García I di Galizia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Garcia I
Re di Galizia
In carica 1065 - 1071 e 1072-1073
Predecessore nessuno[1]
Successore Sancho II, nel 1071
Alfonso VI, nel 1073
Nome completo Garcia Ferdinandez
Altri titoli re del Portogallo
Nascita ca. 1042
Morte castello di Luna, 1090
Casa reale Casa di Navarra
Padre Ferdinando I di Castiglia
Madre Sancha I di León
Figli Fernando Garces, illegittimo

García Fernandez, García anche in spagnolo, in galiziano ed in asturiano, in portoghese Garcia, in catalano ed in portoghese arcaico, Gartzia, in basco e Garzia, in aragonese (1042 circa – castello di Luna, 22 marzo 1090), fu re di Galizia (in due periodi: 1065-1071 e 1072-1073).

Origine[2][3][4][modifica | modifica wikitesto]

Ultimogenito, ma figlio maschio terzogenito del re di Castiglia e re consorte di León, Ferdinando I e della regina del León e regina consorte di Castiglia, Sancha I.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Regno di León
León
Coat of Arms of Leon with the Royal Crest.svg

Garcia I
Ordoño II
Fruela II
Figli
Alfonso IV
Figli
Ramiro II
Ordoño III
Figli
Sancho I
Figli
Ordoño IV
Ramiro III
Figli
  • Ordono
Bermudo II
Figli
Alfonso V
Figli
Bermudo III
Sancha I con Ferdinando I
Figli
Alfonso VI (deposto, nel 1072, per pochi mesi, da Sancho II)
Figli
Urraca I
Figli
Alfonso VII
Ferdinando II
Figli
Alfonso IX
Figli
Sancha II e Dolce I
Modifica

Dopo la morte, nel 1065, del padre, la madre si ritirò dal potere dividendo, secondo la volontà paterna il regno di León e Castiglia tra i tre figli maschi:

mentre alle due figlie femmine furono assegnate due signorie:

  • ad Urraca la signoria della città di Zamora.
  • ad Elvira la signoria della città di Toro
Carta politica del nordest della penisola iberica, onde si vede la distribuzione dei regni dopo la morte di Ferdinando I.

Il regno di Galizia includeva la contea del Portogallo (il nord dell'attuale Portogallo con annessa l'importante città di Coimbra) ed aveva inoltre come tributari le Taifa di Siviglia e Badajoz.

Dopo la morte della madre, nel 1067, iniziarono i conflitti tra i fratelli.
Dopo che era terminata (1068) la guerra dei tre Sanchi, sostenuta da suo fratello Sancho II di Castiglia contro il re di Pamplona, Sancho IV e il re d'Aragona, Sancho I, i fratelli di Garcia, Sancho II e Alfonso VI si accordarono per combatterlo, invadendo il suo regno da nord.
Garcia, nel 1069, si ritirò a sud nella contea del Portogallo[2] e dato che la Galizia era nelle mani dei suoi fratelli, iniziò a farsi chiamare re del Portogallo. Nel 1070, nella battaglia di Pedroso sconfisse il conte del Portogallo Nuno Mendes[2], che gli si era ribellato ma, nel 1071, i fratelli lo sconfissero definitivamente,lo catturarono, lo obbligarono ad abdicare e lo costrinsero ad andare in esilio alla corte del suo tributario, il re di Siviglia, al-Mutamid[2].

Alla morte di Sancho II, nel 1072, Garcia recuperò il suo regno[2], ma il fratello Alfonso VI che si era già impadronito del regno di Castiglia, all'inizio del 1073, lo invitò ad un incontro presso di sé e, il 14 febbraio di quello stesso anno lo fece prigioniero[2] e lo fece rinchiudere nel castello di Luna, nel nord del regno di León dove fu tenuto confinato per diciassette anni ed ivi morì il 22 marzo del 1090. Garcia fu tumulato a León.

Discendenza[2][modifica | modifica wikitesto]

Di Garcia non si conoscono mogli, ma, durante la prigionia, ebbe un'amante di cui non si conosce il nome, che molto probabilmente gli diede un figlio:

  • Fernando Garces conosciuto come Fernando Garcia de Castro (dopo il 1073-1134)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La corona di Galizia era unita al regno di León.
  2. ^ a b c d e f g (EN) Dinastie reali di Castiglia
  3. ^ (EN) Dinastie reali di Navarra
  4. ^ (DE) Ferdinando I genealogie mittelalter

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rafael Altamira, La Spagna (1031-1248), in «Storia del mondo medievale», vol. V, 1999, pp. 865-896
  • Edgar Prestage, Il Portogallo nel Medioevo, in «Storia del mondo medievale», vol. VII, 1999, pp. 576-610

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Galizia I Successore Escudo de Galicia.svg
nessuno
(La corona di Galizia era unita al regno di León)
10651071 Sancho II di Castiglia
Predecessore Re di Galizia II Successore Escudo de Galicia.svg
Sancho II di Castiglia 10721073 Alfonso VI di León

Controllo di autorità VIAF: 200969192 LCCN: n2002038227