KPMG

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
KPMG
Logo
Stato Paesi Bassi Paesi Bassi
Fondazione Fine 1800. Nel 1987 Peat Marwick International e Klynveld Main Goerdeler si sono fusi dando vita al Network KPMG.
Persone chiave Michael Andrew, Global Chairman, KPMG International e Alan Buckle, Deputy Chairman, KPMG International
Settore Professional services
Prodotti Revisione contabile, Tassazione, Consulenza, Consulenza finanziaria
Fatturato Green Arrow Up.svg $23.42 miliardi USD (2013)
Dipendenti 145.000 (2011)
Slogan «Cutting through complexity»
Sito web www.kpmg.com/it

KPMG è un Network di servizi professionali alle imprese, specializzato nella revisione e organizzazione contabile, nella consulenza manageriale e nei servizi fiscali, legali e amministrativi. Il Network KPMG è attivo in 152 Paesi del mondo con oltre 145 mila professionisti.

KPMG fa parte delle cosiddette "Big Four", ovvero le quattro società di revisione che a livello mondiale si spartiscono la grande parte del mercato; le altre tre "big" sono Pricewaterhouse Coopers, Deloitte & Touche e Ernst & Young. Fino al 2002 a queste si aggiungeva Andersen (ex Arthur Andersen) prima del fallimento seguito allo scandalo Enron negli Stati Uniti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini di KPMG risalgono alla cosiddetta ‘golden age’ della contabilità tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo.

Nel 1987 in seguito alla fusione tra Peat Marwick International (PMI) e Klynveld Main Goerdeler (KMG), KPMG diviene una global firm. Le quattro lettere sono le iniziali dei fondatori: Piet Klynveld, William Barclay Peat, James Marwick, Reinhard Goerdeler.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Sole 24 Ore, 8 ottobre 2009. [1]


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rassegna Stampa | Ministero dell'Economia e delle Finanze


aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende