Terry Pratchett

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(LA)
« Noli Timere Messorem »
(IT)
« Non temere il mietitore »
(Motto[1])
Terry Pratchett al New York Comic Con, 12 ottobre 2012.

Sir Terence David John Pratchett, meglio conosciuto come Terry Pratchett, (Beaconsfield, 28 aprile 1948[2]), è uno scrittore e glottoteta britannico, noto per i suoi romanzi di fantasy umoristico[3]. È conosciuto dai suoi fan come Pterry, suo nickname nel newsgroup dedicato alle sue opere.

È principalmente noto per la sua lunga serie di romanzi ambientati nel Mondo Disco (Discworld). Il suo primo romanzo, Il popolo del tappeto (The Carpet People), venne pubblicato nel 1981, il primo romanzo del Mondo Disco, Il colore della magia (The Colour of Magic) fu pubblicato dal 1983. Ha scritto in media due libri all'anno, il suo ultimo romanzo Snuff è stata il terzo romanzo per rapidità di vendite nel Regno Unito, con 55.000 copie vendute nei primi tre giorni[4].

Pratchett è stato l'autore più venduto degli anni novanta[5][6] e al 2010 ha venduto complessivamente 65 milioni di copie dei suoi libri, tradotti in 37 lingue[2][7].

Pratchett è stato nominato ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico (OBE) nel 1998 e ha ricevuto il titolo di cavaliere (Knight Bachelor) nel 2009 per i servizi resi alla letteratura.[8][9] Nel 2002 gli è stata assegnata la Carnegie Medal per il suo romanzo per bambini Il prodigioso Maurice e i suoi geniali roditori (The Amazing Maurice and his Educated Rodents)[10].

Nel dicembre 2007 ha pubblicamente annunciato di soffrire dei primi sintomi della malattia di Alzheimer. Successivamente ha fatto una sostanziale donazione pubblica all'Alzheimer's Research Trust[11] e ha registrato un programma che racconta la sua esperienza con la malattia per la BBC[12].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Primi anni[modifica | modifica sorgente]

Terry Pratchett nasce nel 1948 a Beaconsfield, nella contea del Buckinghamshire, Inghilterra, figlio unico di David ed Eileen Pratchett, di Hay-on-Wye. Nel 1957 la sua famiglia si trasferì a Bridgwater nel Somerset. Nel 1959 passò il suo eleven plus esam[13] ottenendo un posto nella John Hampden Grammar School, ma decidendo di frequentare invece la High Wycombe Technical High School.[2] Pratchett si descrive come uno studente qualunque (non descript) e nella sua voce nel Who's Who britannico attribuisce la sua formazione alla Beaconsfield Public Library.[14]

I suoi primi interessi includono l'astronomia,[15] (collezionava le figurine del Brooke Bond riguardo allo spazio, e possedeva un telescopio[16] e voleva diventare un astronomo, ma mancava della necessaria abilità matematica.[15] Comunque, questo lo portò a leggere fantascienza britannica e statunitense.[16] a sua volta questo lo portò a partecipare da circa il 1963/4 alle convention di fantascienza, fino a quando dovette smettere per gli impegni di lavoro qualche anno più tardi.[16] Le sue prime letture includono i lavori di H. G. Wells e di Arthur Conan Doyle trovati nella libreria della nonna materna, «Era una libreria molto piccola, ma conteneva ogni libro che deve essere letto» e ora lo considera come «avergli dato un'educazione».[15]

Mostra precocemente una notevole attitudine alla scrittura, tanto che a tredici anni pubblica il suo primo racconto, The Hades Business nel giornale della scuola. Il racconto verrà ripubblicato commercialmente sulla rivista Science Fantasy due anni dopo, nel 1961.[14] Il suo secondo lavoro pubblicato è Night Dweller, apparso nella rivista New Worlds numero 156 nel novembre del 1965.

Pratchett ottenne 5 O-level[17] e iniziò i corsi avanzati (A-level) in arte, inglese e storia. La prima scelta di carriera di Pratchett fu il giornalismo e lasciò la scuola a 17 anni per iniziare a lavorare per il Bucks Free Press dove, tra le altre cose, scriveva diverse storie per la sezione Children's Circle firmandosi con lo pseudonimo Uncle Jim. In una di queste storie compaiono alcuni protagonisti del The Carpet People. Queste storie sono l'obbiettivo di un progetto del Bucks Free Press per renderle disponibile online.[18] Nel tempo liberò terminò il suo corso A-level di inglese e seguì un corso per giornalisti.[2]

Prima carriera[modifica | modifica sorgente]

Pratchett ebbe la sua prima occasione nel 1968, mentre lavorava come giornalista. Durante un'intervista a Peter Bander van Duren, co-direttore di un piccola casa editrice, menzionò di aver scritto una storia, Il popolo del tappeto.[19] Bander van Duren e il suo socio d'affari, Colin Smythe (della Colin Smythe Ltd Publishers) pubblicò il libro nel 1971, con illustrazioni di Pratchett stesso.[2] Il libro ricevette poche, ma ottime recensioni[2] e venne seguito dal romanzi di fantascienza The Dark Side of the Sun (1975) e Strata (1981).[2]

Dopo vari lavori come giornalista in testate giornalistiche di provincia, Western Daily Press, Bath Chronicle, nel 1980 Pratchett divenne addetto stampa per la Central Electricity Generating Board (GEGB), la società di stato britannica per la produzione di energia elettrica, per una zona che comprendeva quattro centrali nucleari. In seguito dichiarerà che aveva dimostrato un «impeccabile tempismo» nell'aver cambiato carriera così presto dopo l'Incidente di Three Mile Island e disse che avrebbe «scritto un libro sulla sua esperienze, se avesse pensato che qualcuno avrebbe potuto credergli.»[20]

Il primo romanzo del Mondo Disco, Il colore della magia (The Colour of Magic) fu pubblicato nel 1983 da Colin Smythe in un'edizione a copertina rigida, mentre i diritti di pubblicazione per il tascabile furono acquistati dalla Corgi, un marchio della Transworld, l'editore corrente. Il romanzo ottiene subito un notevole successo, grazie anche alla Corgi che riesce a promuoverlo efficacemente e addirittura a farlo trasmettere alla BBC come un serial in sei parti, durante la trasmissione Woman's Hour. Le ascoltatrici, a quanto pare, ne sono entusiaste, e la BBC trasmetterà anche un successivo romanzo di Pratchett, L'arte della magia (Equal Rites). I diritti per le successive edizioni in copertina rigida furono acquistati dalla Victor Gollancz, che rimase la casa editrice di Pratchett fino al 1997, mentre la Corgi pubblicò le edizioni tascabili e Smythe divenne l'agente letterario di Pratchett. Pratchett fu il primo scrittore di fantasy ad essere pubblicato dalla Gollancz.[2]

Pratchett lasciò il suo lavoro alla GEGB nel 1987 dopo aver completato il quarto romanzo del Mondo Disco, Morty l'apprendista (Morty), per potersi concentrare completamente sulla scrittura. Le vendite dei suoi libri crebbero rapidamente e molti dei suoi libri occupano i primi posti delle liste dei best-seller. Secondo il The Times, Pratchett fu lo scrittore inglese più venduto e con il maggior guadagno del 1996.[2] Alcuni dei suoi libri sono stati pubblicati dalla Doubleday, un altro marchio della Transworld. Negli Stati Uniti Pratchett è pubblicato dalla HarperCollins.

Secondo la Bookseller's Pocket Yearbook del 2005, nel 2003 le vendite sul mercato inglese di Pratchett ammontavano al 3,4% del mercato della narrativa e al 3.8% del valore, piazzandolo al secondo posto dopo J. K. Rowling (6% e 5,6% rispettivamente), mentre nelle vendite dei tascabili era 5º, dopo James Patterson (1.9% e 1.7%), Alexander McCall Smith, John Grisham e J. R. R. Tolkien).[21] È l'autore i cui libri sono maggiormente rubati nel Regno Unito.[22]

Vita corrente[modifica | modifica sorgente]

Terry Pratchett alla Worldcon 2005 in Glasgow, agosto 2005

Terry Pratchett ha sposato sua moglie Lyn nel 1968,[2] e nel 1970 si trasferirono a Rowberrow, Somerset. La loro figlia Rhianna Pratchett, a sua volta una scrittrice, nacque nel 1976. Nel 1993 la famiglia si trasferì in un villaggio a nord-ovest di Salisbury, Wiltshire, dove vivono al 2012. Tra le sue attività ricreative elenca «scrivere, camminare, usare il computer, vivere».[23] Si descrive come un umanista ed è un distinguished supporter della British Humanist Association[24] e un honorary associate della National Secular Society.[25]

Pratchett è noto per l'abitudine di indossare larghi cappelli fedora neri,[26] come compare spesso nelle foto sul retro di copertina dei suoi libri. Il suo stile è stato descritto come «come più da cowboy urbano che da gentleman cittadino»[27]

Il 31 dicembre 2008 fu annunciato che Pratchett avrebbe ricevuto il titolo di Knight Bachelor al New Year Honours della Regina del 2009.[8] Venne investito formalmente a Buckingham Palace il 18 febbraio 2009.[28] Successivamente disse, «You can't ask a fantasy writer not to want a knighthood. You know, for two pins I'd get myself a horse and a sword.»[29] Alla fine del 2009 si fece realmente una spada con l'aiuto di alcuni amici, raccontò a un intervistatore di Times Higher Education che «Alla fine dell'anno scorso mi feci una spada. Scavai il minerale di ferro da un campo distante cinque miglia — fui aiutato da alcuni amici. Estraemmo 80 kg di minerale, usando argilla dal giardino e paglia costruimmo una fornace e l'accendemmo con una scintilla da un archetto. — Colin Smythe, suo agente letterario e amico da lungo tempo donò dei pezzi di ferro meteoritico — questo ha un posto speciale nella magia e l'aggiungemmo alla fusione, e ricordo che quando liberammo il ferro sembrava argento. Toccai e maneggiai tutto quello che lo riguardava e così via... E ogni cosa era come doveva essere, così mi sembrava»[30]

È stato insignito del titolo di Ufficiale dell'Order of the British Empire (OBE) nel 1998 per servizi alla letteratura. Nel 1999 gli è stato conferito il dottorato honoris causa in Lettere dall'Università di Warwick.

Nel gennaio 2009 Pratchett è stato insignito del titolo di Cavaliere dalla regina Elisabetta.

La malattia di Alzheimer[modifica | modifica sorgente]

Nell'agosto 2007, a Pratchett fu erroneamente diagnosticato un piccolo ictus avvenuto nel 2004 o nel 2005, che si credette aver danneggiato la parte destra del suo cervello. Mentre le sue capacità motorie erano state influenzate, il danno osservato aveva lasciato integre le sue capacità di scrivere.[27] L'11 dicembre 2007, Pratchett ha reso noto su Internet che gli è stata fatta una nuova diagnosi di una forma molto rara della malattia di Alzheimer precoce, che "era responsabile dell'ictus fantasma di quest'anno", secondo le sue parole. La forma della malattia si chiama atrofia corticale posteriore[31], nella quale aree della parte posteriore del cervello iniziano a ridursi di volume.[32] Pratchett in un'intervista radio ha definito la sua malattia un problemuccio (embuggerance) e ha chiesto al suo pubblico di "tenere alto il morale" e ha dichiarato "qua stiamo prendendo la cosa piuttosto con filosofia e, se possibile, con un cauto ottimismo."[33] Prevenendo le ovvie domande, Pratchett ha detto che ritiene di avere tempo per "almeno qualche altro libro", e ha aggiunto che, sebbene comprenda l'impulso a chiedere "c'è qualcosa che possa fare?", in questo caso particolare prenderà in considerazione offerte di questo tipo solo da parte di "grandi esperti in chimica del cervello."[33] Parlando della diagnosi al Festival della Letteratura di Bath, Pratchett ha ammesso di non essere più in grado di scrivere dediche assieme agli autografi sui libri.[34]

Nel marzo 2008, Pratchett ha annunciato di donare un milione di dollari statunitensi all'Alzheimer's Research Trust, dicendo di aver parlato con almeno tre persone sopravvissute al cancro al cervello, ma con nessun sopravvissuto all'Alzheimer, e che era stato scioccato dal "vedere che i finanziamenti per la ricerca sull'Alzheimer sono solamente il 3% rispetto a quelli per la ricerca sul cancro."[32][35][36] Riguardo a questa donazione, Pratchett ha detto: "come molte altre persone, sto cercando di tirare avanti abbastanza a lungo per poter essere ancora qui quando verrà trovata la cura."[37] La donazione di Pratchett ha ispirato una campagna su Internet in cui i fan sperano di "raddoppiare per Pratchett" (Match it for Pratchett), raccogliendo un ulteriore milione di dollari.[38]

Nell'aprile 2008 la BBC ha iniziato a lavorare con Pratchett per produrre un documentario in due parti basato sulla sua malattia.[39] La prima puntata di Terry Pratchett: Living With Alzheimer's fu trasmessa su BBC Two il 4 febbraio 2009, ottenendo 2,6 milioni di spettatori e uno share del 10,4%.[40] La seconda puntata trasmessa l'11 febbraio 2009, ottenne un ascolto di 1,72 milioni di persone e uno share del 6,8%.[41] Il programma vinse un premio BAFTA nella categoria miglior serie o elemento dal vero.[42] Pratchett è anche comparso nella puntata del 15 maggio 2008 di The One Show per parlare delle sue condizioni. È stato il soggetto di un'intervista nella puntata del 20 maggio 2008 di On the Ropes su BBC Radio 4, in cui ha discusso dell'Alzheimer e di come ha influenzato la sua vita.

Dall'agosto 2008 Pratchett ha iniziato a testare un prototipo per il trattamento della sua condizione. Nonostante alcuni miglioramenti della sua condizione,[43] la capacità dello strumento di alterare il corso della malattia viene visto con scetticismo.[44]

Il 26 novembre 2008 Pratchett ha incontrato il primo ministro Gordon Brown, a cui ha richiesto un aumento dei fondi per la ricerca sull'Alzheimer.[45]

In un articolo pubblicato a metà del 2009, Pratchett ha affermato che desidera commettere un suicidio assistito (sebbene non gli piaccia il termine), prima che la sua malattia progredisca fino a un punto critico.[46] Pratchett fu scelto dalla BBC per dare leggere la Richard Dimbleby Lecture del 2010,[47] intitolato Shaking Hands With Death ("Dare una stretta di mano alla Morte"), che venne trasmessa il 1º febbraio 2010.[48] Pratchett nella sua lettura introduce l'argomento della morte assistita, ma la maggior parte del testo venne letto dal suo amico Tony Robinson a causa delle difficoltà che Pratchett ha con la lettura a causa delle sue condizioni.[49][50][51]

A causa delle sue condizioni Pratchett detta i suoi testi al suo assistente Rob Wilkins o al computer usando un programma di riconoscimento vocale.[2]

Nel giugno 2011 Pratchett ha presentato un documentario della BBC intitolato Terry Pratchett: Choosing to Die sul soggetto della morte assistita, che vinse il BAFTA scozzese nel novembre 2011[52] Sempre a inizio giugno è stata ripresa dalle maggiori testate giornalistiche la notizia che Terry Pratchett ha iniziato il processo formale che potrebbe completarsi con il suicidio assistito (probabilmente in Svizzera).[53]

Internet[modifica | modifica sorgente]

Pratchett è stato uno dei primi autori ad usare Internet per comunicare con i fan e ha contribuito al newsgroup di Usenet alt.fan.pratchett per oltre un decennio. È stato sovente scambiato per un impostore ed accusato di fingersi Terry Pratchett.[senza fonte]

Interessi[modifica | modifica sorgente]

Computer e Internet[modifica | modifica sorgente]

Pratchett iniziò a usare un computer per scrivere non appena ne ebbe uno disponibile. Il suo primo computer fu un Sinclair ZX81, il primo che usò propriamente per scrivere fu un Amstrad CPC 464, successivamente rimpiazzato da un PC. Pratchett fu uno dei primi autori a utilizzare normalmente Internet per comunicare con i suoi fan e ha contribuito al newsgroup Usenet alt.fan.pratchett fin dal 1992.[54] Comunque non considera Internet un hobby, semplicemente un'altra "cosa da usare".[20] Ora possiede diversi computer[20] e si porta sempre dietro un portatile quando viaggia.[20] I suoi esperimenti con gli aggiornamenti dei computer si riflettono in Hex, il computer dell'Università Invisibile del Mondo Disco.[55]

Pratchett è anche un avido videogiocatore e ha collaborato con la creazione di diversi adattamenti in videogioco dei suoi libri. I suoi giochi preferiti sono quelli "intelligenti con una certa profondità" e ha citato come esempi Half-Life 2 e missione prodotte dai fan per Thief.[56]

Storia naturale[modifica | modifica sorgente]

Pratchett ha citato più volte di essere affascinato dalla storia naturale. Possiede una serra piena di piante carnivore.[57]

Nel 1995 una tartaruga marina fossile della Nuova Zelanda, risalente all'Eocene venne battezzata in suo onore Psephophorus terrypratchetti dal paleontologo R. Köhler.[58]

Orango[modifica | modifica sorgente]

Pratchett è un affidatario della Orangutan Foundation UK[59] ma è pessimista sul suo futuro.[60] Le sue attività hanno incluso visitare nel 1995 il Borneo con una squadra di ripresa di Channel 4 per girare un episodio di Jungle Quest, filmando gli oranghi nel loro habitat naturale.[61] Seguendo il suo esempio gli eventi organizzati dai fan di Pratchett hanno adottato l'Orangutan Foundation come loro opera caricatevole. Uno dei personaggi fittizi più popolari di Pratchett è il Bibliotecario (Librarian) un mago dell'Università Invisibile che è stato trasformato in un orangotango da un incidente magico.

Astronomia[modifica | modifica sorgente]

Il suo interesse per l'astronomia fin dall'infanzia l'ha spinto a costruire un osservatorio nel suo giardino.[15][16] L'asteroide 127005 Pratchett è stato battezzato in suo onore.[62]

È stato ospite nella puntata del cinquantennale del programma della BBC The Sky at Night il 12 maggio 2007.[63]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Pratchett è stato nominato ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico (OBE) nel 1998 e ha ricevuto il titolo di cavaliere (Knight Bachelor) nel 2009 per i servizi resi alla letteratura.[8][64]. In seguito a ciò ha commentato sulla SF/fan newsletter Ansible, «Sospetto che i "servizi alla letteratura" consistano nel trattenersi dallo scriverne» (suggerendo che il titolo ricevuto fosse più un riconoscimento del successo ottenuto che del genere fantasy). Comunque aggiunte «In ogni caso non posso trattenermi dall'esserne potentemente esultante»[65]

Pratchett è stato l'autore di fantasy e fantascienza dell'anno del British Book Awards per il 1994.[66]

Pratchett vinse il British Science fictionAward nel 1989 con il romanzo, Maledette piramidi (Pyramids)[67] e un Premio Locus per il miglior romanzo fantasy nel 2008 con Making Money.[68]

Pratchett ha ricevuto otto lauree honoris causa:

Nel 2002 gli è stata assegnata la Carnegie Medal per il suo romanzo per bambini Il prodigioso Maurice e i suoi geniali roditori (The Amazing Maurice and his Educated Rodents)[10] Night Watch ha vinto il Premio Prometheus del 2003 per il miglior romanzo libertario the 2003.[77]

Nel 2003 Pratchett divenne il secondo autore dopo Charles Dickens ad avere 5 libri nella lista dei 'Top 100' Big Read della BBC (quattro di questi erano romanzi del Mondo Disco). Pratchett è anche l'autore con più romanzi nella 'Top 200': ben 15.[78] Tre dei quattro romanzi del Mondo Disco erano incentrati sul personaggio di Tiffany Aching "strega in addestramento" e ognuno di essi ha ricevuto il Premio Locus Award per il miglio romanzo per giovani adulti (nel 2004, 2005 e 2007).[79]

Pratchett ha ricevuto lo Skylark Award nel 2009.[80] Nel 2010 ha ricevuto un World Fantasy award per l'opera della sua vita.[81] Nel 2011 ha ricevuto il Margaret A. Edwards Award dalla Young Adult Library Services Association, una divisione della American Library Association, in riconoscimento della sua significativa e duratura contribuzione alla letteratura per i giovani adulti.[82]

È stato nominato professore nella scuola di inglese del Trinity College Dublin nel 2010, con un ruolo nell'educazione postlaurea in scrittura creativa e letteratura popolare.[83]

Nel 2010 I Shall Wear Midnight ha vinto l'Andre Norton Award per la fantasy e fantascienza per giovani adulti, assegnato dalla Science Fiction and Fantasy Writers of America (SFWA) come parte della cerimonia del Premio Nebula.[84]

Fandom[modifica | modifica sorgente]

I romanzi del Mondo Disco hanno portato a convention dedicate, la prima a Manchester nel 1996[85] e successivamente mondiali[86] spesso con Pratchett come ospite d'onore.[87] La pubblicazione di un nuovo romanzo a volte è stata accompagnata da un tour mondiale di presentazione. Le code sono arrivate ad allungarsi fuori dalla libreria e Pratchett ha dovuto continuare a firmare ben oltre l'ora prevista.[85] I suoi fan non sono limitati da età o genere e ha ricevuto grandi ammontare di posta da essi.[85] A Pratchett piace incontrare i suoi fan e sentire quello che pensano dei suoi libri: dice che poiché hanno pagato per i suoi romanzi, questi «sono tutto per me»[88]

Elenco delle opere[modifica | modifica sorgente]

Serie del Mondo Disco[modifica | modifica sorgente]

Composta attualmente da oltre trenta libri, è la serie ambientata nel Mondo Disco (Discworld).

Ciclo di Scuotivento[modifica | modifica sorgente]

Ciclo delle streghe[modifica | modifica sorgente]

Ciclo di Morte[modifica | modifica sorgente]

Ciclo della guardia[modifica | modifica sorgente]

Ciclo di Tiffany[modifica | modifica sorgente]

Ciclo di Moist von Lipwig[modifica | modifica sorgente]

Altri[modifica | modifica sorgente]

Serie del Piccolo Popolo[modifica | modifica sorgente]

Serie di Johnny Maxwell[modifica | modifica sorgente]

Altri romanzi[modifica | modifica sorgente]

Motivi ricorrenti nell'opera di Pratchett[modifica | modifica sorgente]

Fin dai primi lavori, Pratchett dispiega un umorismo di tipo paradossale che è stato paragonato a quello di Douglas Adams.

Con il procedere della sua produzione, questi elementi permangono, ma se ne inseriscono altri di tipo più serio, passando dalla parodia del genere (Il colore della magia) a elementi tra il quotidiano, il fantastico e il filosofico (Morty l'apprendista, Il tristo mietitore), di esame delle religioni (Tartarughe divine) o di critica sociale (spesso espresse dal personaggio di Samuel Vimes, nel ciclo delle Guardie).

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Stemma di Terry Pratchett

Terry Pratchett Arms.svg

Upon a Helm with a Wreath Argent and Sable On Water Barry wavy Sable Argent and Sable an Owl affronty wings displayed and inverted Or supporting thereby two closed Books erect Gules
Scudo: Sable an ankh between four Roundels in saltire each issuing Argent
Motto: Noli Timere Messorem ("Non temere il mietitore").[1]

Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 1998
Knight Bachelor - nastrino per uniforme ordinaria Knight Bachelor
«Per i servizi resi alla letteratura»
— 2009

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b The College of Arms September 2010 in College of Arms, settembre 2010. URL consultato il 7 maggio 2011.
  2. ^ a b c d e f g h i j k (EN) Colin Smythe, A short biography by Colin Smythe, Colin Smythe Limited. URL consultato il 9 agosto 2012 (archiviato il 9 agosto 2012).
  3. ^ Terry Pratchett Interview. URL consultato il 17 dicembre 2008.
  4. ^ (EN) Hex, Snuff - third fastest selling novel since records began!, terrypratchett.co.uk, 19 ottobre 2011. URL consultato il 9 agosto 2012.
  5. ^ (EN) Sally Weale, Life on planet Pratchett in Guardian Unlimited (Londra), 8 novembre 2002. URL consultato il 6 giugno 2007 (archiviato il 9 agosto 2012).
  6. ^ Terry Pratchett in conversation, BBC Wiltshire, luglio 2003. URL consultato il 6 giugno 2007 (archiviato il 9 agosto 2012).
  7. ^ (EN) One man and his fantasy in The Irish Times, 6 febbraio 2010. URL consultato il 9 agosto 2012. (sottoscrizione richiesta)
  8. ^ a b c London Gazette: (Supplement) no. 58929. p. 1. 31 December 2008.
  9. ^ Chris Smyth, Terry Pratchett 'flabbergasted' over knighthood in Times Online (Londra), Times Newspapers, 31 dicembre 2008. URL consultato il 7 agosto 2009.
  10. ^ a b (EN) The Carnegie Medal - Full List of Winners, carnegiegreenaway.org.uk, senza data. URL consultato il 9 agosto 2012 (archiviato il 10 agosto 2012).
  11. ^ (EN) Pratchett funds Alzheimer's study in BBC News, 13 marzo 2008. URL consultato il 13 marzo 2008 (archiviato il 9 agosto 2012).
  12. ^ (EN) Mick Tucker, Terry Pratchett: Living with Alzheimer's in BBC News, 4 febbraio 2009. URL consultato il 27 ottobre 2009 (archiviato il 9 agosto 2012).
  13. ^ Un test di ammissione per l'accesso ad alcune scuole, compiuto in alcune contee inglesi all'età di 11 anni
  14. ^ a b Kevin P. Smith, Terry Pratchett in The Literary Encyclopedia, 20 settembre 2002. URL consultato il 1º luglio 2009.
  15. ^ a b c d (EN) Talking with Terry Pratchett, terrypratchettbooks.com, no date. URL consultato l'8 giugno 2007 (archiviato dall'url originale il 23 maggio 2007).
  16. ^ a b c d (EN) Jim Young, Terry Pratchett on the origins of Discworld, his Order of the British Empire and everything in between, www.scifi.com, no date. URL consultato il 17 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2008).
  17. ^ Esame di valutazione di scuola secondaria
  18. ^ website www.terrypratchett.weebly.com, un progetto gestito dal Bucks Free Press e i Friends of High Wycombe Libraries
  19. ^ (EN) Welcome to the world of Terry in The Scotsman online, 16 ottobre 2003. URL consultato il 17 dicembre 2008 (archiviato il 9 agosto 2012).
  20. ^ a b c d (EN) Claire E. White, A conversation with Terry Pratchett in Writerswrite.com, 26 marzo 2007. URL consultato il 17 dicembre 2008 (archiviato il 9 agosto 2012).
  21. ^ (EN) Discworld Monthly - Issue 100: August 2005 - New from Colin Smythe (Pratchett's agent), Jason Anthony, DiscworldMonthly.co.uk, agosto 2005. URL consultato il 6 giugno 2007 (archiviato dall'url originale il 9 agosto 2012).
  22. ^ (EN) Terry Pratchett's fantasy world, BBC, 27 maggio 1999. URL consultato il 21 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 9 agosto 2012).
  23. ^ (EN) Maljonic, Terry Pratchett Biography in The Terry Pratchett Unseen Library, 26 marzo 2007. URL consultato il 17 dicembre 2008 (archiviato il 9 agosto 2012).
  24. ^ Terry Pratchett OBE: Fantasy fiction author, satirist and distinguished supporter of Humanism in British Humanist Association website. URL consultato il 17 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2007).
  25. ^ (EN) Honorary Associates: Sir Terry Pratchett in National Secular Society website. URL consultato il 26 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 9 agosto 2012).
  26. ^ (EN) Sanjida O'Connell, Terry Pratchett: Fighting to keep the fantasy alive, New Scientist, 4 novembre 2009. URL consultato il 10 agosto 2012.
  27. ^ a b (EN) Moira Petty, Terry Pratchett: 'I had a stroke - and I did not even notice', Daily Mail, 29 ottobre 2007. URL consultato il 10 agosto 2012 (archiviato il 9 agosto 2012).
  28. ^ London Gazette: no. 59160. pp. 14245–14246. 18 agosto 2009. URL consultato il 15 ottobre 2009.
  29. ^ Quotes of the week ...They said what? in The Observer (Londra), 22 febbraio 2009. URL consultato il 15 ottobre 2009.
  30. ^ (EN) John Gilbey, Fantastic voyager, Times Higher Education, 16 settembre 2010. URL consultato il 10 agosto 2012 (archiviato il 10 agosto 2012).
  31. ^ (EN) Terry Pratchett, Terry Pratchett: I'm slipping away a bit at a time... and all I can do is watch it happen in The Daily Mail, 7 ottobre 2008. URL consultato il 2 luglio 2012 (archiviato il 10 agosto 2012).
  32. ^ a b (EN) Pratchett funds Alzheimer's study, BBC News, 13 marzo 2008. URL consultato il 13 marzo 2008 (archiviato il 10 agosto 2012).
  33. ^ a b (EN) An Embuggerance, Terry Pratchett, PJSMPrints.com, 11 dicembre 2007. URL consultato il 1º febbraio 2008 (archiviato il 10 agosto 2012).
  34. ^ (EN) People: Sienna Miller, Terry Pratchett, Javier Bardem, www.timesonline.co.uk, 27 febbraio 2008. URL consultato il 4 marzo 2008.
  35. ^ (EN) Terry Pratchett pledges $1 million to Alzheimer's Research Trust, Alzheimer's Research Trust, 13 marzo 2008. URL consultato il 13 marzo 2008 (archiviato il 10 agosto 2012).
  36. ^ Pratchett funds Alzheimer's study in BBC News, BBC, 13 marzo 2008. URL consultato il 7 agosto 2009.
  37. ^ (EN) Terry Pratchett supports Alzheimer's Research Trust, Charities Aid Foundation, 14 marzo 2008. URL consultato il 25 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2008).
  38. ^ Match It For Pratchett, Match It For Pratchett. URL consultato il 20 aprile 2008 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).
  39. ^ (EN) BBC Documentary in Discworld News, 15 aprile 2008. URL consultato il 20 aprile 2008 (archiviato il 10 agosto 2012).
  40. ^ (EN) Neil Wilkes, 'Minder' revival starts with 2.4m, Digital Spy, 5 febbraio 2009. URL consultato il 14 febbraio 2009 (archiviato il 10 agosto 2012).
  41. ^ (EN) Neil Wilkes, 'Minder' remake drops 600,000, Digital Spy, 12 febbraio 2009. URL consultato il 14 febbraio 2009 (archiviato il 10 agosto 2012).
  42. ^ (EN) BAFTA Scotland Awards - The Highlights, editore, 23 novembre 2009. URL consultato il 10 agosto 2012 (archiviato il 10 agosto 2012).
  43. ^ (EN) Sir Terry Pratchett trials revolutionary light helmet that promises to slow Alzheimer's, The Daily Mail, 12 gennaio 2009. URL consultato il 4 febbraio 2009 (archiviato il 10 agosto 2012).
  44. ^ (EN) Dan Child, ABC News: Alzheimer's Hat Draws Skepticism, editore, 28 gennaio 2008. URL consultato il 10 agosto 2012 (archiviato il 12 agosto 2012).
  45. ^ (EN) Brown meets Pratchett and ART representatives and pledges Alzheimer's funding rethink, Alzheimer's Research Trust, 27 novembre 2008. URL consultato il 17 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2009).
  46. ^ Chris Irvine, Sir Terry Pratchett: coroner tribunals should be set up for assisted suicide cases in Telegraph, 2 agosto 2009. URL consultato il 12 agosto 2012.
  47. ^ (EN) Sir Terry Pratchett to give 2010 Dimbleby Lecture, BBC Press Office, 14 gennaio 2010. URL consultato il 1º febbraio 2010.
  48. ^ (EN) Maev Kennedy, Sir Terry Pratchett calls for euthanasia tribunals in The Guardian (Londra), 1º febbraio 2010. URL consultato il 1º febbraio 2010.
  49. ^ (EN) Terry Pratchett, A tribunal of mercy in The Guardian (Londra), 1º febbraio 2010. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  50. ^ (EN) Martin Williams, 'A death worth dying for' in The Herald, 2 febbraio 2010. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  51. ^ Richard Henley Davis, Terry Pratchett speaks at the 34th Richard Dimbleby lecture in The Economic Voice, 2 febbraio 2010. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  52. ^ (EN) Claire Smith, Bafta honours outstanding Robbie Coltrane in The Scotman, 14 novembre 2011. URL consultato il 12 agosto 2012.
  53. ^ (EN) Martin Evans, Sir Terry Pratchett begins process that could lead to assisted suicide, 9 giugno 2011.
  54. ^ alt.fan.pratchett, Terry Pratchett, groups.google.com, 5 luglio 1992. URL consultato il 6 giugno 2007.
  55. ^ (EN) PalmPilot. Private interview carried out by Mike Richardson, lspace.org, 5 luglio 1992. URL consultato l'8 giugno 2007 (archiviato il 10 agosto 2012).
  56. ^ (EN) PC Interviews - Terry Pratchett, PC Zone Staff, 1º agosto 2006. URL consultato l'8 giugno 2007 (archiviato il 10 agosto 2012).
  57. ^ (EN) Sir Ter, Sir Terry Pratchett - Author, h2g2, 28 aprile 2010. URL consultato il 12 agosto 2012.
  58. ^ R. Köhler, A new species of the fossil turtle Psephophorus (Order Testudines) from the Eocene of the South Island, New Zealand in Journal of the Royal Society of New Zealand, vol. 25, nº 3, 1995, pp. 371–384, DOI:10.1080/03014223.1995.9517495.
  59. ^ (EN) Orangutan Foundation Board of Trustees, Orangutan Foundation UK, no date. URL consultato il 10 agosto 2012 (archiviato il 10 agosto 2012).
  60. ^ Meeting Mr Pratchett, The Age, 17 febbraio 2007. URL consultato il 17 febbraio 2008 (archiviato il 10 agosto 2012).
  61. ^ Short Stories: Terry Pratchett's Jungle Quest, BFI Film & TV Database, no date. URL consultato il 6 giugno 2007.
  62. ^ Asteroid 127005 at NASA JPL Minor Planets list, NASA. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  63. ^ (EN) Birthday Party, BBC, 6 maggio 2007. URL consultato il 10 agosto 2012.
  64. ^ Pratchett leads showbiz honours in BBC News, 31 dicembre 2008. URL consultato il 1º gennaio 2009.
  65. ^ (EN) Ansible 132, July 1998 in Ansible online, luglio 1998. URL consultato il 18 dicembre 2008 (archiviato il 10 agosto 2012).
  66. ^ Previous Winners & Shortlists - The Fantasy and Science Fiction Author of the Year, BritishBookAwards.co.uk, agosto 2005. URL consultato il 6 giugno 2007 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2007).
  67. ^ 1989 Award Winners & Nominees in Worlds Without End. URL consultato il 29 giugno 2009.
  68. ^ 2008 Award Winners & Nominees in Worlds Without End. URL consultato il 29 giugno 2009.
  69. ^ Terry Pratchett Receives Honorary Degree from University of Warwick in University of Warwick web site, 8 luglio 2004. URL consultato il 18 dicembre 2008.
  70. ^ Honorary Awardees of the University of Portsmouth in University of Portsmouth web site, 6 ottobre 2006. URL consultato il 18 dicembre 2008.
  71. ^ Discworld author's doctor honour in BBC News, 6 dicembre 2003. URL consultato il 18 dicembre 2008.
  72. ^ Honorary Degrees awarded at Bristol University today in Bristol University web site, 16 luglio 2004. URL consultato il 18 dicembre 2008.
  73. ^ Author gets honorary doctorate in Salisbury Journal online, 12 settembre 2008. URL consultato il 28 dicembre 2008.
  74. ^ Naturalist Sir David Attenborough and Writer Terry Pratchett Among Recipients of Honorary Degrees in Trinity College Dublin, 15 dicembre 2008. URL consultato il 24 dicembre 2008.
  75. ^ Bradford University awards honorary degree in Telegraph and Argus, 31 luglio 2009. URL consultato il 31 luglio 2009.
  76. ^ Pratchett is awarded doctorate in BBC News, 23 ottobre 2009. URL consultato il 10 agosto 2012.
  77. ^ (EN) Libertarian Futurist Society. URL consultato il 18 febbraio 2008 (archiviato il 10 agosto 2012).
  78. ^ The Big Read, BBC, no date. URL consultato il 6 giugno 2007.
  79. ^ Locus Awards Winners By Year, Locus Publications, 2007. URL consultato il 21 giugno 2007.
  80. ^ (EN) The E. E. Smith Memorial Award, New England Science Fiction Association. URL consultato il 10 agosto 2012 (archiviato il 10 agosto 2012).
  81. ^ (EN) World Fantasy Convention, 2010 World Fantasy Award Winners & Nominees, 2010. URL consultato il 4 febbraio 2011 (archiviato il 10 agosto 2012).
  82. ^ (EN) Bacigalupi and Pratchett Win ALA Awards, Locus Online, 10 gennaio 2011. URL consultato il 10 agosto 2012 (archiviato il 10 agosto 2012).
  83. ^ Terry Pratchett joins the staff at Trinity College Dublin, www.siliconrepublic.com, 29 ottobre 2010. URL consultato il 30 ottobre 2010.
  84. ^ Nebula Award Winners Announced in Science Fiction and Fantasy Writers of America Inc, 21 maggio 2011.
  85. ^ a b c Iwan Lamble, Arena interview, www.lspace.org, 22 novembre 1997. URL consultato il 17 febbraio 2008 (archiviato il 10 agosto 2012).
  86. ^ (EN) Discworld Conventions, www.lspace.org, no date. URL consultato il 17 febbraio 2008 (archiviato il 10 agosto 2012).
  87. ^ (EN) Past Events, www.dwcon.org, no date. URL consultato il 17 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2007).
  88. ^ Terry Pratchett's Discworld, januarymagazine.com, 1997. URL consultato il 17 febbraio 2008.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 76382712 LCCN: n81047837