Eben Etzebeth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eben Etzebeth
Eben Etzebeth.jpg
Dati biografici
Paese Sudafrica Sudafrica
Altezza 204 cm
Peso 117 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Seconda linea
Franchigia Stormers SANZAAR
Carriera
Attività provinciale
2011-14 Western Province 7 (0)
Attività di club¹
2015-16 Red Hurricanes 8 (5)
Attività in franchise
2012- Stormers 55 (20)
Attività da giocatore internazionale
2012- Sudafrica Sudafrica 75 (15)
Palmarès internazionale
3º posto RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2015

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 15 marzo 2019

Eben Etzebeth (Città del Capo, 29 ottobre 1991) è un rugbista a 15 sudafricano che gioca nel ruolo di seconda linea con gli Stormers nel Super Rugby.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formatosi a livello giovanile con il Western Province, nel 2011 Etzebeth entrò a far parte della prima squadra, ma un infortunio gli impedì di giocare in Currie Cup. Ripresosi dall'infortunio, l'anno dopo cominciò a disputare il Super Rugby con la franchigia degli Stormers.

Promettente giovane di talento, Etzebeth debuttò a livello internazionale con gli Springbok il 9 giugno 2012 affrontando l'Inghilterra a Durban. Fresco del debutto, iniziò subito a giocare titolare nel Rugby Championship 2012.

Come riconoscimento per le sue prestazioni, Eben Etzebeth ricevette nel 2013 la candidatura al premio miglior giocatore IRB dell'anno.[1] Venne convocato per disputare la Coppa del Mondo di rugby 2015, vincendo con il Sudafrica la finale per il 3º posto; fu tra l'altro l'autore di una meta nella partita vinta 24-13 contro l'Argentina per la medaglia di bronzo.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Read, Smith and Etzebeth included on IRB World Player shortlist, su sanzarrugby.com, 22 novembre 2013. URL consultato il 9 marzo 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]