Giulia Soemia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giulia Soemia su di una moneta celebrante Giunone Regina
Giulia Soemia siede in Senato, da un manoscritto francese del XV secolo del De mulieribus claris di Giovanni Boccaccio

Giulia Soemia Bassiana (latino: Iulia Soaemias Bassiana; 18011 marzo 222) era la madre dell'imperatore romano Eliogabalo, e governò sull'Impero romano durante la minore età del figlio.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlia di Giulio Avito e di Giulia Mesa, una donna potente di origine siriana, fu nipote dell'imperatore Settimio Severo e sorella di Giulia Mamea; sposò Sesto Vario Marcello, un siriano di famiglia appartenente all'ordine equestre promosso poi senatore.

Nel 217 il cugino, l'imperatore Caracalla, fu assassinato. Il suo successore, Macrino, permise alla famiglia di tornare in Siria con tutti i propri beni, ma questo atto di clemenza si dimostrò un errore, in quanto la famiglia di Settimio Severo avrebbe cercato di riprendere il potere. Assieme alla madre, Soemia organizzò un complotto avente lo scopo di mettere sul trono imperiale il figlio tredicenne di Soemia, Vario Avito Bassiano; per ottenere il supporto dei legalisti, venne sparsa la voce che Bassiano era il figlio naturale di Caracalla. Macrino fu sconfitto e ucciso in battaglia (218), dal generale di Giulia Mamea (nonché amante di Soemia) Gannys di Emesa, e Bassiano salì al potere con il nome di Eliogabalo; al suo ingresso trionfale a Roma, il nuovo imperatore ebbe al proprio fianco madre e nonna.

Giulia divenne de facto la signora dell'impero, in quanto il giovane adolescente si interessava principalmente di materie religiose. Soemia indulge nelle proprie passioni amorose, e dirige il Senaculum, un consesso di donne sul Quirinale che legifera in materia di gioielleria, vestiti, precedenze ed etichetta. Il loro governo non fu popolare, e presto sorse lo scontento nell'impero, finché, nel 222, Mesa, progressivamente allontanatasi da Soemia ed Eliogabalo, decide di far adottare l'altro nipote, Marco Giulio Alessiano Bassiano (meglio noto come Alessandro Severo), ad Eliogabalo, in modo da far ascendere al trono un personaggio più comodo da manovrare: Giulia cerca di reagire, ma la guardia pretoriana, avendo ricevuto più denaro da Mesa, assassina Soemia ed Eliogabalo: in seguito Giulia fu riconosciuta come nemico pubblico, e il suo nome fu cancellato dai registri.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 57949252 LCCN: n81152360

Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma