Ipsipile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ipsipile, miniatura del Cinquecento

Ipsipile (greco Ὑψιπύλη), nota anche come Issipile o Isifile, è un personaggio della mitologia greca menzionato da vari poeti, come Ovidio nelle Metamorfosi o Stazio nella Tebaide.

È la protagonista dell'omonima tragedia di Euripide, la meglio conosciuta tra le sue opere frammentarie, conservata per circa la metà.

Il mito[modifica | modifica wikitesto]

Era la regina dell'isola di Lemno. Durante il suo regno la dea Afrodite maledisse l'isola perché veniva trascurato il suo tempio, così le donne furono punite con una forte alitosi che le rendeva ripugnanti agli uomini. Essi iniziarono a trascurarle predilegendo ad esse le schiave di Tracia e fu così che esse decisero di vendicarsi sterminando l'intera popolazione maschile (androcidio). Nell'eccidio fecero perire anche i loro padri, fratelli e figli. Solo Ipsipile ingannò le altre facendo nascondere il padre Toante che era figlio di Dioniso e Arianna.

Anni dopo si fermò su Lemno Giasone con gli Argonauti come tappa della loro missione per il recupero del Vello d'oro nella Colchide. L'eroe greco la sedusse e poi l'abbandonò incinta, nonostante le avesse giurato eterna fedeltà (farà lo stesso anche con Medea). A questo mito allude Dante Alighieri che pose Giasone nell'Inferno tra i seduttori (Inf. XVIII, 88-93). Dalla relazione con Giasone ebbe due gemelli Euneo e Deipilo.

Quando le donne di Lemnos scoprirono il tradimento di Ipsipile, che aveva salvato il padre, la vollero uccidere, ma lei riuscì a scappare. Essa e i due figli vennero catturati dai pirati e venduti come schiavi al Re Licurgo di Nemea. Quando le venne affidato il figlio del re, dopo che per un breve momento essa lo aveva lasciato incustodito per mostrare una fontana ai sette re che stavano per assediare Tebe, un serpente soffocò il fanciullo, che morì. Per questa negligenza Ipsipile venne condannata a morte, ma si salvò grazie all'intervento dei suoi due figli. A questa parte del suo mito si riferisce di nuovo Dante nel Purgatorio (Pg. XXVI, 94-95).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]