Jaén

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jaén
comune
Jaén – Stemma Jaén – Bandiera
Jaén – Veduta
Dati amministrativi
Stato Spagna Spagna
Comunità autonoma Bandera de Andalucía.svg Andalusia
Provincia Bandera provincia Jaén contorno hispanofrancés.svg Jaén
Territorio
Coordinate 37°46′00″N 3°46′59″W / 37.766667°N 3.783056°W37.766667; -3.783056 (Jaén)Coordinate: 37°46′00″N 3°46′59″W / 37.766667°N 3.783056°W37.766667; -3.783056 (Jaén)
Altitudine 573 m s.l.m.
Superficie 424,30 km²
Abitanti 116 393 (2007)
Densità 274,32 ab./km²
Comuni confinanti Begíjar, Campillo de Arenas, Cazalilla, Fuerte del Rey, La Guardia de Jaén, Mancha Real, Mengíbar, Pegalajar, Torredelcampo, Valdepeñas de Jaén, Los Villares, Villatorres
Altre informazioni
Cod. postale 23001 - 23009
Prefisso (+34) 953
Fuso orario UTC+1
Targa J
Nome abitanti jiennense, jaenero/a
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Spagna
Jaén
Sito istituzionale

Jaén è un comune spagnolo di 116.393 abitanti (2007) situato nella comunità autonoma dell'Andalusia.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Nel territorio comunale scorre da sud a nord il Guadalbullón e, per un breve tratto, il Guadalquivir.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Jaén, Feria de San Lucas

Insediamento preistorico, poi iberico, fu distrutto dai romani per l'appoggio dato a Cartagine durante la seconda guerra punica. La comunità iberica ricostituita diede luogo all'insediamento detto dai romani Aurgi.
Conquistata dagli arabi, la città fu da loro rinominata Yayyan, "crocevia delle carovane".

La prima riconquista cristiana prese la forma di un patto di vassallaggio del re moro Alhamar al re castigliano Ferdinando III il santo, nel 1246, che ne fissò il toponimo in Iahen.

Durante la Reconquista la città con il suo castello divenne uno snodo centrale, tanto da essere intitolata da Enrico II di Castiglia "Muy noble y muy leal, guarda y defensor de los reinos de Castilla" (Nobilissimo e lealissimo guardiano e difensore dei regni di Castiglia).

Dopo la resa di Granada (1492) Jaén entrò nelle grandi assegnazioni terriere fatte agli ordini militari e ai nobili che sostenevano il nuovo regno spagnolo: il latifondismo che dominò nei secoli successivi l'odierna Andalusia ed Estremadura ne segnò il lento declino.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Pala d'altare della cattedrale

L'edificio più importante della città è la cattedrale dell'Assunzione.

Economia e società[modifica | modifica sorgente]

Dal XVII secolo la città ospitò una fiorente attività artigianale che le consentì un nuovo sviluppo commerciale. L'agricoltura rimaneva tuttavia a conduzione latifondista, e ciò fece di Jaén il teatro di importanti lotte agrarie e socialiste, sostenute dai braccianti a partire dall'inizio del XX secolo fino alla fine della guerra civile, e oltre, giacché i franchisti non riuscirono a sradicare la resistenza nelle montagne fino agli anni cinquanta.

Anche per essere capoluogo di provincia, Jaén è attualmente una città di servizi, ma con una forte attività agricola basata sulla monocultura dell'olivo e la connessa produzione di olio.

La città è sede da secoli di una famosa fiera, la Feria de San Lucas che, inizialmente stabilita in agosto, attualmente si celebra nella settimana dal 12 al 18 ottobre (giorno in cui si festeggia il patrono San Luca evangelista), ed è l'ultima grande feria popolare dell'anno. Perdutosi il valore commerciale, il grande mercato di cavalli e prodotti e materiali agricoli è stato sostituito da un insieme di eventi di festa popolare (corride, concerti, stand alimentari, balli, attrazioni varie) che richiamano moltissima gente.

Musica[modifica | modifica sorgente]

L'evento musicale più importante è sicuramente la International Piano Competition Premio Jaén (in Spagnolo: Concurso Internacional de Piano Premio Jaén), che si distingue a livello nazionale per essere il premio pianistico più antico e importante dell'intera Spagna.

Inoltre è originario della cittadina andalusa il gruppo nu metal degli Xkrude.

Persone legate a Jaén[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Spagna Portale Spagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Spagna