Almoravidi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Impero almoravide
Almoravid map.svg

Gli Almoravidi (in in arabo: المرابطون, al-Murābiṭūn), furono una dinastia berbera, proveniente dal Sahara, che regnò sul Maghreb al-Aqsa (Marocco) e sulla Spagna islamica tra la fine dell'XI e gli inizi del XII secolo.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Dinaro almoravide.

Nell'XI secolo, un capo dei Lamtūna («uomini velati», antecedenti dei Tuareg), rilevando la mancanza di una buona conoscenza dell'Islam da parte dei suoi uomini, si rivolse al religioso ʿAbd Allāh Ibn Yāsīn, di scuola giuridica (madhhab) malikita e puritano. Da principio il suo insegnamento non ebbe successo. Si decise quindi a fondare un ribāṭ (convento fortificato, da qui il nome di al-Murābiṭūn, «quelli del ribāṭ»), nell'isola di Tidra in Mauritania. Predicava innanzi tutto l'obbedienza alla lettera ai precetti del Corano e l'importanza della disciplina. Trovò rapidamente successo, fondò un esercito di neo-convertiti e attaccò l'impero del Ghana nel 1076.

Yūsuf ibn Tāshfīn succedette in seguito a Ibn Yāsīn, morto in combattimento, ed è considerato il primo sovrano almoravide. Fondò Marrakesh nel 1060, e Tlemcen nel 1080. Tra il 1063 e il 1082, lavorò per unificare il Marocco e l'Algeria occidentale, fondando l'impero Almoravide. Nel 1086, venne invitato dai principi musulmani della Spagna islamica, i cosiddetti "emiri delle Taife", ad aiutarli contro Alfonso VI di Castiglia. Sbarcato il 30 giugno, Ibn Tāshfīn venne raggiunto dagli emiri di Siviglia, Granada, Malaga e Badajoz, e il 23 ottobre inflisse una severa sconfitta a Alfonso VI nella battaglia di Sagrajas (al-Zallāqa in arabo), nei pressi di Badajoz. Rientrò in seguito in Maghreb a causa della morte del figlio, prima di essere richiamato nel 1089.
Vedendo che gli emiri musulmani di Spagna complottavano l'uno contro l'altro e anche contro di lui, appoggiato dalle autorità religiose locali si rese padrone di tutta al-Andalus, la Spagna musulmana, tra il 1090 e il 1094.
Ibn Tāshfīn morì nel 1106, all'età, secondo la tradizione, di 100 anni.

Gli succedette ʿAlī b. Yūsuf. Egli ingrandì e consolidò l'impero almoravide, ma si scontrò con la resistenza dei principi cristiani e con l'agitazione dei berberi Almohadi, ostili alla dottrina malikita, che predicavano la guerra santa ( jihād ) contro gli Almoravidi. Nel 1142, quando morì, l'agitazione almohade era al suo culmine. Nel 1145, il suo successore, Tāshfīn ibn ʿAlī morì cadendo in un precipizio mentre fuggiva dopo una sconfitta nei pressi di Orano. Vi furono in seguito ancora due sultani almoravidi, ma si trattava solo di governanti-fantoccio. Con la conquista di Marrakesh del 1147 ad opera degli Almohadi, suonò l'ora della fine della dominazione Almoravide in Africa e in al-Andalus.

Gli Almoravidi, dopo che persero i loro domini principali presero il nome di Banu Ghanya e si spostarono successivamente nelle Baleari e in Tunisia dove continuarono a resistere agli Almohadi.
Una curiosità è che il cognome Murabit e le sue derivazioni Mourabit, Morabito e Murabito sono particolarmente diffusi in Marocco, Tunisia, Mauritania, Spagna, Sicilia orientale e Calabria meridionale.

Arte almoravide[modifica | modifica sorgente]

L'arte almoravide, figlia delle importanti manifestazioni artistiche degli Omayyadi, rispetto alle quali propose caratteri più severi e scarni, nel pieno rispetto delle proprio origini rudi, ha lasciato tracce di sé soprattutto nelle moschee, tra le quali quella di Algeri e di Nedroma, attribuite al condottiero Yūsuf, e di Tlemcen, attribuita a suo figlio.

I principi costruttivi furono ispirati dall'arte di Cordova, sia per l'uso di archi e per la disposizione delle navate, ma non mancarono derivazioni persiane come i caratteri della cupola centrale e l'alternanza fra cupole laterali, stalattiti e nervature.[1]

Tra le innovazioni tipiche di questo periodo, si annoverarono le decorazioni a griglia di mattoni del minareto, i pilastri a spigoli e gli archi a ferro di cavallo.

I sultani almoravidi[modifica | modifica sorgente]

Cronologia dell'impero almoravide (XI-XII secolo)[modifica | modifica sorgente]

  • 1035: di ritorno dal pellegrinaggio alla Mecca, Yaḥyā b. Ibrāhīm, capo berbero della tribù Judala decide di convertire il suo popolo ai precetti dell'Islam
  • 1037: ʿAbd Allāh ibn Yāsīn, capo spirituale e ideologo, comincia a porre le basi dottrinali del movimento almoravide.
  • 1055: gli Amoravidi condotti da Ibn Yāsīn, emiro berbero della tribù dei Lamtuna, si impadroniscono di Sigilmassa (Marocco)
  • 1059: morte di ʿAbd Allāh ibn Yāsīn, la comunità religiosa è in via di trasformazione per diventare un regno.
  • 1070: Yūsuf b. Tāshfīn inizia la fondazione di Marrakesh, capitale del movimento almoravide.
  • 1077: il movimento almoravide, consolidato, comincia la sua espansione verso il nordest del Maghreb (Fez, Tlemcen, Orano, Algeri).
  • 1080: gli Andalusi, i cui "regni di taifa" sono minacciati dall'avanzata delle truppe cristiane di Alfonso VI, sollecitano l'intervento del grande emiro almoravide Yūsuf b. Tāshfīn, fondatore della dinastia almoravide.
  • 1084: gli Almoravidi si impadroniscono di Ceuta.
  • 1085: Alfonso VI conquista Toledo.
  • 1086: l'emiro almoravide Yūsuf ibn Tāshfīn decide di intervenire nella penisola, dove vince la battaglia di al-Zallaqa (Sagrajas) a Badajoz.
  • 1090: Yūsuf ibn Tāshfīn occupa la ṭāʾifa di Granada e inizia la conquista di al-Andalus.
  • 1091: gli Almoravidi si impadroniscono di Cordova, Almeria, Badajoz e Siviglia e mandano in esilio il re di Siviglia al-Mu‘tamid. L'espansione verso Levante è arrestata dalla presenza del Cid a Valencia.
  • 1094: l'esercito almoravide arriva fino a Lisbona.
  • 1098: Yūsuf ibn Tāshfīn è proclamato Comandante dei musulmani, Difensore della Fede e Inviato del Comandante dei Credenti.
  • 1102: gli Almoravidi conquistano Valencia e la parte settentrionale di al-Andalus, arrivando fino alla valle dell'Ebro. Yūsuf ibn Tāshfīn nomina erede suo figlio ʿAlī ibn Yūsuf.
  • 1106: morte di Yūsuf ibn Tāshfīn. ʿAlī, suo figlio, è proclamato emiro. Gli Almoravidi occupano le isole Baleari.
  • 1110: gli Almoravidi occupano la ṭāʾifa di Saragozza.
  • 1118: Alfonso il Battagliero occupa Saragozza.
  • 1120: Battaglia di Cutanda (17 giugno).
  • 1138: ʿAlī ibn Yūsuf nomina erede suo figlio, Tāshfīn ibn ʿAlī.
  • 1142: al-Andalus si fraziona di nuovo. Nascita delle seconde ṭāʾifa.
  • 1143: Tāshfīn governa l'impero almoravide, sempre più frammentato.
  • 1145: morte di Tāshfīn, terzo emiro almoravide.
  • 1146: une parte di al-Andalus riconosce la sovranità del califfo almohade ʿAbd al-Muʾmin. Ha inizio, con gli Almohadi, un nuovo periodo storico.
  • 1147: gli Almohadi penetrano all'interno di Marrakesh, la capitale almoravide.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Le muse", De Agostini, Novara, 1964, Vol.I, pagg. 153-154

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

http://membres.lycos.fr/andalus/site/dynastie.htm

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]