 IrlandaScozia - Yokohama
24-9-2019 RussiaSamoa - Kumagaya
28-9-2019 GiapponeIrlanda - Fukuroi
30-9-2019 ScoziaSamoa - Kōbe
3-10-2019 IrlandaRussia - Kōbe
5-10-2019 GiapponeSamoa - Toyota
9-10-2019 ScoziaRussia - Fukuroi
12-10-2019 IrlandaSamoa - Fukuoka
13-10-2019 GiapponeScozia - Yokohama

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Squadra G V N P P+ P- MF MS BP PT
A1 Irlanda Irlanda 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
A2 Scozia Scozia 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
A3 Giappone Giappone 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Russia Russia 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Samoa Samoa 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

Girone B[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
21-9-2019 Nuova ZelandaSudafrica - Yokohama
22-9-2019 ItaliaNamibia - Higashiōsaka
26-9-2019 ItaliaCanada - Fukuoka
28-9-2019 SudafricaNamibia - Toyota
2-10-2019 Nuova ZelandaCanada - Ōita
4-10-2019 SudafricaItalia - Fukuroi
6-10-2019 Nuova ZelandaNamibia - Chōfu
8-10-2019 SudafricaCanada - Kōbe
12-10-2019 Nuova ZelandaItalia - Toyota
13-10-2019 NamibiaCanada - Kamaishi

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Squadra G V N P P+ P- MF MS BP PT
B1 Nuova Zelanda Nuova Zelanda 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
B2 Sudafrica Sudafrica 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
B3 Italia Italia 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Namibia Namibia 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Canada Canada 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

Girone C[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
21-9-2019 FranciaArgentina - Chōfu
22-9-2019 InghilterraTonga - Sapporo
26-9-2019 InghilterraStati Uniti - Kōbe
28-9-2019 ArgentinaTonga - Higashiōsaka
2-10-2019 FranciaStati Uniti - Fukuoka
5-10-2019 InghilterraArgentina - Chōfu
6-10-2019 FranciaTonga - Kumamoto
9-10-2019 ArgentinaStati Uniti - Kumagaya
12-10-2019 InghilterraFrancia - Yokohama
13-10-2019 Stati UnitiTonga - Higashiōsaka

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Squadra G V N P P+ P- MF MS BP PT
C1 Inghilterra Inghilterra 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
C2 Francia Francia 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
C3 Argentina Argentina 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Stati Uniti Stati Uniti 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Tonga Tonga 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

Girone D[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
21-9-2019 AustraliaFigi - Sapporo
23-9-2019 GallesGeorgia - Toyota
25-9-2019 FigiUruguay - Kamaishi
29-9-2019 GeorgiaUruguay - Kumagaya
29-9-2019 AustraliaGalles - Chōfu
3-10-2019 GeorgiaFigi - Higashiōsaka
5-10-2019 AustraliaUruguay - Ōita
9-10-2019 GallesFigi - Ōita
11-10-2019 AustraliaGeorgia - Fukuroi
13-10-2019 GallesUruguay - Kumamoto

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Squadra G V N P P+ P- MF MS BP PT
D1 Australia Australia 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
D2 Galles Galles 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
D3 Georgia Georgia 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Figi Figi 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Uruguay Uruguay 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wilson, B., "Rugby World Cup may expand in 2023, says governing body", bbc.com, 17 marzo 2015. Retrieved 20 settembre 2015.
  2. ^ World Rugby approves revised Japan 2019 hosting roadmap, World Rugby, 28 settembre 2015. URL consultato il 28 settembre 2015.
  3. ^ a b (EN) worldrugby.org, World Rugby statement regarding the independent disputes committee's decision. URL consultato il 15 maggio 2018.
  4. ^ La Russia si qualifica dopo la decisione del World Rugby di penalizzare la Romania nella classifica finale del Rugby Europe Championship in seguito alla convocazione, da parte di quest'ultima, di giocatori non equiparabili. In seguito a questa decisione la Russia sale al 1° posto della classifica ottenendo la qualificazione alla Rugby World Cup 2019
Rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby