The Irish Times

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Irish Times
Stato Irlanda Irlanda
Lingua inglese
Periodicità quotidiano
Genere stampa nazionale
Formato broadsheet
Fondazione 1859[1]
Sede Dublino
Diffusione cartacea 119.000[1] (2013)
Direttore Kevin O'Sullivan
Sito web www.irishtimes.com
 

The Irish Times è un quotidiano irlandese fondato il 29 marzo 1859. Il quotidiano vanta firme quali Fintan O'Toole e Miriam Lord. Il primo ministro, Garret FitzGerald è stato un giornalista di questa testata, firmando articoli in materia di economia.[2] Anche politici come Bill Clinton e Tony Blair hanno pubblicato editoriali su questo quotidiano.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Anche se nato con posizioni nazionaliste, dopo un ventennio, con nuovi editori, divenne la voce dell'unionismo irlandese[3] In epoca contemporanea non è più considerato un giornale unionista ma è generalmente percepito come un quotidiano liberale e progressista, con idee di centro destra in ambito economico.[4]

Edizione on-line[modifica | modifica sorgente]

Dal 1994, il quotidiano offre ai propri lettori anche una versione on-line, rinnovata graficamente nel 2008. Nel sito è anche a disposizione un motore di ricerca per scaricare, a pagamento, copie del quotidiano sin dalla sua fondazione.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c www.presseurop.eu
  2. ^ (EN) www.scotsman.com
  3. ^ Mark O'Brien, The Irish Times: A History, Four Courts Press, 2008. ISBN 978-1-84682-123-3.
  4. ^ McCabe,Conor, Sins of the Father: Tracing the Decisions That Shaped the Irish Economy (Dublin, 2011), p. 179.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria