Fourie du Preez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fourie du Preez
Fourie du Preez 2007 cropped.jpg
Dati biografici
Paese Sudafrica Sudafrica
Altezza 183 cm
Peso 90 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Mediano di mischia
Squadra S. Sungoliath
Carriera
Attività provinciale
2005-10 Blue Bulls 19 (20)
Attività di club¹
2003-11 Bulls 112 (110)
Attività in franchise
2011- S. Sungoliath 45 (45)
Attività da giocatore internazionale
2004- Sudafrica Sudafrica 76 (80)
Palmarès internazionale
Vincitore RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2007
3º posto RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2015

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 31 dicembre 2015

Petrus Fourie du Preez (Pretoria, 24 marzo 1982) è un rugbista a 15 sudafricano, mediano di mischia dei giapponesi Suntory Sungoliath e campione del mondo nel 2007 con gli Springbok.


Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente da famiglia benestante e da sempre nel mondo del rugby (suo padre, Fourie sr., fu terza linea del Northern Transvaal e attualmente è industriale diamantifero[1], mentre suo zio Frik fu Springbok dal 1961 al 1971), fin dall'esordio Fourie jr. fu ritenuto uno dei migliori interpreti del ruolo di mediano di mischia: secondo il britannico Independent le doti che lo distinguono da altri colleghi di ruolo altrettanto tecnicamente dotati è la capacità di giocare senza palla: lettura del gioco, copertura del campo e doti di contrasto fisico[2].

Studente all'Università di Pretoria[3], rappresentò il Sudafrica a livello giovanile, vincendo la Coppa del Mondo di categoria[4]; dal 2001 nella selezione provinciale dei Blue Bulls in Currie Cup, entrò nella relativa franchise professionistica degli Bulls nel Super 12 2003.

Nel 2004 esordì in Nazionale sudafricana a Bloemfontein contro l'Irlanda; nel 2006 si aggiudicò il titolo di miglior giocatore dell'anno del suo Paese e fu candidato all'analogo riconoscimento dell'International Rugby Board[5].

L'anno successivo conquistò con i Bulls il Super 14 2007, prima squadra sudafricana ad aggiudicarsi tale torneo, e soprattutto prese parte alla Coppa del Mondo di rugby 2007 in Francia, scendendo in campo in sei incontri compresa la vittoriosa finale contro l'Inghilterra; nominato capitano dei Bulls nel 2008 (carica nella quale si alternò in seguito con Victor Matfield), nel 2009 vinse il suo secondo titolo del Super Rugby mentre a livello internazionale vinse prima la serie contro i British Lions e successivamente il Tri Nations 2009, cosa questa che gli procurò una seconda nomination a giocatore dell'anno dell'IRB[6].

Assente a causa di un intervento chirurgico a una spalla per tutta la seconda metà del 2010 dopo aver vinto il suo terzo Super Rugby[7], e quindi impossibilitato a giocare nel Tri Nations di quell'anno, du Preez tornò per il Super Rugby 2011 riprendendo i gradi di capitano[8].

Dopo il termine della Coppa del Mondo di rugby 2011 du Preez entrò a far parte della compagine professionistica giapponese dei Suntory Sungoliath[9].

Fu successivamente selezionato per la Coppa del Mondo di rugby 2015, la sua terza consecutiva, in cui il Sudafrica giunse fino al terzo posto finale.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Buongiovanni, Du Preez, il piccolo gigante, in la Gazzetta dello Sport, 18 ottobre 2007. URL consultato il 15 maggio 2011.
  2. ^ (EN) Peter Bills, Fourie du Preez divides opinion, in The Independent, 14 agosto 2008. URL consultato il 15 maggio 2011.
  3. ^ (EN) Hall of fame, su up.ac.za, Università di Pretoria. URL consultato il 25 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2015).
  4. ^ (EN) Burger & Fourie miss Wales Tests, in BBC, 23 maggio 2008. URL consultato il 15 maggio 2011.
  5. ^ (EN) McCaw scoops IRB's player honour, in BBC, 26 novembre 2006. URL consultato l'11 maggio 2011.
  6. ^ (EN) O'Driscoll leads IRB nominations, in BBC, 16 novembre 2009. URL consultato il 15 maggio 2011.
  7. ^ (EN) Craig Ray, Du Preez under the knife today, in Times Live, 7 luglio 2010. URL consultato il 15 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2011).
  8. ^ (EN) Bulls overwhelm Rebels in mismatch at Loftus Versfeld, in The Guardian, 14 maggio 2011. URL consultato il 15 maggio 2011.
  9. ^ (EN) Jamie Pandaram, Big Game Hunter Danie Stalks Struggling Elsom, in The Sydney Morning Herald, 23 luglio 2011. URL consultato il 17 ottobre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]