Santa Catarina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Santa Catarina (disambigua).
Santa Catarina
stato federato
Santa Catarina – Stemma Santa Catarina – Bandiera
Localizzazione
Stato Brasile Brasile
Amministrazione
Capoluogo Florianópolis
Governatore Raimundo Colombo (PSB) dal 2011
Territorio
Coordinate
del capoluogo
27°35′49″S 48°32′56″W / 27.596944°S 48.548889°W-27.596944; -48.548889 (Santa Catarina)Coordinate: 27°35′49″S 48°32′56″W / 27.596944°S 48.548889°W-27.596944; -48.548889 (Santa Catarina)
Superficie 95 346,181 km²
Abitanti 6 248 436 (2010)
Densità 65,53 ab./km²
Mesoregioni 6
Microregioni 20
Comuni 293
Altre informazioni
Fuso orario UTC-3
ISO 3166-2 BR-SC
Nome abitanti catarinense o barriga-verde
PIL (nominale) 129,806 miliardi di R$
PIL procapite (nominale) 21.214 R$
Rappresentanza parlamentare Camera: 16
Senato: 3
Regione Sud
Inno Hino de Santa Catarina
Cartografia

Santa Catarina – Localizzazione

Sito istituzionale

Santa Catarina è uno dei 27 stati federati del Brasile, localizzato al centro della Regione Sud. La sua capitale, nonché sede del governo è la città di Florianopolis, che si trova sull'isola di Santa Catarina.

Le sue dimensioni territoriali sono di poco superiori a quelle dell'Ungheria, confina a Nord con lo Stato del Paraná, a Sud con lo Stato del Rio Grande do Sul, a Est con l'Oceano Atlantico ed a Ovest con l'Argentina. La sua costa oceanica è lunga circa 450 km.

La sua colonizzazione fu per la maggior parte opera di immigranti europei: gli Azzorriani colonizzarono le coste nel XVIII secolo; i Tedeschi colonizzarono la Vale do Itajaí, parte della regione sud e del nord dello Stato nella metà dell'Ottocento e gli italiani colonizzarono il sud alla fine del medesimo secolo. L'ovest Catarinense fu colonizzato dai Gaucho di origine italiana e tedesca nella prima metà del XX secolo. Gli indici sociali lo collocano tra i migliori stati del Brasile per qualità della vita, secondo solo al Distretto Federale.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Interamente a Sud del Tropico del Capricorno, localizzato nella zona temperata meridionale del pianeta, lo Stato brasiliano possiede un clima subtropicale. Queste condizioni variano secondo la morfologia della regione: se ad ovest e nel Planalto Serrano sono relativamente comuni la brina e le nevicate, nel litorale il clima è più caldo, raggiungendo alte temperature durante la stagione estiva. Alla fine del 2008 alcune regioni dello Stato, principalmente quelle della Vale do Itajaí, sono state colpite da inondazioni a seguito di un intenso periodo di piogge. Molte città rimasero isolate e alcune furono distrutte.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Sulla costa atlantica si trovano molte spiagge, isole, baie e insenature. Nel centro dello Stato si estendono boschi di pino brasiliano, mentre a sud-ovest prevalgono le praterie e ad est e ad ovest le foreste.

Santa Catarina è considerato lo stato più freddo del Brasile. Grazie alla presenza di vari rilievi si possono verificare nevicate. Negli anni novanta, durante un inverno piuttosto rigido, nelle campagne scesero circa 2 metri di neve, pari alla quantità di neve che scende ogni anno sul Canada.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Una casa in pietra costruita dagli immigrati italiani a Nova Veneza.
Case con intelaiatura a traliccio, tipiche dell'Europa Centrale, costruite dagli immigrati tedeschi.

Il primo insediamento nel territorio si ebbe nel 1542 ad opera degli spagnoli. Ad essi subentrarono nel 1675 i portoghesi, che nel 1738 crearono un capitanato. L'attuale territorio di Santa Catarina venne popolato da immigrati europei, soprattutto tedeschi, e italiani, in particolar modo veneti e del Trentino (all'epoca appartenente all'Impero Austro-Ungarico) che vi giunsero in gran numero nel corso del XIX secolo. Ad essi si aggiunsero poi altri italiani, polacchi e russi, contribuendo così a creare molte piccole fattorie a conduzione familiare nelle zone interne del paese. Città come Nova Trento e molte altre cittadine dalle caratteristiche architettoniche trentine e tirolesi dimostrano la massiccia presenza di popolazioni emigrate dall'allora Impero Austro Ungarico.

Verso la fine del marzo 2004 lo stato fu colpito dal primo uragano registrato nell'Atlantico meridionale. Non esistendo un nome per un simile fenomeno, i meteorologi brasiliani hanno coniato l’espressione "ciclone Catarina".

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Santa Catarina è il sesto stato più ricco del Brasile, con una economia diversificata e industrializzata. Centro agricolo e industriale di grande importanza per l’intero paese, vi predominano l’allevamento e l’attività estrattiva. Vi hanno sede grandi giganti industriali quali Embraco e Hering.

Oltre alla capitale, altre città importanti dal punto di vista economico sono Chapecó, Joinville, il centro turistico di Balneário Camboriú e Blumenau, città sede della Oktoberfest (la seconda al mondo per dimensioni).

Bandiera[modifica | modifica wikitesto]

Lo scudo centrale reca il simbolo dello Stato ed è poggiato su una losanga verde, a sua volta posta su tre bande colorate (rosso-bianco-rosso). La bandiera fu adottata il 29 ottobre 1953 con la legge numero 975.

Inno[modifica | modifica wikitesto]

L'Inno di Santa Catarina fu adottato il 6 settembre del 1895. La musica è di José Brazilício de Souza e il testo di Horácio Nunes.

Lingue minoritarie[modifica | modifica wikitesto]

Le lingue minoritarie parlate nello Stato di Santa Catarina possono essere divise in due gruppi:

Città[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Comuni dello stato di Santa Catarina.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]