Carmenta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carmenta in un codice del De mulieribus claris di Giovanni Boccaccio

Nella religione romana Carmenta (lat.Carmentis) o Nicostrata,[1] è una delle dee Camene ed è compresa nel gruppo dei Di indigetes.

Protettrice della gravidanza e della nascita e patrona delle levatrici, è lei stessa madre di Evandro che ebbe da Mercurio.[2]

La dea possedeva il dono della profezia e veniva chiamata anche al plurale:Carmentes antevorta et postvorta ("che conosce il passato e che conosce l'avvenire"), aspetti della stessa dea che in seguito diverranno due figure distinte.

Era venerata anche come l’inventrice dell'alfabeto latino. Il suo tempio a Roma, in cui era proibito indossare abiti ed oggetti di pelle, era sito vicino alla Porta Carmentalis, presso il Campidoglio.[3]

Iconograficamente veniva rappresentata con una corona di fave ai capelli e con un'arpa a simboleggiare le sue capacità profetiche, con le quali prediceva il destino del neonato.

Al culto di Carmenta era preposto il flamine carmentale ed in suo onore, l'11 gennaio, si festeggiavano i Carmentalia. A questi, successivamente, si aggiunse il 15 gennaio come secondo giorno di festa voluto dalle matrone romane per onorare la dea che le aveva favorite nella loro battaglia contro il Senato che aveva proibito loro l'uso delle carrozze. Per non essere costrette a casa o ad estenuanti camminate, le donne si coalizzarono negando ai propri mariti il piacere dei sensi finché le agitazioni e le proteste costrinsero il Senato a tornare sulle sue decisioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Strabone, Geografia, V, 3,3.
  2. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, I 31.1
  3. ^ Lo storico greco Dionigi (60 a.C. - 7 a.C.) scrive di aver visto tale altare. Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, I 32.3

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

mitologia romana Portale Mitologia romana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia romana