Ferdinando II di León

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferdinando II
Miniatura medievale del re Ferdinando II
Miniatura medievale del re Ferdinando II
Re di León
In carica 1157 - 1188
Predecessore Alfonso VII
Successore Alfonso IX
Nome completo Ferdinando Alfonso
Altri titoli re di Galizia
Nascita 1137
Morte Benavente, Castiglia, 1188
Casa reale Anscarici
Padre Alfonso VII
Madre Berenguela di Barcellona
Consorte Urraca del Portogallo,
Teresa Fernández de Traba
Urraca López de Haro
Figli Alfonso, di primp letto
Ferdinando di León, di secondo letto
Sancho di León, di terzo letto
Sancho Fernández,
illegittime

Ferdinando Alfonso, Fernando o Fernán in spagnolo, in asturiano, in aragonese e in basco, Fernando o Fernão in portoghese e in galiziano e Ferran in catalano. Ferdinandus in latino (1137Benavente, 22 gennaio 1188), fu re di León dal 1157 al 1188.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Era figlio del re di León e Castiglia Alfonso VII l'Imperatore e di Berenguela di Barcellona, figlia primogenita del conte di Barcellona, Girona, Osona e Carcassonne, Raimondo Berengario III e la sua seconda moglie, la contessa di Provenza e Gévaudan, Dolce I e pertanto sorella del conte di Barcellona Raimondo Berengario IV.[1][2][3]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Mappa della Penisola iberica alla morte di Afonso VII, con la zona occupata dagli Almohadi ed i regni di Portogallo (P), León (L), Castiglia (C), Navarra (N) e Aragona (A).
Sancho III di Castiglia e Ferdinand, dal Privilegium Imperatoris di Alfonso VII di León.

Alla morte del padre, nel 1057, ereditò il regno di León[1], mentre il regno di Castiglia toccò in eredità a suo fratello primogenito, Sancho III di Castiglia.

Ferdinando II, che avrebbe voluto impadronirsi della Castiglia, passò quasi tutto il suo primo anno di regno a combattere contro suo fratello Sancho III. I due fratelli si riunirono a Sahagun nel 1158 e risolsero pacificamente le controversie territoriali, accordandosi sui dettagli della spartizione del regno paterno.

Nel 1058, alla morte prematura del fratello Sancho, gli succedette il figlioletto di tre anni, Alfonso VIII. Sul giovanissimo re si scatenarono le brame dei monarchi cristiani confinanti con la Castiglia e dei nobili castigliani aspiranti alla carica di tutore.

I nobili di Castiglia e molti avventurieri e mercenari si raccolsero attorno alle due grandi famiglie rivali: la famiglia Lara e la famiglia Castro. E Ferdinando II che aveva cercato inutilmente di essere nominato tutore del nipote, entrò a far parte del consiglio di reggenza[1].

Poco dopo i problemi di frontiera con la Castiglia ripresero e, nel 1164, ebbe un incontro a Soria, con la famiglia Lara, che rappresentava Alfonso, e fu stabilita una tregua, che gli permise di rivolgere le armi contro gli Almohadi e conquistò le città di Alcántara e di Alburquerque.

Nello stesso anno (1164), Ferdinando II sconfisse il re del Portogallo, Alfonso I, che l'anno prima (1163) aveva occupato Salamanca per rappresaglia al ripopolamento della zona fatto dal re del León.

Nel 1165, sposò Urraca del Portogallo (1151-1188), figlia del re del Portogallo, Alfonso I e di Mafalda di Savoia (1125-1158), figlia secondogenita del conte di Savoia Amedeo III e di Mafalda d'Albon.

Nel 1168, Alfonso I interpretò come una minaccia al suo regno il fatto che il genero Ferdinando II stava ripopolando la zona di Ciudad Rodrigo; attaccò allora la Galizia occupando Tui e il territorio di Xinzo de Limia, già feudi di sua madre; nello stesso tempo, in al-Andalus, stava assediando il castello di Badajoz, dopo che la città era caduta; l'aver diviso le forze favori il contrattacco di Ferdinando II, che respinse i portoghesi fuori dalla Galizia e si precipitò a Badajoz; quando Alfonso vide arrivare i leonesi capì che la partita era persa e si diede alla fuga, a cavallo, durante la quale attraversando una porta della città si impigliò con la coscia i due ferri sporgenti, si ruppe una gamba e fu fatto prigioniero; Alfonso I, per riottenere la libertà, offrì al genero il suo regno, ma Ferdinando, che già si era premurato di mettergli a disposizione i migliori medici leonesi, gli rispose:«Restituisci ciò che mi hai tolto e riprenditi il tuo regno.»

Alfonso accettò, offrì al genero una grossa somma in oro, e riottenne la libertà (1169). Infine, nella pace siglata a Pontevedra, nel 1170, Alfonso I restituì a Ferdinando II venticinque castelli, incluse le città di Cáceres, Badajoz, Trujillo, Santa Cruz e Montánchez, che in precedenza aveva sottratto al regno di León.

Sistemata così la frontiera leonese-portoghese, sempre nello stesso anno (1170), quando i Mori assediarono la città portoghese di Santarém, Ferdinando II corse in aiuto del suocero e riuscì a liberare la città. Sempre nel 1170, poco dopo aver ottenuto la città di Caceres, Ferdinando II creò la Fratellanza dei cavalieri di Caceres (hermandad de freiles de Cáceres)[1], che, poco dopo, quando l'arcivescovo di Santiago di Compostela, entrò a far parte dell'ordine e donò lo stendardo di San Giacomo, Ferdinando II trasformò nell'Ordine di Santiago o Ordine di San Giacomo di Compostela[1], un ordine religioso-militare, che aveva lo scopo di proteggere i Pellegrini che desideravano visitare la tomba dell'apostolo san Giacomo nella cattedrale di Compostela.

L'ordine che ricevette la conferma papale[1], nel 1175, ebbe sede dapprima in Cáceres e poi a Uclés.

Regno di León
León
Coat of Arms of Leon with the Royal Crest.svg

Garcia I
Ordoño II
Fruela II
Alfonso IV
Ramiro II
Ordoño III
Sancho I
Ordoño IV
Ramiro III
Bermudo II
Alfonso V
Bermudo III
Sancha I con Ferdinando I
Alfonso VI (deposto, nel 1072, per pochi mesi, da Sancho II)
Urraca I
Alfonso VII
Ferdinando II
Alfonso IX
Sancha II e Dolce I
Modifica

Poco prima, tra il 1171 e il 1172, lo stesso papa Alessandro III, considerati i coniugi Ferdinando ed Urraca parenti di terzo grado poiché erano nipoti delle sorellastre Urraca di Castiglia e Teresa di León, figlie di Alfonso VI di Castiglia, li obbligò a separarsi[1] minacciandoli con la censura ecclesiastica.
Ferdinando lasciò Urraca con una grande pena, ma poco dopo, tra il 1172 ed il 1173, si risposò[1] con Teresa Nuñez de Lara, figlia del conte Nuño de Lara.

Nel 1178, riprese la guerra contro la Castiglia e Ferdinando, sorprendendo il nipote Alfonso VIII, occupò Castrojeriz e Dueñas, sinché non arrivarono in suo aiuto le truppe portoghesi, inviate dal loro re Alfonso I.
I problemi furono risolti definitivamente nel 1180, con la pace di Tordesillas.

Nello stesso anno (1180), la moglie Teresa morì dando alla luce il loro secondo figlio.

L'Emiro almoravide, Abū Ya‘qūb Yūsuf, dopo alcuni vani tentativi, nel 1184, invase il Portogallo con un esercito reclutato in Nordafrica e, nel mese di maggio, assediò, a Santarém, il re, Alfonso I; il figlio di Alfonso, Sancho, che comandava l'esercito portoghese, a stento, riusciva a tenere a bada gli assedianti, quando arrivarono in loro aiuto, prima, a giugno, 20 000 uomini inviati dall'arcivescovo di Santiago de Compostela, e poi, a luglio, l'esercito leonese dell'ex genero Ferdinando II, che ruppero l'assedio.

Nel maggio 1187, Ferdinando si sposò per la terza volta, con Urraca López de Haro[1] (figlia di Lope Díaz, signore di Biscaglia, Nájera e Haro), vedova di Nuno Melendez, che era già la sua amante dal 1180.
Urraca tentò inutilmente di far dichiarare illegittimo, a causa del matrimonio annullato, il figlio di primo letto, Alfonso IX di León, per poter favorire l'ascesa al trono di suo figlio Sancho. Secondo gli Annales Compostellani[4] e gli Annali toledani[5] Ferdinando II morì nel 1188, a Benavente, dal ritorno di un pellegrinaggio a Santiago de Compostela. Fu inumato nella cattedrale di Santiago de Compostela ed il suo sepolcro si trova nel Panteón Real de la Capilla de las reliquias.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Ferdinando II, dal Tumbo A, Cattedrale di Santiago di Compostela.

Ferdinando ebbe un figlio da Urraca del Portogallo, due figli da Teresa e tre da Urraca López; ebbe inoltre un figlio illegittimo da un'amante di cui non si conosce il nome.[1][2][6]

  • da Urraca López:
    • García Fernández (circa 1181-1184), nato prima del matrimonio
    • Alfonso Fernández (circa 1184-1188), nato prima del matrimonio
    • Sancho di León (circa 1188-1220), signore di Monteagudo e Aguilar e alfiere del fratellastro Alfonso IX, sposò, nel 1204 circa, Teresa Diaz de Haro da cui ebbe tre figli:
  • dall'amante di cui non si conosce il nome:
    • Sancho Fernández che sposò Teresa Gómez de Roa da cui ebbe due figli:
      • Giovanni Sánchez
      • María Sánchez

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Ferdinando II di León Padre:
Alfonso VII di Castiglia
Nonno paterno:
Raimondo di Borgogna
Bisnonno paterno:
Guglielmo I di Borgogna
Trisnonno paterno:
Rinaldo I di Borgogna
Trisnonna paterna:
Alice di Normandia
Bisnonna paterna:
Stefania di Vienne
Trisnonno paterno:
Gerardo di Vienne
Trisnonna paterna:
?
Nonna paterna:
Urraca di Castiglia
Bisnonno paterno:
Alfonso VI di Castiglia
Trisnonno paterno:
Ferdinando I di Castiglia
Trisnonna paterna:
Sancha I di León
Bisnonna paterna:
Costanza di Borgogna
Trisnonno paterno:
Roberto I di Borgogna
Trisnonna paterna:
Hélie de Samur
Madre:
Berenguela di Barcellona
Nonno materno:
Raimondo Berengario III di Barcellona
Bisnonno materno:
Raimondo Berengario II di Barcellona
Trisnonno materno:
Berengario Raimondo II di Barcellona
Trisnonna materna:
Almodis de La Marche
Bisnonna materna:
Matilde di Altavilla
Trisnonno materno:
Roberto il Guiscardo
Trisnonna materna:
Sichelgaita di Salerno
Nonna materna:
Dolce I di Provenza
Bisnonno materno:
Gilberto I di Gévaudan
Trisnonno materno:
Berengario di Millau e Rodez
Trisnonna materna:
Adele di Carlat
Bisnonna materna:
Gerberga di Provenza
Trisnonno materno:
Goffredo I di Provenza
Trisnonna materna:
Stefania di Marsiglia

Galleria d'immagini[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j (EN) Dinastie reali di Castiglia
  2. ^ a b (EN) Casa d'Ivrea-genealogy
  3. ^ (DE) Alfonso VII genealogie mittelalter
  4. ^ Gli Annales Compostellani o Cronaca compostellana sono Annali scritti ne La Rioja, ma ritrovati a Santiago de Compostela, inerenti al periodo che va dalla dominazione romana alla riconquista di Siviglia, del 1248, della storia della Castiglia, del León, delle Asturie e della Navarra.
  5. ^ Gli Annali toledani sono una serie di annali, raccolto in tre parti riguardanti il regno di Toledo, il primo narra il periodo che inizia con la creazione della Contea di Castiglia, sino al 1219, il secondo termina col 1250 ed il terzo arriva sino al secolo XIV.
  6. ^ (DE) Ferdinando II genealogie mittelalter

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Rafael Altamira, La Spagna (1031-1248), in «Storia del mondo medievale», vol. V, 1999, pp. 865–896
  • Edgar Prestage, Il Portogallo nel Medioevo, in «Storia del mondo medievale», vol. VII, 1999, pp. 576–610

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Re di León Successore Blason Léon.svg
Alfonso VII 11571188 Alfonso IX

Controllo di autorità VIAF: 72192089