Volare Airlines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Volare S.p.A. in A.S.
CAI-Second S.p.A
Volareweb A320 F-OHFR.jpg
Compagnia aerea a basso costo
Codice IATA VE (VA fino al 2006)
Codice ICAO VLE
Identificativo di chiamata VOLA (REVOLA fino al 2006)
Certificato di operatore aereo I-132
Descrizione
Hub Milano-Malpensa
Programma frequent flyer MilleMiglia (dal 2008)
Airport lounge VIP e Club Freccia Alata
Flotta 4 (dicembre 2008)
Destinazioni 14 (dicembre 2008)
Azienda
Tipo azienda società per azioni
Fondazione 1997
Stato Italia Italia
Sede Ferno
Gruppo Alitalia
Sito web Procedura Gruppo Volare
Alitalia Amministrazione Straordinaria
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Volare Airlines è stata una società di trasporto aereo.

Fondata nel 1997, acquisì la storica Air Europe Italia nel 2000 con la creazione del Volare Group.

Nel periodo di maggiore sviluppo delle proprie attività la compagnia operò una quindicina di aeromobili Airbus A320 (in parte trasferiti dalla flotta Air Europe) sul corto raggio verso destinazioni nazionali, europee e del Nordafrica, e sei A330-200 sul lungo raggio per le varie destinazioni turistiche nell'Oceano Indiano, in Africa e nei Caraibi. Dopo l'acquisizione, Air Europe mantenne invece un unico Boeing 767 nei propri colori sociali, noleggiando talvolta altri aeromobili da compagnie terze nei periodi di picco dell'attività charteristica estiva e in occasione degli intervalli manutentivi del proprio aeromobile.

Il Gruppo Volare entrò in amministrazione straordinaria nel 2004. In seguito, come singola compagnia unificata con il nome Volare S.p.A. e operante con i marchi Volareweb.com nel ramo del low cost ed Air Europe nel charter di lungo raggio, entrò a far parte nel 2006 del vecchio Gruppo Alitalia.

Con la nascita della nuova Alitalia - CAI, Volare S.p.A. ha cessato di esistere.
Il 13 gennaio 2009 la società CAI-Second S.p.A. facente capo ad Alitalia - Compagnia Aerea Italiana ha rilevato il Certificato di Operatore Aereo di Volare con il quale gestisce un unico Airbus A320 sulla rete di Alitalia al fine di utilizzare gli slot sull'aeroporto di Milano-Linate a suo tempo riservati a Volare.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Airbus A320 della Volare

L'orafo Gino Zoccai e l'ex pilota delle Frecce Tricolori Vincenzo Soddu fondarono la compagnia aerea Volare Airlines nel 1997.
Nel 2000 acquistarono da Lupo Rattazzi (figlio di Susanna Agnelli) la società Air Europe, leader nel mercato dei voli charter. Nacque così la holding Volare Group che controllava le due compagnie aeree.
Nello stesso anno nel Gruppo Volare, con una quota del 49%, entrò a far parte la compagnia aerea elvetica Swissair. Per mantenere il controllo del Gruppo i proprietari italiani effettuarono un ingente aumento di capitale con la partecipazione anche di alcuni soci importanti come Sanpaolo IMI, Banca Popolare di Vicenza, Banca Popolare di Marostica.

La crisi del trasporto aereo scatenatasi dopo gli attentati dell'11 settembre 2001 portò al fallimento della Swissair. La quota azionaria in possesso degli svizzeri venne così ricomprata da Zoccai per circa 50 milioni di euro. I debiti però salivano e Zoccai accettò di rinunciare alla maggioranza della quota azionaria. Venne nominato presidente Giorgio Fossa, ex presidente di Confindustria e di SEA. Entrò nel gruppo anche l'imprenditore argentino Edoardo Eurnekian. Fossa affidò alla società di revisione Kpmg una verifica dei conti della società e appurate le condizioni precarie del Gruppo ne lasciò la guida che venne conferita a Mauro Gambaro, in quel momento amministratore delegato dell'Inter.
Nel 2003 nacque l'idea di fare di Volare Airlines la prima compagnia aerea italiana low cost, ribattezzandola Volareweb. Nello stesso periodo si verificò una crisi di liquidità, con la ristrutturazione del debito affidata ad una società di Banca Intesa.

La gravità della situazione finanziaria portò allo stop delle operazioni delle due compagnie del Gruppo Volare il 19 novembre 2004.

Il 30 novembre 2004 Volare Group S.p.A, Volare Airlines S.p.A. ed Air Europe S.p.A furono ammesse alla procedura di Amministrazione Straordinaria delle Grandi Imprese in Stato di Insolvenza (Legge n. 39/2004, come modificata dalla Legge n. 166/2004 e D.L. n. 281/2004), nominando Commissario Straordinario il Dott. Carlo Rinaldini. Successivamente, con decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 16 giugno 2006 fu nominato commissario straordinario delle Procedure sopra indicate nonché della Multiservizi Telematici S.p.A. a far data dal 30 giugno 2006, in sostituzione del dimissionario Dott. Carlo Rinaldini, il Prof. Avv. Fabio Franchini, confermato nell’incarico con Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 4 aprile 2007, pubblicato sulla G. U. Serie Generale n. 92 del 20 aprile 2007. In data 28 maggio 2005, Carlo Rinaldini, Commissario Straordinario delle società Volare Airlines S.p.A., Volare Group S.p.A. ed Air Europe S.p.A. tutte in amministrazione straordinaria, depositò presso la Cancelleria Fallimentare del Tribunale di Busto Arsizio la Relazione del Commissario, ai sensi dell'art. 4 D.L. 347/2003 e art. 28 D. Lgs. 270/99 contenente la descrizione particolareggiata delle cause di insolvenza accompagnata dallo stato analitico ed estimativo delle attività e dall'elenco nominativo dei creditori con l'indicazione dei rispettivi crediti e delle cause di prelazione.

A metà 2005 ripresero le operazioni di volo con due Airbus A320 di Volareweb ed un Boeing 767-300ER di Air Europe su un ridotto numero di destinazioni a seguito della ristrutturazione ad opera del Commissario Straordinario in attesa di mettere all'asta le società.

Nel 2006 Alitalia - Linee Aeree Italiane acquisì, tra numerose polemiche e diversi ricorsi tra i quali anche quello di Air One, il Gruppo Volare in amministrazione straordinaria e lo ribattezzò Volare S.p.A. unificando nel contempo le due compagnie Volareweb ed Air Europe sotto un unico Certificato di Operatore Aereo.

Nella primavera del 2007 la compagnia tentò un rilancio inserendo in linea due nuovi Airbus A320 rafforzando la propria rete di voli a basso costo con nuove destinazioni da e per Milano Malpensa, eliminando Milano Linate dal proprio network ed entrando in competizione, su alcune rotte, con altre affermate compagnie low cost.

A novembre 2008 venne ridimensionato l'operativo di linea mentre l'ultimo volo charter decollò in dicembre.
Infine, coinvolta nella crisi di Alitalia - LAI, dal 9 gennaio 2009 Volare sospese la vendita dei voli ancora attivi, comunicando ai passeggeri che avessero prenotato un volo compreso tra il 13 gennaio e il 28 marzo 2009, che i voli sarebbero stati operati dai vettori Alitalia - CAI o Air One.

Il 13 gennaio 2009, con la nascita di Alitalia - Compagnia Aerea Italiana, Volare S.p.A. cessò di esistere. L'ultimo volo era stato operato il giorno precedente sulla tratta Brindisi ↔ Milano Malpensa.

Destinazioni[modifica | modifica sorgente]

Le destinazioni attive a dicembre 2008 prima della cessazione delle attività comprendevano:

  1. Milano Malpensa ↔ Alghero (AHO)
  2. Milano Malpensa ↔ Breslavia (WRO)
  3. Milano Malpensa ↔ Brindisi (BDS)
  4. Milano Malpensa ↔ Cagliari (CAG)
  5. Milano Malpensa ↔ Catania (CTA)
  6. Milano Malpensa ↔ Cracovia (KRK)
  7. Milano Malpensa ↔ Lamezia Terme (SUF)
  8. Milano Malpensa ↔ Malaga (AGP)
  9. Milano Malpensa ↔ Malta (MLA)
  10. Milano Malpensa ↔ Parigi-Orly (ORY)
  11. Milano Malpensa ↔ Porto (OPO)
  12. Milano Malpensa ↔ Timişoara (TSR)
  13. Milano Malpensa ↔ Varsavia (WAW)

Flotta[modifica | modifica sorgente]

A dicembre 2008 la flotta Volareweb era composta da:

A marzo 2012 la flotta CAI-Second (sotto Alitalia CAI) è costituita da un unico Airbus A320 marche EI-IKB operato dalla stessa Alitalia.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]