Sancha di León e Castiglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno di León
León
Coat of Arms of Leon with the Royal Crest.svg

Garcia I
Ordoño II
Fruela II
Figli
Alfonso IV
Figli
Ramiro II
Ordoño III
Figli
Sancho I
Figli
Ordoño IV
Ramiro III
Figli
  • Ordono
Bermudo II
Figli
Alfonso V
Figli
Bermudo III
Sancha I con Ferdinando I
Figli
Alfonso VI (deposto, nel 1072, per pochi mesi, da Sancho II)
Figli
Urraca I
Figli
Alfonso VII
Figli
Ferdinando II
Figli
Alfonso IX
Figli
Sancha II e Dolce I
Modifica

Sancha di Castiglia, Sancha anche in spagnolo, in asturiano, in aragonese, in portoghese e in galiziano, Sança, in catalano e Antsa in basco. Sancia in latino (1139Pamplona, 5 agosto 1177[1][2]), fu infanta di Castiglia e regina consorte di Navarra[3].

Origine[4][5][6][modifica | modifica wikitesto]

Figlia del re di León e Castiglia Alfonso VII l'Imperatore e di Berenguela di Barcellona, figlia primogenita del conte di Barcellona, Girona, Osona e Carcassonne, Raimondo Berengario III e la sua seconda moglie, la contessa di Provenza e Gévaudan, Dolce I (1090-1129).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La penisola iberica nella seconda metà del XII secolo

Il cronista, Rodrigo Jimenez de Rada, nel suo De Rebus Hispaniæ la elenca tra i figli di Alfonso VII l'Imperatore e Berenguela di Barcellona chiamandola erroneamente Beata[4].

Secondo le Cronache di Navarra[7], il 20 luglio 1153, a Carrión de los Condes (Palencia), Sancha sposò il re di Pamplona, Sancho VI il Saggio[4], figlio del re di Pamplona, Garcia IV Ramirez il Restauratore e Margherita de l'Aigle, figlia di Gibert de l'Aigle.
Questo matrimonio fu celebrato per rinsaldare i legami tra i regni di León e Castiglia e quello di Pamplona. Ma dopo la morte di Alfonso VII, la guerra tra i due regni riprese, con alterne vicende.

Sancha morì nel 1177 o forse nel 1179 e fu inumata nella cattedrale di Santa Maria, a Pamplona[4], dove circa quindici anni dopo fu raggiunta dal marito che non si era più risposato.

Figli[8][9][10][modifica | modifica wikitesto]

Sancha a Sancho diede cinque o sei figli:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo gli Annali toledani, Sancha morì il 5 agosto 1177, mentre secondo le Cronache di Navarra morì nell'agosto del 1179.
  2. ^ Gli Annali toledani sono una serie di annali, raccolto in tre parti riguardanti il regno di Toledo, il primo narra il periodo che inizia con la creazione della Contea di Castiglia, sino al 1219, il secondo termina col 1250 ed il terzo arriva sino al secolo XIV.
  3. ^ Già il padre di Sancho VI il Saggio, Garcia IV Ramirez il Restauratore, aveva cominciato a farsi chiamare re di Navarra anziché re di Pamplona. Con Sancho VI il titolo fu definitivamente Re di Navarra.
  4. ^ a b c d (EN) Dinastie reali di Castiglia
  5. ^ (EN) Casa d'Ivrea-genealogy
  6. ^ (DE) Alfonso VII genealogie mittelalter
  7. ^ Le Cronache di Navarra sono un insieme di narrazioni storiche, scritte in parte in latino e in parte in una lingua romanza, aragonese, inerente alla regione navarro-aragonese, a partire dal primo secolo, sino al 1186; la cronaca è divisa in 6 parti, la prima riguarda i re di Aragona dal regno di Ramiro I di Aragona a quello di Alfonso il Casto o il Trovatore, mentre la seconda è dedicata alla dinastia di Rodrigo Diaz (il Cid)
  8. ^ (EN) Dinastie reali di Navarra
  9. ^ a b (EN) Re di Navarra -genealogy
  10. ^ (DE) Sancho VI genealogie mittelalter

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Rafael Altamira, La Spagna (1031-1248), in "Storia del mondo medievale", vol. V, 1999, pp. 865–896

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]