Sam Shepard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sam Shepard sul set di Stealth - Arma suprema (2005)

Samuel Shepard Rogers IV, meglio noto come Sam Shepard (Fort Sheridan, 5 novembre 1943), è un attore, commediografo e scrittore statunitense considerato dai critici il vero erede del grande teatro statunitense[senza fonte].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Drammaturgo prolifico, molti dei suoi lavori sono noti per essere espliciti e spesso assurdi, e per avere un autentico stile e sensibilità del coraggioso e moderno "American West". Shepard è inoltre un apprezzato attore teatrale e cinematografico.

La sua commedia Buried Child ha ricevuto un premio Pulitzer nel 1979; altri importanti lavori sono Curse of the Starving Class del 1978, True West del 1980 e A Lie of the Mind del 1985.

Nel 2000 mette in scena al Magic Theatre di San Francisco The Late Henry Moss che include nel cast Nick Nolte, Sean Penn, Woody Harrelson e Cheech Marin.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Shepard è stato legato fino al 2009 con l'attrice Jessica Lange. Sam Shepard fu il batterista di un eccentrico gruppo rock della fine degli anni sessanta, gli Holy Modal Rounders.

Il 3 gennaio 2009 è stato arrestato per guida in stato di ebbrezza.[1]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 1986, Shepard fu eletto dall'American Academy of Arts and Letters e, nel 1992, ricevette la Medaglia d'Oro per il Teatro dall'Accademia stessa.

Nel 1994 entrò nella Theatre Hall of Fame. Undici tra le sue più di 45 commedie hanno vinto gli Obie Awards. È stato nominato per due Tony Awards: nel 1996, per Buried Child, e per True West nel 2000.

Buried Child ha ricevuto il Premio Pulitzer nel 1979.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

Commedie[modifica | modifica sorgente]

Libri[modifica | modifica sorgente]

  • Seven Plays, Dial Press, 1984, 368 pagine
  • Fool For Love and Other Plays, Bantam, 1984, 320 pagine
  • The Unseen Hand: and Other Plays, Vintage, 1996, 400 pagine
  • Cruising Paradise, Vintage, 1997, 255 pagine
  • Il grande sogno (Great Dream Of Heaven Vintage), 2003, 160 pagine (antologia)
  • Rolling Thunder Logbook, Da Capo, 2004 ristampa, 176 pagine
  • Motel Chronicles, City Lights, 1983

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Repubblica.it

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 108871266 LCCN: n79151156

Sam Shepard.jpg