Triaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Triaria (I secoloI secolo) è stata una nobildonna romana.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Pittura medievale che rappresenta Triaria.

Triaria (Giunia Calvina Milonia Caecena Alba Terentia)[1], fu la seconda moglie di Lucio Vitellio il Giovane (dopo che lui ebbe ripudiato Giunia Calvina) che fu console nel 48, e fratello dell'imperatore Aulo Vitellio.

Nel 69 Triaria intercesse presso Flavio Sabino, "con durezza e pressione non certo da donna"[2], perché fosse condannato Gneo Cornelio Dolabella parente del defunto imperatore Galba e secondo marito di Petronia, che fu fatto segretamente uccidere a Terni dal cognato, l'imperatore Aulo Vitellio[3]

Tacito[4] racconta che il comportamento di Triatia subì duri attacchi all'indomani dell'assedio di Terracina da parte del marito. La donna, munita di spada come un soldato, si segnalò per episodi di crudeltà e violenza nei confronti della città già in ginocchio.

Nel De mulieribus claris Boccaccio loda Triaria per il suo coraggio. Un antico manoscritto francese di questo lavoro[5], contiene una tavola che mostra un sanguinoso massacro all'interno di una città murata, con la figura di Triaria in rilievo tra i guerrieri feriti. La miniatura potrebbe far riferimento al sacco di Terracina.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ E. Groag, A. Stein, L. Petersen, Prosopographia Imperii Romani saeculi I, II et III, Berlino, 1933.
  2. ^ Tacito, Historiae 2, 63.
  3. ^ Tacito, Historiae 2, 64.
  4. ^ Tacito, Historiae, 3, 77
  5. ^ Des cleres et nobles femmes, ca. 1450, Spencer Collection Ms. 033, NYPL