Veriano Luchetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Veriano Luchetti (Tuscania, 12 marzo 1939Roma, 23 aprile 2012[1]) è stato un tenore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò canto privatamente a Roma e debuttò nel 1965 a Wexford in Traviata. Continuando gli studi di perfezionamento, nel 1967 si esibì al Teatro lirico sperimentale Adriano Belli di Spoleto in Fedora di Umberto Giordano ed apparve in diversi teatri italiani, fra cui il Regio di Parma, nella prima assoluta di Una donna uccisa con dolcezza di Roberto Hazon, e il Teatro Verdi di Trieste ne Il furioso all'isola di San Domingo di Gaetano Donizetti.

Nel 1971 partecipò alla ripresa de L'Africana di Giacomo Meyerbeer nell'apertura del Maggio musicale fiorentino, che ne sancì la consacrazione e agì da trampolino di lancio verso i grandi centri lirici internazionali. In tale occasione l'importanza dei mezzi vocali in quanto a corposità ed estensione, l'omogeneità tra i registri e la spontaneità nel fraseggio produssero un'immediata sensazione[senza fonte].

Firenze fu la piazza italiana dove apparve con maggior frequenza, inaugurando il "Maggio" ancora nel 1974 e nel 1978, rispettivamente con Agnese di Hohenstaufen di Gaspare Spontini e I vespri siciliani di Giuseppe Verdi. Interpretò inoltre Madama Butterfly e Le Villi di Puccini, Attila e La forza del destino di Verdi e l'Eugenio Onieghin di Pëtr Il'ič Čajkovskij.

Partecipò a sette stagioni dell'Arena di Verona (esordendovi in Romeo e Giulietta) e partecipò a diverse produzioni della RAI, tra le quali, nel 1971, un'importante ripresa dell'Edgar di Puccini, ripreso anche l'anno successivo alla radio di stato francese.

Nel 1971 debuttò negli Stati Uniti, a Filadelfia, con Lucia di Lammermoor di Donizetti e Tosca di Puccini e nel 1973 al Covent Garden di Londra (Madama Butterfly), dove ritornò ogni anno sino al 1977 e ancora nel 1980. Fu anche a Vienna, all'Opéra di Parigi, dove esordì nel 1975 con Don Carlo di Verdi, e in altre città europee.

Nel 1975 debuttò alla Scala di Milano con Attila di Verdi, partecipando l'anno successivo alle tournée del teatro a Londra e Washington (Simon Boccanegra, Macbeth, Messa di requiem). Nel 1988 apparve al Metropolitan di New York in Carmen, con Marilyn Horne e la direzione di Placido Domingo.

Sposò il soprano Mietta Sighele.

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Per il Teatro La Fenice di Venezia nel 1965 canta l'Oratorio Trittico di Pasqua di Sante Zanon, lo Stabat Mater (Rossini) con Maria Chiara nel Duomo di Lucca, a Venezia e nel Teatro Verdi (Padova), nel 1966 è Alfredo ne La traviata al Teatro khediviale dell'Opera de Il Cairo e nel 1968 è F. B. Pinkerton in Madama Butterfly con Mietta Sighele.

Nel Teatro Comunale di Firenze nel 1972 è Roberto nella prima rappresentazione di "Le Villi" di Giacomo Puccini con la Sighele, Mario Cavaradossi nella ripresa di Tosca (opera) e Foresto nella ripresa di Attila con Nicolai Ghiaurov.

Nel 1975 canta nella ripresa nel Teatro Comunale di Firenze del Requiem (Verdi) diretto da Riccardo Muti con Fiorenza Cossotto e nel 1978 nella ripresa nella Basilica di San Lorenzo di Firenze diretto da Muti con Renata Scotto ed Agnes Baltsa

Nel 1972 è Sänger/Haushofmeister bei Faninal nella prima rappresentazione radiofonica nell'Auditorium RAI di Napoli di "Der Rosenkavalier" diretto da Georges Prêtre con Gundula Janowitz ed Ileana Cotrubaș.

Nel febbraio 1973 torna a Venezia come Alfredo Germont ne La traviata, in maggio Romeo ne I Capuleti e i Montecchi con Katia Ricciarelli, in novembre Don Carlo con Ghiaurov, Piero Cappuccilli, la Ricciarelli e la Cossotto diretto da Prêtre e nel gennaio 1974 Amenofi in Mosè in Egitto con Cesare Siepi.

Debutta al Wiener Staatsoper nell'aprile 1973 come B.F. Pinkerton in Madama Butterfly, nel 1974 è Alfredo Germont ne La traviata e Rodolfo ne La bohème e nel 1975 canta il Requiem (Verdi) con la Cossotto e Bonaldo Giaiotti; a Bilbao nel settembre 1973 come Gabriele Adorno in Simon Boccanegra con Cappuccilli e Mirella Freni e Cavaradossi in Tosca con Enzo Dara; all'Opéra di Parigi, dove esordì nel 1975 con Don Carlo di Verdi, e in altre città europee.

Al Teatro Verdi (Trieste) nel 1974 è Cavaradossi in Tosca con Alfredo Mariotti e Romeo ne I Capuleti e i Montecchi con la Ricciarelli.

Nel 1975 debutta alla Scala come Foresto nella prima rappresentazione di Attila (opera) di Verdi diretto da Giuseppe Sinopoli, partecipando l'anno successivo alle tournée del teatro al Covent Garden di Londra ed al Washington National Opera (Gabriele Adorno in Simon Boccanegra con la Freni diretto da Claudio Abbado, Macduff in Macbeth con Shirley Verrett diretto da Claudio Abbado, Messa di requiem) ed interpreta "Un cantante" nella prima di Il cavaliere della rosa con Lucia Popp diretto da Carlos Kleiber.

All'Arena di Verona esordisce in Romeo e Giulietta nel 1977, nel 1980 con la Sighele e nel 1990 con Grace Bumbry, Alida Ferrarini e Giorgio Zancanaro, è Don Josè in Carmen (opera).

Nel 1979 torna a Venezia come Mario Cavaradossi in Tosca diretto da Sinopoli, nel 1986 come Macfuff in Macbeth e nel 1987 Foresto in Attila con Samuel Ramey.

Al San Francisco Opera nel 1979 è Don Alvaro ne La forza del destino con Leontyne Price e Renato Bruson.

Al Teatro dell'Opera di Roma nel 1979 è Cavaradossi in Tosca con Raina Kabaivanska ed Éva Marton diretto da Daniel Oren e nel 1985 Osmide in Démophon di Luigi Cherubini con Montserrat Caballé e Giuseppe Taddei.

All'Opera di Chicago nel 1980 è Foresto in Attila e nel 1982 Mario Cavaradossi in Tosca con Grace Bumbry e la Marton.

Ancora a Vienna nel 1984 è Gabriele Adorno in Simon Boccanegra con Bruson, la Ricciarelli diretto da Claudio Abbado e nel 1988 Foresto in Attila.

Sempre nel 1984 è Gaston nella ripresa nel Théâtre de l'Opéra di Parigi di "Jérusalem" di Giuseppe Verdi con Cecilia Gasdia.

A Salisburgo nel 1985 è Macduff in Macbeth con Cappuccilli, Ghena Dimitrova e Ghiaurov diretto da Riccardo Chailly con i Wiener Philharmoniker.

Nel Teatro Regio di Parma nel 1985 tiene un recital con musiche di Verdi, è Jacopo Foscari nella ripresa di "I due Foscari" con Bruson e nel 1986 è Gaston nella prima rappresentazione di "Jérusalem" con la Ricciarelli e Siepi.

Nel 1987 è Radames nella ripresa nel Nuovo Teatro Regio di Torino di "Aida".

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Incisioni in studio[modifica | modifica wikitesto]

Registrazioni dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AAVV - Grande enciclopedia della Musica Lirica - Longanesi & C. Periodici - Vol. 3.

Controllo di autorità VIAF: 35633547 LCCN: n88652367

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Morto il tenore Veriano Luchetti ANSA.it