Plan de Corones

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Plan de Corones
Kronplatz Suedseite.jpg
Plan de Corones
Stato Italia Italia
Regione Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
Provincia Bolzano Bolzano
Altezza 2.275 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 46°44′17″N 11°57′36″E / 46.738056°N 11.96°E46.738056; 11.96Coordinate: 46°44′17″N 11°57′36″E / 46.738056°N 11.96°E46.738056; 11.96
Altri nomi e significati Kronplatz (tedesco)
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Plan de Corones
Mappa di localizzazione: Alpi
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Orientali
Grande Settore Alpi Sud-orientali
Sezione Dolomiti
Sottosezione Dolomiti di Sesto, di Braies e d'Ampezzo
Supergruppo Dolomiti di Braies
Gruppo Gruppo Colli Alti-Plan de Corones
Sottogruppo Gruppo del Plan de Corones
Codice II/C-31.I-B.11.b

Il Plan de Corones (Kronplatz in tedesco, Plan de Corones in ladino) è una montagna delle Alpi alta 2.275 m s.l.m. Si trova sul versante sud della Val Pusteria, in Alto Adige, 3 chilometri a sud di Brunico.

L'origine del massiccio a forma di panettone, il cui punto più alto si chiama Spitzhörnle[1] o anche Hühnerspiel, è vulcanica.[2]

Sito panoramico, offre un'ampia visuale sulle montagne circostanti, dalle Dolomiti (la montagna più lontana visibile è la Marmolada) fino alle vette delle Alpi in Val Venosta.

Toponimo[modifica | modifica sorgente]

Panorama su Brunico e sulla Valle Aurina dalla cima

Il termine "Plan de Corones" deriva dalla incoronazione leggendaria della principessa Dolasilla, alla quale il padre, il re di Fanes, secondo la leggenda proprio al Plan pose sul capo la Raietta, una corona preziosa con una gemma fulgida al centro.[3] Il nome ladino Plang de Curunes, attestato nel 1780 come Plang de Corones oder Schlichte, ne preserva ancora il significato originale, essendo i Curunes gli antichi spiriti dei monti della leggenda ladina.[4] Il termine Kronplatz ricalca il nome ladino, mentre le forme di origine tedesca sono Spitzhörnle, attestato nel 1557 come Spizhörnle e nel 1840 come Hörnle oder Kronplatz, nonché Hühnerspiel, attestato nel 1474 come Hünerspyl e nel 1485 come Hünerspiel waldl.[5] L'attestazione più antica del nome della montagna è già del 1410: ... auf einen perg haisst Stöllung.[6]

Sviluppo storico moderno[modifica | modifica sorgente]

La cima di Plan de Corones, chiamata Spitzhörnle o Hühnerspiel, vista dal Sass de Putia

Da lungo tempo vi era il desiderio di portare Plan de Corones più vicino ai Brunicensi, vale a dire agli abitanti di Brunico. Già prima della Grande Guerra 1915-1918 venne progettata una teleferica, non realizzata a causa del deflagrare del conflitto. L'idea fu ripresa nel 1938, quando nella riunione del 19 gennaio del consiglio di amministrazione della "Società Dolomiti Funivia Monte Corona" venne commissionata la costruzione di una funivia. Ma il progetto stavolta non riuscì a causa di difficoltà ad ottenere il finanziamento di un milione di lire, tanto che alla fine del 1939, in una riunione generale, fu deciso lo scioglimento della società. Anche negli anni 50 il progetto di una funivia, ripreso da Willy Kofler, allora presidente dell'Azienda di Promozione Turistica (APT) di Brunico, forza trainante per lo sviluppo del Plan de Corones, fallì ancora una volta per mancanza di sostegno economico-finanziario di quei circoli che erano in possesso del capitale necessario. Alla fine del decennio seguì un tentativo di Ernst Luefter e di un gruppo di cittadini di Brunico, che rilanciarono la costruzione della funivia. Nel 1960 fu fondata la "Società Funivia Plan de Corones", con un capitale sociale di 550.000 lire. Nel 1961 essa è stata trasformata in una società cooperativa, con la denominazione di "Impianti di risalita di Plan de Corones Brunico". Il capitale sociale era di un milione di lire. Il 27 settembre 1961 alla ditta "Fratelli Reichegger" di Campo Tures fu fatto un versamento iniziale per la costruzione di una funivia, ma non vi erano fondi sufficienti per la realizzazione dell'opera, che sarebbe costata 283 milioni di lire. Inoltre, il progetto non ricevette nemmeno a Roma la luce verde del Ministero dei Trasporti, per scarsità dei finanziamenti. Fu necessario cercare altrove e successivamente le aziende vennero invitate a presentare un'offerta. Infine, nel 1962, l'incarico per la costruzione della funivia fu assegnato alla ditta "Ceretti Tanfani", che aveva chiesto solo 137 milioni di lire. All'inizio ci sono state grandi difficoltà economiche per il reperimento dei finanziamenti necessari all'opera, ma nonostante ciò, nell'estate del 1963 vennero aperti i cantieri. Così finalmente nel Natale del 1963 furono inaugurati sia la funivia che la sciovia Belvedere. Nella prima stagione sciistica le entrate furono tanto deludenti che gli introiti consentirono soltanto di prendere un prestito per un importo di 125 milioni di lire; con i ben migliori incassi degli anni seguenti furono costruiti numerosi altri impianti. Così il primo importante passo era stato compiuto e veniva avviato lo sviluppo locale di Brunico e della sua montagna per la pratica degli sport invernali. Una politica costante di investimenti, pur in tempi economicamente critici, ha fatto della località montana ladina di Plan de Corones quello che è oggi: un rinomato comprensorio sciistico.

Sci[modifica | modifica sorgente]

Il Plan de Corones, località di turismo invernale ed estivo, è dotata di 32 impianti di risalita all'avanguardia che servono 49 piste da discesa per un totale di 116 km; fa parte del comprensorio Dolomiti Superski e può contare su circa 300 esercizi alberghieri nel raggio di 15 chilometri. Alla cima del Plan de Corones, sorta di terrazza panoramica naturale dalla quale si gode una vista impareggiabile su gran parte delle più alte e famose vette delle Dolomiti (Marmolada, Sass Putia, Sassolungo, Civetta, Pelmo, Lagazuoi e molte altre), delle Alpi Retiche e delle Alpi della Zillertal, si può accedere da tre versanti che corrispondono alle tre aree sciistiche del comprensorio, ossia Riscone di Brunico (Reischach), Valdaora (Olang) e San Vigilio di Marebbe (Enneberg o, in ladino, Plan de Mareo). Questa conformazione fa sì che le discese a valle verso le tre località siano particolarmente lunghe e variegate, in grado di accontentare sia il principiante, come nel caso si decida di scendere verso San Vigilio, sia lo sciatore più evoluto che raggiunga Valdaora, sia infine i più tecnici che troveranno grande soddisfazione percorrendo le ripide piste Hernegg e Sylvester per arrivare a Riscone.

Dall'inverno 2008-09, con l'apertura della nuova pista "Piculin" che dal Piz de Plaies scende a Piccolino (in ladino appunto Piculin), in Val Badia, il comprensorio è collegato con quest'ultima a mezzo bus con pianale ribassato, che in 20 minuti circa conducono a La Villa. Sempre nell'inverno 2008-09 è stato inaugurato lo "Snowpark Plan de Corones" per gli amanti dello sci acrobatico e il free riding. È stata realizzata nel 2011 una nuova pista sul versante nord lunga 6.450 metri dotata, come tutte quelle del comprensorio, di impianto di innevamento programmato e che collega il Plan de Corones direttamente alla ferrovia della Val Pusteria attraverso una stazione di interscambio fra treno e cabinovia che sorge in località Perca (Percha); la stazione a monte di tale cabinovia è integrata a quella a valle della già esistente telecabina "Gipfelbahn", che si trova accanto al rifugio "Herzlalm". L'intento che sta alla base di questa nuova realizzazione è quello di liberare, per quanto possibile, la valle dal traffico privato offrendo la possibilità di usufruire di un collegamento "sci ai piedi", veloce ed economico, tra ferrovia e impianti di risalita.[7]

Dal 2010 ogni anno si svolge presso la pista che scende verso Valdaora una competizione di Böckl, un particolare tipo di slittino.[8][9]

Piste nere[modifica | modifica sorgente]

  • Sylvester: lunghezza 4950 m
  • Hernegg: lunghezza 5100 m, con pendenza massima del 68%
  • Pré da Peres Race: lunghezza 366 m
  • Erta: lunghezza 1610 m
  • Piculin: lunghezza 2000 m

La salita per la cima[modifica | modifica sorgente]

Due impianti di risalita per il "panettone"

La salita che conduce al Plan de Corones è uno sterrato che ha inizio nei pressi del passo Furcia, della lunghezza di 5,250 km. La parte più dura della scalata avviene dal km 4,100 al km 4,400 dove è presente un tornante che tocca la pendenza del 24%.

L'inclinazione non va al di sotto dei 14% e nel tratto sono presenti 13 tornanti, dedicati ad altrettanti vincitori del Giro d'Italia non più in vita. Dal basso verso l'alto, le curve sono dedicate a: (13) Gaetano (Tano) Belloni, (12) Costante Girardengo, (11) Giovanni Brunero, (10) Alfredo Binda, (9) Learco Guerra, (8) Giovanni Valetti, (7) Gino Bartali, (6) Hugo Koblet, (5) Fausto Coppi, (4) Gastone Nencini, (3) Charly Gaul, (2) Jacques Anquetil, (1) Marco Pantani.

Giro d'Italia[modifica | modifica sorgente]

Il Giro d'Italia ha programmato l'arrivo in cima a Plan per tre volte:

La campana Concordia[modifica | modifica sorgente]

La campana della Concordia

Sabato 26 luglio 2003 a Plan è stata inaugurata e benedetta la campana della pace Concordia 2000, la 2a più grande campana nell'arco alpino, con un peso di 18 tonnellate, fusa con lo scopo di portare nel mondo un messaggio di pace e convivenza tra i popoli della terra.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ludwig Steub: Bergwanderung aufs Spitzhörnle
  2. ^ Infatti il vulcano si estinse quando si innalzò la catena alpina che riuscì a bloccare i condotti. Vulcani estinti nelle dolomiti sono anche il Monte Ornella, il Puez, Porta Vescovo, il Carosello ed alcuni panettoni sopra Canazei.
  3. ^ I luoghi dei Fanes Plan Corones
  4. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 3, Bolzano, Athesia, 2000, p. 152. ISBN 88-8266-018-4
  5. ^ Kühebacher, op. cit., p. 152.
  6. ^ Kühebacher, op. cit., p. 152, con riferimento a Otto Stolz, Politisch-historische Landesbeschreibung von Südtirol, Wagner, Innsbruck, 1939/40, p. 518.
  7. ^ Articolo Altoadige
  8. ^ (DE) Die Geilen Boecke - RennBockTeam
  9. ^ Gara di „Böckl“ su plandecorones.com
  10. ^ http://www.kronplatz.com/_webcam/40/webcam4.jpg
  11. ^ san vigilio – plan de corones sul cocuzzolo della montagna | Ilgiroditalia News
  12. ^ Giro d-Italia Garzelli vince a Plan de Corones. Oggi si passa per Bolzano - Cronaca - Alto Adige
  13. ^ a b Giro, Garzelli vince la crono-scalata - LASTAMPA.it

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Isolde von Mersi, Kronplatz: Skiberg mit Geschichte. Eine Chronik, Brunico, Dipdruck, 2003.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

PlanDeCorones edited.jpg