KPMG

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
KPMG
Logo
Stato Paesi Bassi Paesi Bassi
Fondazione Fine 1800. Nel 1987 Peat Marwick International e Klynveld Main Goerdeler si sono fusi dando vita al Network KPMG.
Persone chiave Michael Andrew, Global Chairman, KPMG International e Alan Buckle, Deputy Chairman, KPMG International
Settore Professional services
Prodotti Revisione contabile, Tassazione, Consulenza, Consulenza finanziaria
Fatturato Green Arrow Up.svg $23.42 miliardi USD (2013)
Dipendenti 145.000 (2011)
Slogan «Cutting through complexity»
Sito web www.kpmg.com/it

KPMG è un Network di servizi professionali alle imprese, specializzato nella revisione e organizzazione contabile, nella consulenza manageriale e nei servizi fiscali, legali e amministrativi. Il Network KPMG è attivo in 152 Paesi del mondo con oltre 145 mila professionisti.

Il Network KPMG è presente in Italia da oltre 50 anni, con più di 3 mila professionisti, 169 Partner, 28 sedi sull’intero territorio nazionale e oltre 5 mila clienti.

KPMG fa parte delle cosiddette "Big Four", ovvero le quattro società di revisione che a livello mondiale si spartiscono la grande parte del mercato; le altre tre "big" sono Pricewaterhouse Coopers, Deloitte & Touche e Ernst & Young. Fino al 2002 a queste si aggiungeva Andersen (ex Arthur Andersen) prima del fallimento seguito allo scandalo Enron negli Stati Uniti.

Secondo una recente analisi de Il Sole 24 Ore, KPMG ha una quota di mercato pari al 28,1%. Seguono Ernst & Young con il 27,4%, Pricewaterhouse Coopers con il 27,3% e Deloitte & Touche con il 17,1%.


Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini di KPMG risalgono alla cosiddetta ‘golden age’ della contabilità tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo che favorì la nascita e l’affermazione di alcuni dei più importanti studi contabili internazionali.

Nel 1987 in seguito alla fusione tra Peat Marwick International (PMI) e Klynveld Main Goerdeler (KMG), KPMG diviene un’autentica global firm. Le quattro lettere sono le iniziali dei ‘padri fondatori’: Piet Klynveld, William Barclay Peat, James Marwick, Reinhard Goerdeler. L’imprinting di KPMG fa dunque riferimento ad un mix di culture diverse, quella continentale (olandese e tedesca) e quella anglosassone (inglese e americana). In Italia il primo incarico risale al 1958.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Il Sole 24 Ore, 8 ottobre 2009. [1]


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Rassegna Stampa | Ministero dell'Economia e delle Finanze


aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende