Annia Faustina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Annia Faustina (floruit 221; ... – ...) , moglie dell'imperatore romano Eliogabalo ed augusta dell'impero romano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Annia proveniva da una famiglia di alto lignaggio. Suo padre era Tiberio Claudio Severo Proculo, console per l'anno 200, figlio del console Gneo Claudio Severo Arabiano e di Annia Galeria Aurelia Faustina, a sua volta figlia di dell'imperatore Marco Aurelio e di Faustina Minore. La madre di Faustina era Plauzia Servilla, figlia del console Marco Peduceo Plauzio Quintillo e di Aurelia Fadilla, anche lei figlia di Marco Aurelio e Faustina. Era dunque un membro, forse l'ultimo, della dinastia di Antonino Pio e tutti i suoi parenti erano di ordine senatoriale. Faustina sposò Pomponio Basso, console nel 211.

L'imperatore Eliogabalo aveva sposato in seconde nozze Aquilia Severa, che era una vergine vestale: questo matrimonio, che andava contro la tradizione romana, non diede figli, così l'imperatore divorziò da Aquilia, fece uccidere Basso, proibì a Faustina di rispettare il lutto e la sposò, nel luglio 221. Il matrimonio durò poco, perché verso la fine dell'anno Eliogabalo divorziò da Faustina, per sposare in quarte nozze Aquilia Severa; sebbene non sia nota la ragione del divorzio, è possibile che la mancanza di eredi abbia giocato la sua parte.

Uno dei crateri d'impatto del pianeta Venere [1] è intitolato ad Annia Faustina.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Campbell, Bruce Allan, Radar Remote Sensing of Planetary Surfaces, Cambridge University Press, 2002, ISBN 0-521-58308-X, p. 290.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma