Soria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Soria (disambigua).
Soria
comune
Soria – Stemma Soria – Bandiera
Soria – Veduta
Localizzazione
Stato Spagna Spagna
Comunità autonoma Flag of Castilla y León.svg Castiglia e León
Provincia Flag Soria province.svg Soria
Territorio
Coordinate 41°46′N 2°28′W / 41.766667°N 2.466667°W41.766667; -2.466667 (Soria)Coordinate: 41°46′N 2°28′W / 41.766667°N 2.466667°W41.766667; -2.466667 (Soria)
Altitudine 1063 m s.l.m.
Superficie 271,8 km²
Abitanti 38 004 (2006)
Densità 139,82 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 42001-42005
Prefisso (+34) 975
Fuso orario UTC+1
Targa SO
Nome abitanti soriani (sorianos)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Spagna
Soria
Sito istituzionale

Soria è una città spagnola di 38.004 abitanti, capoluogo dell'omonima provincia, situata nella comunità autonoma di Castiglia e León. Si trova alla destra del fiume Duero, a 7 km dall'antica Numanzia in un paesaggio aspro e ondulato entro un'ampia gola fra le due colline del Miron, a nord, e del Castello, a sud. La città si estende dal confine naturale del fiume elevandosi verso ovest.

È una pittoresca cittadina ricca di monumenti romanici, già importante nel Medioevo per la sua posizione strategica che la poneva al confine fra i vari regni spagnoli. È sede vescovile con Burgo de Osma (diocesi di Osma-Soria). È argomento del poema La tierra de Alvar Gonzales del celebre poeta e letterato spagnolo Antonio Machado Ruiz (1875-1936), che visse a Soria e fu uno degli esponenti della cosiddetta "Generazione del 98". Sostenitore dei Repubblicani fu inviso ai Franchisti e morì in esilio.

L'economia della provincia di Soria si basa sull'agricoltura e sul turismo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I primi popoli che abitarono stabilmente la zona furono gli Iberi che, fondendosi con i Celti, diedero luogo ai cosiddetti Celtiberi nel IV secolo a.C.: lo confermano i resti importanti delle città di Numanzia, Oxama e Termanzia. Per ciò che riguarda l'origine del toponimo ci sono le più diverse interpretazioni: secondo alcuni deriverebbe da Oria dal nome di un greco Dorico capo di un gruppo di greci che sarebbe qui giunto dall'Acaia, secondo altri - e sembra sia l'ipotesi più accettabile - deriverebbe da Daurias, dal nome antico del fiume Duero.

Durante l'occupazione romana della Spagna gli abitanti di Soria furono protagonisti di un evento eroico e tragico: i Romani posero l'assedio alla città e la popolazione resistette coraggiosamente fino a quando, non potendo più farlo, diede fuoco alla città ed effettuò un suicidio collettivo di tutti gli abitanti.

La città ricostruita venne occupata alla caduta dell'impero dai Suebi che stabilirono in varie località della zona i loro regni. L'importanza di Soria aumentò con l'arrivo dei Musulmani perché venne a trovarsi al confine fra Cristiani e Musulmani stabilizzatosi nel secolo VIII sul fiume Duero.

Nell'anno 869 Soria fu al centro della storia con la sollevazione di Soliman ben Abus contro il califfo di Cordoba, che inviò suo figlio Hakan a sedarla. Agli inizi del XII secolo il re Alfonso I detto El Batallador la tolse definitivamente agli Arabi e Soria nel 1134 fu assorbita dal regno del Leon. Per la sua posizione strategica ai confini dei regni di Castiglia, Leon, Navarra e Aragona fu centro dei numerosi conflitti che si verificarono nel Medioevo fra questi regni. Grazie al sostegno dei Soriani Alfonso VIII di Castiglia mantenne l'indipendenza del regno di Leon e come ringraziamento elargì alla città diversi privilegi che essa conservò fino in epoca moderna.

Agli inizi del XII secolo iniziò per Soria un periodo di floridezza: la città si popolò e divenne capoluogo di diversi paesi costituenti la Terra di Soria, e formanti un'associazione di molti paesi chiamata col nome di Mancomunidad de los 150 pueblos, tuttora esistente e funzionante.

Nel 1195 la città fu presa e devastata da Sancho VII di Navarra (Sancho el Fuerte), ma continuò a svilupparsi soprattutto grazie alla sua posizione di frontiera e di nodo stradale che ne facevano un importante centro commerciale. Nel 1256 ottenne il Fuero, cioè lo statuto cittadino col quale il re riconosceva alla città alcune autonomie di governo e la creazione di organi istituzionali propri, che governarono poi la città fino al XIX secolo.

Chi esercitava prevalentemente il commercio era una nutrita colonia di Ebrei insediata nella zona del castello. La riunificazione personale dei regni di Castiglia e Aragona con il matrimonio di Isabella e Ferdinando, eredi rispettivamente delle due corone, e la conseguente nascita del regno di Spagna nel 1479 determinarono la perdita d'importanza di Soria che non fu più terra di frontiera e protagonista della storia.

Un colpo per l'economia della città fu il decreto di espulsione degli Ebrei dalla Spagna emanato dai Re Cattolici nel 1492 che costrinse il gruppo di facoltosi commercianti ad abbandonare affari e città per emigrare all'estero.

Durante la guerra di successione agli inizi del XVIII secolo, Soria sostenne la causa di Filippo V.

Nel 1808 si difese dai Francesi formando un reggimento che combatté ma non riuscì ad evitare che le truppe napoleoniche saccheggiassero la popolazione e incendiassero in parte la città.

La crisi politica sociale ed economica della Spagna dal secolo XIX alla guerra civile del 1936-39 e la dittatura di Francisco Franco pesarono gravemente su Soria, che vide le sue terre spopolarsi per l'emigrazione dei giovani verso l'Europa e le zone industrializzate spagnole e l'invecchiamento della popolazione.

La politica delle autorità locali punta oggi a realizzare un ammodernamento dell'agricoltura e dell'allevamento del bestiame e, soprattutto, ad incrementare il turismo facendo leva sulle bellezze naturali e architettoniche della città e della provincia. Si provvede perciò a curare la manutenzione dei tanti monumenti medievali e a restaurare i villaggi ormai abbandonati.

Monumenti[modifica | modifica sorgente]

Monastero della Madonna del Miròn
  • "Plaza Mayor" è il centro cittadino con l'"Ayuntamento" (municipio) rinascimentale del XVI secolo.
  • "Palacio de la Audiencia" (teatro) del 1739.
  • La chiesa del XVI secolo di "Nuestra Seňora de la Mayor" con portale romanico.
  • "Iglesia de l'Espino", del XVI secolo.
  • "San Juan de Rabanera" chiesa romanica del XII secolo e molte altre chiese romaniche: "Santo Domingo" del secolo XIII, "San Juan de Duero" del XII secolo già convento dei monaci ospedalieri, che conserva un piccolo "Museo archeologico", "San Polo", già monastero eretto dai Templari nel XIII secolo, "San Nicolas" e "San Gines" dello stesso secolo.
  • "Concatedral de San Pedro" eretta nei secoli XII-XIII e ricostruita nel XVI.
  • "Ermita de San Saturio" eretta su un roccione nel XVIII secolo.
  • "Ermita de la Soledad" del XVII secolo.
  • "Palacio de los condes de Gomara" (palazzo di giustizia) del 1592.
  • I resti del Castello medievale che domina la città dall'alto del colle omonimo e di parte delle mura.
  • Il "Museo Numantino" di archeologia neolitica, celtiberica e romana.
  • "Palacio de Alcantara" del Settecento occupato da uffici finanziari.

Dintorni[modifica | modifica sorgente]

  • A 7 km Numancia, antica città iberica distrutta nel 133 a.C. dal generale romano Publio Cornelio Scipione Emiliano. Situata su un colle, di lei rimangono i resti di abitazioni, di condutture sotterranee, di cisterne, di terme e di fortificazioni.
  • A 57 km El Burgo de Osma, piccolo e affascinante paese della valle del Duero.
  • A 51 km Ágreda paese di montagna ai piedi della Sierra de Moncayo a 941 m s.l.m. Ha un aspetto medievale con strade strette e mura in parte arabe.

Feste[modifica | modifica sorgente]

  • "Semana Santa" (Pasqua)
  • "Lavalenguas" e "La compra" secondo e terzo fine settimana di giugno con scampagnata sul Monte de Valonsadero dove si mangia all'aperto, si balla e si corre davanti ai tori liberi.
  • "Fiestas de San Juan" ultima settimana di giugno.
  • L'"Otoño Musical de Soria" in settembre, con l'esibizione di diverse orchestre.
  • "Fiestas de San Saturio" prima settimana di ottobre.

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Soria è gemellata con:

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Spagna Portale Spagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Spagna