Siya Kolisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Siya Kolisi
Dati biografici
Paese Sudafrica Sudafrica
Altezza 188 cm
Peso 102 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Terza linea ala
Franchigia Stormers SANZAAR
Carriera
Attività provinciale
2010-14Western Province24 (30)
2019-Western Province1 (0)
Attività in franchise
2011-Stormers116 (95)
Attività da giocatore internazionale
2013-Sudafrica Sudafrica50 (30)
Palmarès internazionale
Vincitore RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2019
3º posto RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2015

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 17 febbraio 2020

Siyamthanda "Siya" Kolisi (Port Elizabeth, 16 giugno 1991) è un rugbista a 15 sudafricano, terza linea ala degli Stormers in Super Rugby, campione del mondo nel 2019 con il Sudafrica.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente dal sobborgo-ghetto di Zwide a Port Elizabeth, nell'odierno Capo Orientale[1]; notato a 12 anni in un torneo rugbistico provinciale a Mossel Bay gli fu offerta una borsa di studio alla Grey High School di Port Elizabeth, e a 16 anni entrò nelle giovanili dell'E.P. Elephants, cogliendo l'opportunità di rappresentare il Sudafrica a livello U-16 e U-18[1]; nel 2010 ricevette offerte sia da Free State (Bloemfontein) che da Western Province (Città del Capo), optando per quest'ultima[1].

L'anno dopo l'esordio in Currie Cup fu selezionato nella Nazionale U-20 che prese parte al mondiale giovanile 2011 in Italia[1] oltre a debuttare in Super Rugby con la franchise degli Stormers collegata al Western Province[1].

A giugno 2013 debuttò per gli Springbok a Nelspruit contro la Scozia[2]. Presente per tutto il resto dell'anno, fu richiamato in Nazionale solo due anni più tardi, quando entrò a fare parte dei preselezionati alla Coppa del Mondo di rugby 2015 e, successivamente, nella rosa definitiva per la competizione[3], costituendo parte della più consistente pattuglia di colore mai selezionata per rappresentare il Sudafrica (nove elementi)[3]; alla fine della competizione si classificò al terzo posto.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Jon Cardinelli, Kolisi’s living the dream, in SA Rugby Magazine, 13 luglio 2013. URL consultato il 10 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2015).
  2. ^ (EN) Brenden Nel, Kolisi - a Green & Gold, father & son reunion, in Super Sport, 12 giugno 2013. URL consultato il 10 dicembre 2015 (archiviato il 10 dicembre 2015).
  3. ^ a b (EN) Rugby: South Africa World Cup squad includes shock inclusion, in The New Zealand Herald, 29 agosto 2015. URL consultato il 10 dicembre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN445153472505345360004 · LCCN (ENno2018107822 · WorldCat Identities (ENlccn-no2018107822