Lwazi Mvovo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lwazi Mvovo
Dati biografici
Paese Sudafrica Sudafrica
Altezza 183 cm
Peso 95 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Tre quarti ala
Franchigia Sharks SANZAAR
Carriera
Attività provinciale
2006-16 Natal Sharks 62 (140)
Attività di club¹
2017 Canon Eagles 5 (5)
Attività in franchise
2009- Sharks 114 (170)
Attività da giocatore internazionale
2010- Sudafrica Sudafrica 17 (30)
Palmarès internazionale
3º posto RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2015

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 4 marzo 2018

Lwazi Ncedo Mvovo (Umtala, 3 giugno 1986) è un rugbista a 15 sudafricano, tre quarti ala degli Sharks in Super Rugby.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Mvovo, che si formò scolasticamente alla Maria Louw High di Queenstown[1], iniziò a giocare a rugby relativamente tardi, a 11 anni[1] e contro il parere di sua madre, che temeva infortuni seri a causa dei contatti previsti dalla disciplina[1]. Originariamente dedito al calcio, infatti, fu indirizzato al rugby da un ex giocatore che insegnava nella scuola, in virtù delle sue doti atletiche e di velocità[1].

Dopo le superiori entrò nell'accademia degli Sharks debuttando nel campionato provinciale con la formazione di Natal e, nel 2008, venendo aggregato alla squadra di Super Rugby[1] per cui esordì nel 2009.

Il debutto negli Springbok avvenne a Edimburgo nel novembre 2010 contro la Scozia ma dopo alcuni incontri internazionali non fu selezionato per la Coppa del Mondo di rugby 2011 e stette fuori dalla Nazionale per circa tre anni; fu richiamato solo a metà 2014[2] e prese parte ai test match di fine anno, al Championship 2015 e a seguire alla Coppa del Mondo di rugby 2015 in cui il Sudafrica si classificò terzo.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

  • Currie Cup: 4
    Natal Sharks: 2008, 2010, 2013, 2018

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Barbara Holland, Queenstown hails "tall but tiny" Bok, in The Herald (Port Elizabeth), 25 gennaio 2014. URL consultato il 23 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2015).
  2. ^ (EN) Springboks make six changes for Scotland Test, su superxv.com, SANZAR, 26 giugno 2014. URL consultato l'11 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2015).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]