Nazionale di rugby a 15 delle Tonga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Tonga Tonga
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Prima
tenuta
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Tenuta
alternativa
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Federazione Tonga Rugby Football Union
Soprannome Ikale Tahi (aquile di mare)
Selezionatore Nuova Zelanda Isitolo Maka
Record presenze Elisi Vunipola (41)
Record mete Josh Taumalolo (14)
Record punti Pierre Hola (317)
Ranking IRB 9ª (16 gennaio 2012)
Esordio internazionale
Tonga Tonga 9 - 6 Figi Figi
15 agosto 1924
Migliore vittoria
Tonga Tonga 119 - 0 Giappone Giappone
22 marzo 2003
Peggiore sconfitta
Nuova Zelanda Nuova Zelanda 102 - 0 Tonga Tonga
16 giugno 2000
Coppa del Mondo
Partecipazioni 5 (esordio: 1987)
Miglior risultato Primo turno, terza nel girone

La Nazionale tongana di rugby rappresenta Tonga nel rugby a 15 ed è sotto la giurisdizione della Tonga Rugby Football Union. Soprannominata Ikale Tahi (aquile di mare), similmente ai vicini polinesiani la squadra è solita effettuare una danza di guerra (Kailao) nota come Sipi Tau. Insieme con Figi, e in precedenza anche Samoa, fa parte della Pacific Islands Rugby Alliance (PIRA).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il rugby fu introdotto nella regione durante i primi anni del ventesimo secolo da marinari e missionari, la Tonga Rugby Football Union venne costituita nel tardo 1923.[1] Il debutto internazionale di Tonga è avvenuto il 15 agosto 1924 con la partita giocata nella capitale Nuku'alofa e vinta 9-6 contro Figi. La partita faceva parte di una serie di tre test match, con il secondo perso 14-3 e l'ultimo decisivo pareggiato 0-0.[2]

Tra il 1924 e il 1938 Tonga e Figi giocarono una serie di tre incontri ad anni alterni. Le partite tra le due nazioni del Pacifico furono duramente combattute; molti hanno sostenuto che le antiche guerre di faida tra gli isolani furono trapiantate sul campo di rugby. I problemi sorti nel 1928 durante la terza partita delle Figi recatisi in tour nelle Tonga costrinsero ad abbandonare l'incontro con Tonga in vantaggio 11-8. Nel 1954 Tonga ha affrontato Samoa ospitando un loro tour.

Nel 1969 Tonga sconfisse i New Zealand Māori ma dovette aspettare fino al 1973 per il test match successivo in cui perse 30-12 a Sydney contro l'Australia. I tongani ebbero la loro rivincita il 30 giugno 1973 a Brisbane sconfiggendo l'Australia 16-11, segnando quattro mete contro due. L'anno successivo si recarono in tour nel Regno Unito venendo sconfitti 44-8 dalla Scozia XV e 26-7 dal Galles XV, riportando una sola vittoria su dieci incontri disputati.

La nazionale tongana restò poco conosciuta in Europa fino al 1986, quando il Galles si recò in tour nel sud Pacifico. All'inizio della partita contro Tonga il flanker gallese Mark Brown fu vittima di una brutale azione di gioco di tre avanti tongani che provocò una rissa generale tra i giocatori di entrambe le squadre. Il mediano di mischia gallese Robert Jones descrisse questo fatto come "la peggiore rissa a cui io abbia mai assistito su un campo di rugby".[3] Dopo l'incontro Jonathan Davies definì la nazionale di Tonga come "la squadra più scorretta contro cui io abbia mai giocato".[3]

Tonga prese parte alla Coppa del Mondo di rugby 1987, la prima edizione della competizione mondiale iridata, giocando nello stesso girone di Galles, Irlanda e Canada, ottenendo tre sconfitte: 37-4 contro il Canada, 29-16 contro il Galles e 32-9 contro l'Irlanda.

La nazionale tongana non riuscì a qualificarsi alla Coppa del Mondo 1991. Nel 1994 Tonga vinse il Pacific Tri-Nations ed ebbe accesso al Super 10, terminando all'ultimo posto del loro girone con un solo punto conquistato.

Le Tonga si qualificarono alla Coppa del Mondo 1995 prevalendo sulle Figi per la differenza punti. In questa edizione ospitata dal Sudafrica la nazionale tongana vinse 29-11 contro la Costa d'Avorio nell'ultima partita del girone, dopo avere perso 38-10 contro la Francia e 41-5 contro la Scozia. Durante la partita contro la Costa d'Avorio si verificò un grave infortunio all'ala africana Max Brito che da allora è costretto sulla sedia a rotelle.[3] La seconda vittoria nella competizione mondiale arrivò durante l'edizione 1999 sconfiggendo l'Italia 28-25.

Il 16 giugno 1999 Tonga ottenne la sua vittoria casalinga più prestigiosa sconfiggendo la Francia 20-16 a Nuku'alofa durante il tour francese in Polinesia e Nuova Zelanda. Il 16 giugno 2000 arrivò invece la sconfitta 102-0 contro la Nuova Zelanda, con 15 mete realizzate dagli All Blacks, che rappresenta la peggiore sconfitta subita dalla nazionale tongana.

Dopo avere perso le loro prime quattro partite contro Figi e Samoa, le Tonga finirono terze nel gruppo di qualificazione dell'Oceania per la Coppa del Mondo di rugby 2003. Ciò le costrinse a una serie di partite di spareggio, con gare casalinghe e in trasferta, vinte superando rispettivamente Papua Nuova Guinea e Corea del Sud. Alla Coppa del Mondo 2003 Tonga non riuscì a vincere alcuna partita del proprio girone, la sconfitta 27-20 contro il Galles le fruttò l'unico punto guadagnato.

Tonga prese parte alla Coppa del Mondo 2007 con una serie di prestazioni positive che le fruttarono le due vittorie 25-15 contro gli Stati Uniti e 19-15 contro Samoa, oltre a una dignitosa sconfitta 30-25 contro il Sudafrica che successivamente vinse quella edizione dei mondiali.

Durante l'edizione della Coppa del Mondo 2011 Tonga ottenne una prestigiosa quanto sorprendente vittoria sconfiggendo la Francia 19-14, dopo avere battuto anche il Giappone 31-18.

Sipi Tau[modifica | modifica sorgente]

La nazionale di rugby tongana impegnata ad eseguire la Sipi Tau

Similmente ad altre nazionali di rugby del Pacifico, prima di iniziare una partita i giocatori delle Tonga si esibiscono in una tipica danza locale di guerra. Tale danza è una forma di Kailao nota come Sipi Tau. La Kailao, originariamente importata dall'isola Wallis, viene solitamente eseguita sia nelle cerimonie pubbliche che in quelle private.

Una delle Sipi Tau più memorabili dei tempi moderni è stata eseguita durante la Coppa del Mondo di rugby 2003 in Australia, prima dell'incontro tra Tonga e Nuova Zelanda. Gli All Blacks iniziarono la loro tradizionale Haka e successivamente Tonga gli rispose eseguendo la Sipi Tau in contemporanea, con i giocatori di entrambe le nazionali alla fine posizionatisi a distanza ravvicinata fra loro.[4]

Giocatori[modifica | modifica sorgente]

Rosa 2011[modifica | modifica sorgente]

Segue la squadra composta da 30 giocatori annunciata il 23 agosto 2011 per disputare la Coppa del Mondo di rugby 2011.[5]

Avanti
TL Aleki Lutui
TL Ilaisa Ma'asi
TL Ephraim Taukafa
PL Halani Aulika
PL Taufa'ao Filise
PL Kisi Pulu
PL Sona Taumalolo
PL Soane Tonga'uiha
SL Paino Hehea
SL Tukulua Lokotui
SL Sione Timani
SL Joe Tuineau
FL Finau Maka (c)
FL Samiu Vahafolau
FL Sione Vaiomo'unga
N8 Sione Kalamafoni
N8 Viliami Ma'afu
Tre Quarti
MM Samisoni Fisilau
MM Taniela Moa
MM Tomasi Palu
MA Kurt Morath
CE Alipate Fatafehi
CE Suka Hufanga
CE Andrew Ma'ilei
CE Siale Piutau
TQ William Helu
TQ Alaska Taufa
TQ Fetu'u Vainikolo
ES Viliame Iongi
ES Vunga Lilo


Ex giocatori celebri[modifica | modifica sorgente]

I tour[modifica | modifica sorgente]

Meta principale della nazionale di tonga sono le vicine isole di Samoa e Figi. A partire dagli anni 1970 l'orizzonte si è aperto verso la Nuova Zelanda e l'Australia (storico il successo del 1973), e più tardi verso l'Europa.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) List of National Rugby Unions, rugbyfootballhistory.com. URL consultato il 17 gennaio 2012.
  2. ^ (EN) Tonga - Games played, rugbydata.com. URL consultato il 17 gennaio 2012.
  3. ^ a b c (EN) Sean Davies, The Head Hunters: Tongan rugby in BBC Sport, 10 agosto 2007. URL consultato il 17 gennaio 2012.
  4. ^ (EN) Stuart Watt, Haka and sipi tau set Lang Park alight, ABC, 24 ottobre 2003. URL consultato il 19 gennaio 2012.
  5. ^ (EN) Tonga name 30, chairman resigns?, PlanetRugby.com, 23-8-2011. URL consultato il 19 gennaio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]