Anello del Pacifico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Pacific Rim" rimanda qui. Se stai cercando il film, vedi Pacific Rim (film).
Stati compresi nell'anello del Pacifico.

L'anello del Pacifico (in inglese: Pacific Rim[1]; in spagnolo: Cuenca del Pacífico), conosciuta anche come regione Asia-Pacifico (in russo: Азиатско-Тихоокеанский регион), è un termine utilizzato dalla geografia politica per indicare l'insieme di tutti gli Stati e i territori dipendenti le cui coste sono situate lungo o entro i "bordi" dell'oceano Pacifico.

L'anello del Pacifico si sovrappone quasi completamente alla cosiddetta cintura di fuoco (conosciuta anche come anello di fuoco del Pacifico).

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Mappa economica dei paesi facenti parte della regione Asia-Pacifico

All'interno dell'anello del Pacifico sono concentrate molte organizzazioni di cooperazione economica, tra cui la Asia-Pacific Economic Cooperation (APEC), l'Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico (ASEAN) e l'Organizzazione di Shanghai per la Cooperazione (SCO), mentre la sede di molte organizzazioni intergovernative e non governative della regione Asia-Pacifico si trova ad Honolulu, nelle isole Hawaii.

Le 21 economie nazionali facenti parte dell'APEC costituiscono il 57% del commercio mondiale, mentre entro il 2030 gli analisti economici prevedono una crescita del 70% PIL nella regione Asia-Pacifico.

Molti economisti ritengono che, con il progressivo venir meno dei vecchi centri industriali in Europa e Stati Uniti orientali, il centro dell'attività economica mondiale potrebbe spostarsi nella regione dell'Asia-Pacifico, grazie all'affermarsi delle economie di Hong Kong, Taiwan e Singapore; le industrie tecnologiche dell'elettronica e dell'informazione di Giappone, Corea, Taiwan e costa occidentale degli Stati Uniti; le materie prime di Australia, Canada, Filippine e Russia; le risorse umane di Cina ed Indonesia; la capacità produttiva di Cile, Filippine, Nuova Zelanda e Stati Uniti d'America.

Myanmar, Mongolia e Nepal, pur non facendo parte geograficamente dell'anello del Pacifico, sono spesso incluse dagli economisti all'interno dell'area Asia-Pacifico.

Lista degli Stati e dei territori dell'anello del Pacifico[modifica | modifica wikitesto]

Quella che segue è una lista degli Stati e dei principali territori facenti parte dell'anello del Pacifico.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il significato del sostantivo inglese "rim" è «linea o spazio relativamente sottile che segna il limite esterno di qualcosa»: (EN) Rim, su Merriam-Webster's online Theasurus. URL consultato il 24 febbraio 2021.
  2. ^ (EN) Stati del Pacific Rim, su geography.about.com. URL consultato il 24 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) A.W. Clausen, The Pacific Asian Countries: A Force For Growth in the Global Economy, Los Angeles, World Affairs Council, 1984, ED 244 852.
  • (EN) Harlan Cleveland, The Future of the Pacific Basin: A Keynote Address, Educational Resources Information Center U.S., 1983.
  • (EN) Frank B. Gibney (a cura di), Whole Pacific Catalog, Los Angeles, CA, 1981.
  • (EN) The Pacific Basin Alliances, Trade and Bases." GREAT DECISIONS 1987, New York, Foreign Policy Association, 1987, ED 283 743.
  • (EN) Theodore S. Rogers e Robert L. Snakenber, Language Studies in the Schools: A Pacific Prospect, in EDUCATIONAL PERSPECTIVES, n. 21, 1982, pp. 12-15.
  • (EN) Dan J. Wedemeyer e Anthony J. Pennings (a cura di), Telecommunications--Asia, Americas, Pacific: PTC 86. "Evolution of the Digital Pacific.", in Proceedings of the Annual Meeting of the Pacific Telecommunications Council, Honolulu, Hawaii, 1986, ED 272 147.
  • (EN) Philip West e Thomas Jackson, The Pacific Rim and the Bottom Line, Bloomington, Indiana, 1987.
  • (EN) Douglas A. Phillips e Steven C. Levi, The Pacific Rim Region: Emerging Giant, Hillside, NJ, Enslow Publishers, 1988, ISBN 0894901915.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]