Teresa di León

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi con questo nome, vedi Teresa di León (disambigua).
Teresa
Teresa di León, contessa del Portogallo
Teresa di León, contessa del Portogallo
Contessa del Portogallo
In carica 1112 - 1128
Predecessore Enrico di Borgogna
Successore Alfonso Henriquez
Nome completo Teresa Alfonso
Altri titoli signora di Braga e contessa di Tordesillas
Nascita ca. 1080
Morte Galizia, 1130
Casa reale Casa di Navarra
Padre Alfonso VI
Madre Jimena Núñez de Lara
Consorte Enrico di Borgogna
Figli Alfonso del Portogallo
Urraca del Portogallo
Sancha del Portogallo
Teresa del Portogallo
Enrico del Portogallo
Alfonso Henriquez
Ritratto della contessa del Portogallo, Teresa di León

Teresa Alfonso, Teresa anche in catalano, in aragonese, in spagnolo e in portoghese, Tareixa in galiziano e Thérèse in francese. Taraxia in latino (1080 circa – Galizia, 1º novembre 1130), fu contessa del Portogallo dal 1112 al 1128.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il Chronicon regum Legionensium[1] era figlia illegittima di Alfonso VI di Castiglia e della sua concubina, Jimena Muñoz (?-1128), possibile figlia di Ugo Rodriguez di Guzman (?-1040) e della principessa Jimena del León.[2][3][4]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La penisola iberica, all'inizio del XII secolo. La contea del Portogallo è parte del regno di Galizia.

La data di nascita di Teresa (circa 1080) è stata calcolata in base alla data di nascita delle due figlie (tra il 1124 e il 1128) che lei diede al suo amante, Fernando Peres conte di Trava[2].

La sua matrigna, Costanza (ca.1046-1093), figlia del duca di Borgogna, Roberto I e di Hélie de Samur, che era la terza moglie di suo padre, Alfonso VI, nel 1087, invitò a corte[5] suo nipote, Enrico di Borgogna, che si trovava in Castiglia per combattere i Mori, a cui fu promessa la mano di Teresa.

Nel 1092, molto probabilmente, il 24 agosto, fu celebrato il matrimonio tra Enrico e Teresa[2].

Nel 1093, Alfonso VI concesse il governo del regno di Galizia al genero, il marito di sua figlia Urraca, Raimondo[6] e, ad Enrico, dopo averlo investito della signoria di Braga[5], concesse[5] la contea di Portogallo, in sottordine a Raimondo.

Siccome Raimondo pensava di succedere ad Alfonso sul trono di León e Castiglia, sempre tra il 1094 e il 1095, aveva convenuto con Enrico di lasciargli il regno di Galizia[7][8].

Enrico, stabilita la sua residenza a Guimarães, governò la contea del Portogallo (a sud del fiume Minho), praticamente in autonomia dal regno di Galizia[7], difendendola dagli attacchi dei Mori, sconfiggendoli in parecchie battaglie[7].

Quando la vedova di Raimondo, Urraca divenne regina di León e Castiglia, nel 1109, i nobili castigliani non gradirono, perché avrebbero preferito un re combattivo e spinsero la regina a risposarsi. Così, Urraca, nell'autunno del 1009, sposò il re di Aragona e Navarra, Alfonso I il Battagliero. Tra i coniugi scoppiarono quasi subito delle ostilità che portarono ad una guerra civile. Enrico approfittò della situazione e continuò a governare la contea a suo piacimento, praticamente indipendente da Urraca[7].

Nel 1112,Teresa raggiunse il marito, Enrico, a Peñafiel, nel cui castello si era asserragliato il re d'Aragona e marito di Urraca, regina di León e Castiglia, Alfonso I il Battagliero, per sollecitare la sorellastra Urraca a mantenere la promessa fatta ad Enrico di consegnargli una parte del regno, per l'aiuto che gli dava nella guerra contro il marito.
La regina accondiscese alla divisione del suo regno; vedendo, però, che i soldati portoghesi trattavano Teresa come una regina, Urraca, indispettita, decise di fare la pace col marito annullando il patto con Enrico e Teresa.
Il 22 maggio dello stesso anno, però Enrico, combattendo ancora per Urraca, morì nell'assedio della città di Astorga[7], mentre i coniugi Urraca ed Alfonso, stavano ormai rappacificandosi.

Teresa, definita dai cronisti, bella ed astuta, si precipitò a corte per reclamare i diritti che spettavano a lei ed all'unico figlio maschio sopravvissuto al padre, Alfonso Henriquez, il futuro Conquistatore, di circa tre. Non ottenendo soddisfazione, accusò la sorellastra di voler avvelenare il marito; l'accusa probabilmente non era del tutto infondata perché Alfonso si stava separando dalla moglie, la regina Urraca, senza perderne i possedimenti. Ma i nobili ed i cittadini leonesi e castigliani si schierarono con la regina ed Alfonso fu costretto a rientrare in Aragona.
Teresa allora si rifugiò a Santiago de Compostela, dove con l'appoggio del vescovo, Diego Gelmirez, ottenne la contea del Portogallo in cambio della sottomissione alla regina.

Nel 1116, appoggiò la congiura, sempre contro la sorellastra, per incoronare re di Galizia il figlio di Urraca, Alfonso Raimundez; in compenso ricevette i distretti di Tui e Orense a nord del fiume Minho.

Nel 1117, dovette difendersi dagli attacchi dei musulmani che avevano espugnato i castelli posti a difesa di Coimbra e nel mese di giugno avevano messo l'assedio alla città. La presenza di Teresa tra i difensori galvanizzò la guarnigione della città che in capo a venti giorni sconfisse i musulmani che si ritirarono. E dal novembre di quell'anno Teresa cominciò a farsi chiamare regina del Portogallo[7].

Regno di León
León
Coat of Arms of Leon with the Royal Crest.svg

Garcia I
Ordoño II
Fruela II
Figli
Alfonso IV
Figli
Ramiro II
Ordoño III
Figli
Sancho I
Figli
Ordoño IV
Ramiro III
Figli
  • Ordono
Bermudo II
Figli
Alfonso V
Figli
Bermudo III
Sancha I con Ferdinando I
Figli
Alfonso VI (deposto, nel 1072, per pochi mesi, da Sancho II)
Figli
Urraca I
Figli
Alfonso VII
Ferdinando II
Figli
Alfonso IX
Figli
Sancha II e Dolce I
Modifica
Il confine tra la contea del Portogallo, il regno di Galizia e il regno di León. Nel nord della Galizia, tratteggiato di verde, il territorio dominato dalla famiglia di Trava.

Nel 1121, Gelmirez, che nel frattempo era stato promosso arcivescovo di Compostela, da papa Callisto II, organizzò un complotto con la complicità di Fernando Peres di Trava, a cui partecipò anche Teresa, per portare Alfonso Raimundez sul trono al posto della madre, che immediatamente attaccò la sorellastra occupando la contea del Portogallo sino al fiume Duero. Teresa ed il conte di Trava si rifugiarono nel castello di Lanhoso, dove furono assediati[9].
Non si sa come ma Teresa riuscì a cavarsela ancora una volta e riconoscendosi vassalla di Urraca, venne confermata contessa di Portogallo e ricette il dominio sui distretti di Zamora, Toro, Salamanca ed Avila.
Comunque Teresa, secondo la Historia compostelana[10] divenne l'amante di Fernando Peres, che era il fratello del genero di Teresa, Bermudo Peres di Trava[7].

Nel 1123, nonostante il figlio, Alfonso Enriquez, avesse raggiunto la maggiore età, Teresa continuò a governare il Portogallo assieme a Fernando Peres[7].

Nel 1126, alla morte della sorellastra, non ritenendosi più vincolata ai patti del 1121, non riconobbe come suo superiore il nuovo re di León e Castiglia, Alfonso Raimundez (Alfonso VII).
Nella primavera del 1127, Alfonso attaccò il Portogallo ed in sei settimane obbligò Teresa a riconoscere la sua supremazia.
Artefice della riappacificazione fu ancora una volta, l'arcivescovo Gelmirez, ma i nobili portoghesi ritennero altrettanto responsabile il conte di Trava, che era divenuto anche conte di Oporto e di Coimbra ed i baroni galiziani che governavano con Teresa.
L'opposizione a Teresa prese corpo quando all'inizio del 1128, a Braga, il figlio di Teresa, il diciottenne Alfonso Henriquez, rese pubbliche le sue intenzione di non riconoscersi vassallo del re di León e Castiglia; tutti i nobili a sud del fiume Minho appoggiarono Alfonso, contro la madre, e si radunarono nei dintorni di Guimarães.
Teresa mise insieme un esercito galiziano-portoghese che si diresse verso Guimarães e si scontrarono in una località vicina a Guimarães (battaglia di San Mamede). Teresa ed il suo amante, Fernando Peres, furono sconfitti.

Dopo la sconfitta, Teresa e Fernando furono catturati durante la fuga ed espulsi immediatamente dal Portogallo[7].
Un'altra versione narra che Teresa si ritirò in un convento a Póvoa de Lanhoso; mentre una terza versione dice che il figlio l'abbia imprigionata nel castello di Lanhoso; addirittura una quarta dice che il figlio l'abbia condannata e fatta uccidere.

Comunque la contessa morì, molto probabilmente nei suoi possedimenti galiziani, nel 1130.

I suoi resti mortali furono in un periodo successivo traslati nella cattedrale di Braga, dove ancora oggi riposano accanto alle spoglie del suo primo marito, il conte Enrico di Borgogna.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Teresa diede ad Enrico sei figli[7][11]:

  • Alfonso del Portogallo (circa 1098-prima del 1110)
  • Urraca del Portogallo (circa 1100- dopo il settembre 1161), sposò nel 1120 Bermudo Pérez di Trava(?-1161), conte di Trastamara, figlio di don Pedro Froilaz di Traba e della sua seconda moglie, Mayor Rodríguez. Un documento del 1161 conferma che in quella data Urraca Enriquez era ancora viva
  • Sancha del Portogallo (circa 1102-23 marzo 1143) che sposò Fernando Mendez, signore di Braganza
  • Teresa del Portogallo (1102-?) che sposò Sancho Nunez
  • Enrico del Portogallo (1106-prima del 1110)
  • Alfonso Henriquez (1109-1185), dal 1128 conte del Portogallo e dal 1139 re del Portogallo, noto come Alfonso I il Conquistatore

Teresa al suo amante, Fernando Peres di Trava, diede due figlie[12]:

  • Sancha Fernández di Trava (circa 1125-dopo il 4 maggio 1184), che si sposò tre volte, nel 1150, col conte Alvaro Rodriguez (?-1167), poi, nel 1170 circa, col conte Pedro Alfonso (?-1173) e infine, nel 1178, col conte Gonzalo Rodriguez (?-1205)
  • Teresa Fernández di Trava (circa 1126-?), che sposò, nel 1142 circa, Nuño Pérez di Lara (1112-Cuenca 1177)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Chronicon regum Legionensium è la storia dei re di León, dall'inizio del regno di Bermudo II (982), sino alla morte di Alfonso VI (1109), scritta verso il 1120, dal vescovo e storico, Pelagio da Oviedo, detto il favolista, per le molte invenzioni.
  2. ^ a b c (EN) Dinastie reali di Castiglia
  3. ^ (EN) Dinastie reali di Navarra-genealogy
  4. ^ (DE) Alfonso VI genealogie mittelalter
  5. ^ a b c (EN) Duchi di Borgogna
  6. ^ (EN) Nobiltà del regno di Borgogna
  7. ^ a b c d e f g h i j (EN) Portogallo
  8. ^ Ma le cose poi andarono diversamente, perché Raimondo, nel 1007, premorì ad Alfonso VI, che quando a sua volta, nel 1009 morì, lasciò unica erede la figlia Urraca, deludendo Enrico che si aspettava la Galizia
  9. ^ Molto probabilmente fu in questo periodo che la regina del Portogallo, Teresa e Fernando Peres conte di Trava divennero amanti
  10. ^ La Historia compostelana è una cronaca scritta in latino dall' arcivescovo di Santiago de Compostela, Diego Gelmirez, inerente ai regni di Alfonso VI, Urraca e Alfonso VII, sino al 1139.
  11. ^ (EN) Capetingi
  12. ^ (EN) Nobili di Castiglia

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rafael Altamira, La Spagna (1031-1248), in "Storia del mondo medievale", vol. V, 1999, pp. 865–896
  • Edgar Prestage, Il Portogallo nel medioevo, in «Storia del mondo medievale», vol. VII, 1999, pp. 576–610

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Contessa del Portogallo Successore PortugueseFlag1095.svg
Enrico di Borgogna 1112 - 6 dicembre 1128 Alfonso Henriquez