Coppa del Mondo di rugby 2019

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Coppa del Mondo di rugby 2019
2019 Rugby World Cup
2019 ラグビーワールドカップ
Logo della competizione
Competizione Coppa del Mondo di rugby
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Edizione
Organizzatore World Rugby e Japan Rugby Football Union
Date dal 20 settembre 2019
al 2 novembre 2019
Partecipanti 20 (93 alle qualificazioni)
Formula A gironi + play-off
Sede finale International Stadium (Yokohama)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg Coppa del Mondo di rugby 2015 Coppa del Mondo di rugby 2023 Right arrow.svg

La Coppa del Mondo di rugby 2019 (2019 ラグビーワールドカップ 2019 Ragubī Wārudo Kappu?, in inglese 2019 Rugby World Cup) è la 9ª edizione della coppa del mondo di rugby a 15. Si disputa in Giappone dal 20 settembre al 2 novembre 2019 e la finale è in programma all'International Stadium di Yokohama.

L'evento è stato segnato dal tifone Hagibis, un uragano di categoria 5, che si è abbattuto sulle coste del Giappone nel fine settimana tra l'11 e il 13 ottobre, causando la cancellazione di tre partite.

Assegnazione[modifica | modifica wikitesto]

L'IRB richiese a tutti i propri membri interessati ad organizzare i tornei del 2015 e del 2019 di manifestare il loro interesse entro il 15 agosto 2008. Inizialmente una decina di nazioni manifestarono il loro interesse: Australia, Inghilterra, Irlanda, Italia, Giamaica, Giappone, Russia, Scozia, Sudafrica e Galles. Poco alla volta quasi tutte le nazioni si ritirarono dalla corsa e rimasero in gara solo Inghilterra, Giappone, Sudafrica e Italia.

Il 28 luglio 2009 l'International Rugby Board scelse l'Inghilterra per il torneo del 2015 e il Giappone per quello del 2019.

A giugno 2015 il comitato organizzatore dei Giochi della XXXII Olimpiade rese noto che il National Stadium di Tokyo, in fase di ristrutturazione e ampliamento per raggiungere una capacità di 80.000 posti, non sarebbe stato pronto per la Coppa del Mondo, ma soltanto per febbraio 2020. La candidatura giapponese prevedeva anche l'utilizzo di due stadi situati fuori dal territorio nazionale: l'Hong Kong Stadium e il National Stadium di Singapore. Successivamente gli organizzatori optarono per organizzare l'evento unicamente sul territorio nazionale.

Ad agosto 2015, il comitato organizzatore presieduto da Yoshirō Mori e il World Rugby, comunicarono che il National Stadium sarebbe stato sostituito con l'Ajinomoto Stadium, situato a Chōfu (nella prefettura di Tokyo), e che la finale si sarebbe disputata all'International Stadium Yokohama.

Formula del torneo[modifica | modifica wikitesto]

Il torneo vede la partecipazione di 20 squadre e replica esattamente la formula usata dal 2003 con le squadre divise in quattro gironi all'italiana da cinque.

Alle squadre vengono assegnati quattro punti per una vittoria, due per un pareggio e nessuno per una sconfitta. A una squadra che segni quattro mete in ​​una partita viene assegnato un punto bonus, così come ad una squadra che perda di sette punti o meno - entrambi i punti bonus vengono assegnati se si verificano le due situazioni. Le prime due squadre di ogni girone si qualificano per i quarti di finale ad eliminazione diretta. Inoltre le prime tre squadre di ogni gruppo sono automaticamente qualificate alla Coppa del Mondo di rugby 2023.

Eventuali pareggi vengono risolti secondo i seguenti criteri:

  1. Il vincitore della partita tra le due squadre
  2. Miglior differenza tra punti fatti e punti subiti
  3. Miglior differenza tra mete fatte e mete subite
  4. Punti fatti nel girone
  5. Mete segnate nel girone
  6. Miglior ranking al 14 ottobre 2019

I gironi sono stati sorteggiati il 10 maggio 2017 a Kyoto, nella regione del Kansai. Alla cerimonia erano presenti il primo ministro giapponese Shinzō Abe, il presidente World Rugby Bill Beaumont, il presidente della JRFU e del comitato organizzatore della RWC 2019 Yoshirō Mori, il sindaco di Yokohama Fumiko Hayashi, l'ex rugbista giapponese Yoshihiro Sakata e il coach della Nuova Zelanda Steve Hansen.

Stadi[modifica | modifica wikitesto]

Le gare si svolgono nei seguenti dodici stadi:

Chōfu Yokohama Fukuroi Higashiōsaka
Tokyo Stadium International Stadium Yokohama Shizuoka Stadium Hanazono Rugby Stadium
35°39′51.4″N 139°31′37.7″E / 35.664278°N 139.527139°E35.664278; 139.527139 (Ajinomoto Stadium) 35°30′36.16″N 139°36′22.49″E / 35.510044°N 139.606247°E35.510044; 139.606247 (International Stadium Yokohama) 34°44′35.6″N 137°58′13.81″E / 34.743222°N 137.970503°E34.743222; 137.970503 (Shizuoka Stadium) 34°40′08.2″N 135°37′35″E / 34.668944°N 135.626389°E34.668944; 135.626389 (Hanazono Rugby Stadium)
Capacità: 49,970 Capacità: 72,327 Capacità: 50,889 Capacità: 30,000
Ajinomoto Stadium 20101120.JPG NISSANSTADIUM20080608.JPG ShizuokastadiumekopaAugust2006.JPG Kintetsu Hanazono rugby stadium.jpg
Fukuoka Toyota
Level-5 Stadium Toyota Stadium
Capacità: 22,563 Capacità: 45,000
33°35′09.2″N 130°27′38.84″E / 33.585889°N 130.46079°E33.585889; 130.46079 (Level-5 Stadium) 35°05′04.2″N 137°10′14.2″E / 35.0845°N 137.170611°E35.0845; 137.170611 (Toyota Stadium)
Hakata no mori stadium-day.jpg Toyota sta 0313 2.JPG
Sapporo Ōita
Sapporo Dome Ōita Bank Dome
43°00′54.62″N 141°24′35.16″E / 43.015172°N 141.409767°E43.015172; 141.409767 (Sapporo Dome) 33°12′02″N 131°39′27″E / 33.200556°N 131.6575°E33.200556; 131.6575 (Ōita Bank Dome)
Capacità: 41,410 Capacità: 40,000
Sapporo Dome 001.jpeg Ooita Stadium20090514.jpg
Kumamoto Kōbe Kumagaya Kamaishi
Umakana Yokana Stadium Kobe City Misaki Park Kumagaya Rugby Ground Kamaishi Recovery Memorial Stadium
32°50′13″N 130°48′00″E / 32.836944°N 130.8°E32.836944; 130.8 (Umakana Yokana Stadium) 34°39′24.15″N 135°10′08.27″E / 34.656708°N 135.168964°E34.656708; 135.168964 (Kobe City Misaki Park Stadium) 36°09′50.4″N 139°24′39.61″E / 36.164°N 139.411002°E36.164; 139.411002 (Kumagaya Rugby Ground) 39°16′N 141°53′E / 39.266667°N 141.883333°E39.266667; 141.883333 (Kamaishi Recovery Memorial Stadium)
Capacità: 32,000 Capacità: 30,312 Capacità: 24,000 Capacità: 16,187
Kumamoto kk wing.jpg Inside View of Kobe Wing Stadium.jpg Kumagaya Rugby Ground t6.jpeg

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Qualificazioni alla Coppa del Mondo di rugby 2019.
Fase Africa Americhe Asia Europa Oceania
Qualificate d'ufficio
Coppa del Mondo 2019
Dalle qualificazioni

Arbitri[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 maggio 2019 World Rugby ha annunciato gli arbitri, gli assistenti e i TMO selezionati a prendere parte al torneo, ufficializzandone le designazioni ai gironi il 19 luglio. In totale sono stati designati 13 arbitri, 6 assistenti e 4 TMO, provenienti complessivamente da 9 differenti nazioni[3][4]. Il 15 ottobre sono stati annunciati gli arbitri designati ai quarti di finale e il 22 ottobre sono state rese pubbliche le designazioni delle semifinali[5][6].

Federazione Arbitri Assistenti TMO
Argentina UAR Federico Anselmi
Australia ARU Nic Berry
Angus Gardner
Francia FFR Jérôme Garcès
Romain Poite
Pascal Gaüzère
Mathieu Raynal
Alexandre Ruiz
Inghilterra RFU Wayne Barnes
Luke Pearce
Matthew Carley
Karl Dickson
Graham Hughes
Rowan Kitt
Irlanda IRFU Andrew Brace
Galles WRU Nigel Owens
Giappone JRFU Shuhei Kubo
Nuova Zelanda NZR Ben O'Keeffe
Paul Williams
Brendon Pickerill Ben Skeen
Sudafrica SARU Jaco Peyper Marius Jonker

Gironi[modifica | modifica wikitesto]

La partita inaugurale si è disputata al Tokyo Stadium il 20 settembre 2019. I quarti di finale sono in programma tra il 18 e il 20 ottobre, le semifinali nei giorni 27 e 28 dello stesso mese e la finale il 2 novembre 2019 all'International Stadium Yokohama.

Gruppo A Gruppo B Gruppo C Gruppo D

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Fase a gironi della Coppa del Mondo di rugby 2019 .

Girone A[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
20-9-2019 GiapponeRussia 30-10 Chōfu
22-9-2019 IrlandaScozia 27-3 Yokohama
24-9-2019 RussiaSamoa 9-34 Kumagaya
28-9-2019 GiapponeIrlanda 19-12 Fukuroi
30-9-2019 ScoziaSamoa 34-0 Kōbe
3-10-2019 IrlandaRussia 35-0 Kōbe
5-10-2019 GiapponeSamoa 38-19 Toyota
9-10-2019 ScoziaRussia 61-0 Fukuroi
12-10-2019 IrlandaSamoa 47-5 Fukuoka
13-10-2019 GiapponeScozia 28-21 Yokohama

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Squadra G V N P P+ P- MF MS BP PT
A1 Giappone Giappone 4 4 0 0 115 62 +53 13 7 3 19
A2 Irlanda Irlanda 4 3 0 1 121 27 +94 18 2 4 16
A3 Scozia Scozia 4 2 0 2 119 55 +64 16 8 3 11
Samoa Samoa 4 1 0 3 58 128 -70 8 15 1 5
Russia Russia 4 0 0 4 19 160 -141 1 24 0 0

Girone B[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
21-9-2019 Nuova ZelandaSudafrica 23-13 Yokohama
22-9-2019 ItaliaNamibia 47-22 Higashiōsaka
26-9-2019 ItaliaCanada 48-7 Fukuoka
28-9-2019 SudafricaNamibia 57-3 Toyota
2-10-2019 Nuova ZelandaCanada 63-0 Ōita
4-10-2019 SudafricaItalia 49-3 Fukuroi
6-10-2019 Nuova ZelandaNamibia 71-9 Chōfu
8-10-2019 SudafricaCanada 66-7 Kōbe
12-10-2019 Nuova ZelandaItalia 0-0[8] Toyota
13-10-2019 NamibiaCanada 0-0[8] Kamaishi

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Squadra G V N P P+ P- MF MS BP PT
B1 Nuova Zelanda Nuova Zelanda 4 3 1 0 157 22 +135 22 1 2 16
B2 Sudafrica Sudafrica 4 3 0 1 185 36 +149 27 3 3 15
B3 Italia Italia 4 2 1 1 98 78 +20 14 11 2 12
Namibia Namibia 4 0 1 3 34 175 -141 3 27 0 2
Canada Canada 4 0 1 3 14 177 -163 2 26 0 2

Girone C[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
21-9-2019 FranciaArgentina 23-21 Chōfu
22-9-2019 InghilterraTonga 35-3 Sapporo
26-9-2019 InghilterraStati Uniti 45-7 Kōbe
28-9-2019 ArgentinaTonga 28-12 Higashiōsaka
2-10-2019 FranciaStati Uniti 33-9 Fukuoka
5-10-2019 InghilterraArgentina 39-10 Chōfu
6-10-2019 FranciaTonga 23-21 Kumamoto
9-10-2019 ArgentinaStati Uniti 47-17 Kumagaya
12-10-2019 InghilterraFrancia 0-0[8] Yokohama
13-10-2019 Stati UnitiTonga 19-31 Higashiōsaka

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Squadra G V N P P+ P- MF MS BP PT
C1 Inghilterra Inghilterra 4 3 1 0 119 20 +99 17 2 3 17
C2 Francia Francia 4 3 1 0 79 51 +28 9 5 1 15
C3 Argentina Argentina 4 2 0 2 106 91 +15 14 13 3 11
Tonga Tonga 4 1 0 3 67 105 -38 9 13 2 6
Stati Uniti Stati Uniti 4 0 0 4 52 156 -104 7 23 0 0

Girone D[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
21-9-2019 AustraliaFigi 39-21 Sapporo
23-9-2019 GallesGeorgia 43-14 Toyota
25-9-2019 FigiUruguay 27-30 Kamaishi
29-9-2019 GeorgiaUruguay 33-7 Kumagaya
29-9-2019 AustraliaGalles 25-29 Chōfu
3-10-2019 GeorgiaFigi 10-45 Higashiōsaka
5-10-2019 AustraliaUruguay 45-10 Ōita
9-10-2019 GallesFigi 29-17 Ōita
11-10-2019 AustraliaGeorgia 27-8 Fukuroi
13-10-2019 GallesUruguay 35-13 Kumamoto

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Squadra G V N P P+ P- MF MS BP PT
D1 Galles Galles 4 4 0 0 136 69 +67 17 9 3 19
D2 Australia Australia 4 3 0 1 136 68 +68 20 6 4 16
D3 Figi Figi 4 1 0 3 110 108 +2 17 14 3 7
Georgia Georgia 4 1 0 3 65 122 -57 9 18 1 5
Uruguay Uruguay 4 1 0 3 60 140 -80 6 22 0 4

Fase ad eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Quarti di finale Semifinali Finale
19 ottobre, Ōita
  C1. Inghilterra Inghilterra   40
26 ottobre, Yokohama
  D2. Australia Australia   16  
  Inghilterra Inghilterra  
19 ottobre, Chōfu
    Nuova Zelanda Nuova Zelanda    
  B1. Nuova Zelanda Nuova Zelanda   46
2 novembre, Yokohama
  A2. Irlanda Irlanda   14  
  non conosciuta non conosciuta  
20 ottobre, Ōita
    non conosciuta non conosciuta  
  D1. Galles Galles   20
27 ottobre, Yokohama
  C2. Francia Francia   19  
  Galles Galles   Finale 3º posto
20 ottobre, Chōfu
    Sudafrica Sudafrica    
  A1. Giappone Giappone   3   non conosciuta non conosciuta  
  B2. Sudafrica Sudafrica   26     non conosciuta non conosciuta  
1º novembre, Chōfu

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Ōita
19 ottobre 2019, ore 16:15 UTC+9
Inghilterra Inghilterra40 – 16
referto
Australia AustraliaŌita Bank Dome (36 954 spett.)
Arbitro: Francia Jérôme Garcès

Chōfu
19 ottobre 2019, ore 19:15 UTC+9
Nuova Zelanda Nuova Zelanda46 – 14
referto
Irlanda IrlandaTokyo Stadium (46 686 spett.)
Arbitro: Galles Nigel Owens

Ōita
20 ottobre 2019, ore 16:15 UTC+9
Galles Galles20 – 19
referto
Francia FranciaŌita Bank Dome (34 426 spett.)
Arbitro: Sudafrica Jaco Peyper

Chōfu
20 ottobre 2019, ore 19:15 UTC+9
Giappone Giappone3 – 26
referto
Sudafrica SudafricaTokyo Stadium (48 831 spett.)
Arbitro: Inghilterra Wayne Barnes

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Yokohama
26 ottobre 2019, ore 17:00 UTC+9
Inghilterra Inghilterra – 
referto
Nuova Zelanda Nuova ZelandaInternational Stadium Yokohama
Arbitro: Galles Nigel Owens

Yokohama
27 ottobre 2019, ore 18:00 UTC+9
Galles Galles – 
referto
Sudafrica SudafricaInternational Stadium Yokohama
Arbitro: Francia Jérôme Garcès

Finale per il 3º posto[modifica | modifica wikitesto]

Chōfu
1º novembre 2019, ore 18:00 UTC+9
non conosciuta non conosciuta – 
referto
non conosciuta non conosciutaTokyo Stadium

Finale per il 1º posto[modifica | modifica wikitesto]

Yokohama
2 novembre 2019, ore 18:00 UTC+9
non conosciuta non conosciuta – 
referto
non conosciuta non conosciutaInternational Stadium Yokohama

Diritti televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Le partite non coperte, nelle nazioni senza diritti TV o con diritti parziali, sono visibili in diretta streaming gratuita sul sito ufficiale della competizione con commento in lingua inglese[9][10].

Nazione Rete televisiva
Africa subsahariana SuperSport TV
Albania Albania DigitAlb
America Latina ESPN Latinoamérica
Australia Australia Fox Sports
Network Ten
Belgio Belgio Telenet
Canada Canada TSN
Cipro Cipro CYTA
Figi Figi Fiji Television
Francia Francia Groupe TF1
Georgia Georgia Radiodiffusione Pubblica Georgiana
Germania Germania ProSiebenSat.1 Media
Hong Kong Hong Kong beIN Sports
India India Sony Pictures Networks India
Irlanda Irlanda Eir Sport
RTÉ
Isole del Pacifico Fiji TV
Israele Israele Charlton
Italia Italia Rai
Giappone Giappone DAZN
J Sports
NHK
Nippon Television
Kosovo Kosovo DigitAlb
Malaysia Malaysia RTM
Medio Oriente e Nord Africa beIN Sports
Nuova Zelanda Nuova Zelanda TVNZ
Spark NZ
Paesi Bassi Paesi Bassi Ziggo Sport
Paesi nordici NENT
Polonia Polonia Polsat
Portogallo Portogallo Šport TV
Regno Unito Regno Unito ITV
S4C
Rep. Ceca Rep. Ceca Pragosport
Romania Romania TVR
Russia Russia Match TV
Slovacchia Slovacchia Pragosport
Spagna Spagna Movistar
Stati Uniti Stati Uniti NBCUniversal
Sud-est asiatico beIN Sports
Uruguay Uruguay Canale 10

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ World Rugby approves revised Japan 2019 hosting roadmap, World Rugby, 28 settembre 2015. URL consultato il 28 settembre 2015.
  2. ^ a b (EN) worldrugby.org, World Rugby statement regarding the independent disputes committee's decision. URL consultato il 15 maggio 2018.
  3. ^ (EN) 2019 Rugby World Cup referees, ARs and TMOs announced, su rugbyreferee.net, 7 maggio 2019. URL consultato il 21 settembre 2019.
  4. ^ (EN) Match official appointments announced for RWC 2019 pool stage, su www.world.rugby, 19 luglio 2019. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  5. ^ (EN) Match officials set for quarter-finals after strong pool stage showing, su www.world.rugby, 15 ottobre 2019. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  6. ^ (EN) MATCH OFFICIALS ANNOUNCED FOR RUGBY WORLD CUP 2019 SEMI-FINALS, su www.world.rugby, 22 ottobre 2019. URL consultato il 22 ottobre 2019.
  7. ^ La Russia si qualifica dopo la decisione del World Rugby di penalizzare la Romania nella classifica finale del Rugby Europe Championship in seguito alla convocazione, da parte di quest'ultima, di giocatori non equiparabili. In seguito a questa decisione la Russia sale al 1º posto della classifica ottenendo la qualificazione alla Rugby World Cup 2019
  8. ^ a b c Match annullato per maltempo e pareggio assegnato a tavolino come da comunicato ufficiale.
  9. ^ (EN) www.rugbyworldcup.com, 11 settembre 2019, https://www.rugbyworldcup.com/broadcasters. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  10. ^ Rugby World Cup 2019: programma tv e streaming del secondo weekend, su onrugby.it, 26 settembre 2019. URL consultato il 15 ottobre 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby