Elezioni europee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Unione europea

Flag of Europe.svg
Sistema politico dell'Unione europea


modifica

Categorie: Politica, Diritto
e Organizzazioni internazionali

Portale Europa - Progetto Europa

Le elezioni europee sono elezioni politiche che nell'Unione europea hanno lo scopo di eleggere i membri del parlamento europeo. Le elezioni sono a suffragio universale e si svolgono ogni 5 anni. In base al risultato delle elezioni, il consiglio europeo sceglie il candidato per la presidenza della commissione europea, che dovrà ottenere la fiducia dalla maggioranza del parlamento; se il candidato ottiene la maggioranza potrà formare la commissione, altrimenti il consiglio dovrà scegliere un altro candidato.

Elezioni[modifica | modifica wikitesto]

Elezioni regolari[modifica | modifica wikitesto]

Le elezioni europee tenute finora sono 8:

Elezioni straordinarie[modifica | modifica wikitesto]

Per permettere ai cittadini dei paesi entrati nell'Unione europea in date intermedie alle elezioni regolari di scegliere i propri eurodeputati, si sono tenute, nei paesi interessati, delle elezioni straordinarie [1]. Le elezioni straordinarie tenute finora sono state le seguenti:

Risultati elezioni 2014[modifica | modifica wikitesto]

Per nazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è riportata la composizione definitiva del Parlamento Europeo nella VIII Legislatura. Accanto ai seggi assegnati ad ogni partito politico nazionale è indicata la percentuale di voti ottenuta da quel partito a livello nazionale.

Stato Gruppi politici al Parlamento europeo MPE Fonte
PPE S&D ALDE Verdi/ALE ECR GUE/NGL EFDD NI
Germania Germania 34 27 4 13 8 8 - 2 96 [1]
CDU (30,0%) 29 SPD (27,3%) 27 FDP (3,4%) 3 GRÜNE (10,7%) 11 AFD (7,1%) 7 LINKE (7,4%) 7 NPD (1,0%) 1
CSU (5,3%) 5 FW (1,5%) 1 P (1,4%) 1 FAMILIE (0,7%) 1 PMUT (1,2%) 1 PARTEI (0,6%) 1
ÖDP (0,6%) 1
Francia Francia 20 13 7 6 - 4 1 23 74 [2]
UMP (20,8%) 20 PS/PRG (14,0%) 13 MoDem/UDI (9,9%) 7 EE (9,0%) 6 FG/AOM (6,3%) 4 Indipendente[2] 1 FN (24,9%) 23
Regno Unito Regno Unito - 20 1 6 20 1 24 1 73 [3]
Lab. (24,7%) 20 LibDem (6,7%) 1 GP (7,7%) 3 Cons. (23,3%) 19 SF (0,7%) 1 UKIP (26,8%) 24 DUP (0,5%) 1
SNP (2,4%) 2 UUP (0,4%) 1
PC (0,7%) 1
Italia Italia 17 31 - - - 3 17 5 73 [4]
FI (16,8%) 13 PD (40,8%) 31 AET (4,0%) 3 M5S (21,2%) 17 LN (6,2%) 5
NCD/UDC (4,3%) 3
SVP (0,5%) 1
Spagna Spagna 17 14 8 4 - 11 - - 54 [5]
PP (26,1%) 16 PSOE (23,0%) 14 UPyD (6,5%) 4 ICV (IP) (10,0%)[3] 1 IU (IP) (10,0%)[3] 5
UDC (CpE) (5,4%)[4] 1 CDC/PNV (CpE) (5,4%)[4] 2 EPDD (4,0%) 2 PODEMOS (8,0%) 5
C's (3,2%) 2 PE (1,9%) 1 LPD (2,1%) 1
Polonia Polonia 23 5 - - 19 - - 4 51 [6]
PO (32,1%) 19 SLD (9,4%) 5 PiS (31,8%) 19 KNP (7,2%) 4
PSL (6,8%) 4
Romania Romania 15 16 1 - - - - - 32 [7]
PNL (15,0%) 6 PSD/PC/UNPR (37,6%) 16 Mircea Diaconu (Ind.) (6,8%) 1
PDL (12,2%) 5
UDMR (6,3%) 2
PML (6,2%) 2
Paesi Bassi Paesi Bassi 5 3 7 2 2 3 - 4 26 [8]
CDA (15,2%) 5 PvdA (9,4%) 3 D66 (15,5%) 4 GL (7,0%) 2 CU/SGP (7,7%) 2 SP (9,6%) 2 PVV (13,3%) 4
VVD (12,0%) 3 PvdD (4,2%) 1
Belgio Belgio 4 4 6 2 4 - - 1 21 [9]
CD&V (12,2%) 2 PS (11,2%) 3 VLD (12,5%) 3 Groen (6,5%) 1 N-VA (16,4%) 4 VB (4,1%) 1
CDH (4,3%) 1 SP.a (8,1%) 1 MR (10,3%) 3 Ecolo (4,5%) 1
CSP (0,2%) 1
Rep. Ceca Repubblica Ceca 7 4 4 - 2 3 1 - 21 [10]
TOP 09/STAN (16,0%) 4 ČSSD (14,2%) 4 ANO 2011 (16,1%) 4 ODS (7,7%) 2 KSČM (11,0%) 3 SSO (5,2%) 1
KDU-ČSL (10,0%) 3
Grecia Grecia 5 4 - - 1 6 - 5 21 [11]
ND (22,7%) 5 ELIA (8,0%) 2 ANEL (3,5%) 1 SYRIZA (26,6%) 6 XA (9,4%) 3
Potami (6,6%) 2 KKE (6,1%) 2
Ungheria Ungheria 12 4 - 2 - - - 3 21 [12]
Fidesz (51,5%) 12 MSZP (10,9%) 2 PM (7,3%) 1 Jobbik (14,7%) 3
DK (9,8%) 2 LMP (5,0%) 1
Portogallo Portogallo 7 8 2 - - 4 - - 21 [13]
PSD/CDS-PP (27,7%) 7 PS (31,5%) 8 MPT (7,2%) 2 PCP/PEV (12,7%) 3
BE (4,6%) 1
Svezia Svezia 4 6 3 4 - 1 2 - 20 [14]
M (13,6%) 3 S (24,5%) 5 FP (10,0%) 2 MP (15,3%) 4 V (6,3%) 1 SD (9,7%) 2
KD (6,0%) 1 FI (5,3%) 1 C (6,5%) 1
Austria Austria 5 5 1 3 - - - 4 18 [15]
ÖVP (27,0%) 5 SPÖ (24,1%) 5 NEOS (8,1%) 1 GRÜNE (14,5%) 3 FPÖ (19,7%) 4
Bulgaria Bulgaria 7 4 4 - 2 - - - 17 [16]
GERB (30,4%) 6 BSP (18,9%) 4 DPS (17,3%) 4 BBT (10,7%) 2
RB (6,5%) 1
Finlandia Finlandia 3 2 4 1 2 1 - - 13 [17]
KOK (22,6%) 3 SDP (12,3%) 2 KESK (19,7%) 3 VIHR (9,3%) 1 PS (12,9%) 2 VAS (9,3%) 1
SFP (6,8%) 1
Danimarca Danimarca 1 3 3 1 4 1 - - 13 [18]
C. (9,2%) 1 A. (19,1%) 3 V. (16,7%) 2 F. (10,9%) 1 O. (26,6%) 4 N. (8,0%) 1
B. (6,5%) 1
Slovacchia Slovacchia 6 4 1 - 2 - - - 13 [19]
KDH (13,2%) 2 Smer (24,1%) 4 SaS (6,7%) 1 OL'aNO (7,5%) 1
SDKÚ-DS (7,8%) 2 NOVA (6,8%) 1
MKP (6,5%) 1
Most-Híd (5,8%) 1
Croazia Croazia 5 2 2 1 1 - - - 11 [20]
HDZ/HSS[5] (41,4%) 5 SDP[6] (29,9%) 2 HNS/IDS[6] (29,9%) 2 ORaH (9,4%) 1 HSP-AS[5] (41,4%) 1
Irlanda Irlanda 4 1 1 - 1 4 - - 11 [21]
FG (22,3%) 4 Indipendenti[7] (19,8%) 1 Indipendenti[7] (19,8%) 1 FF (22,3%) 1 Indipendenti[7] (19,8%) 1
SF (19,5%) 3
Lituania Lituania 2 2 3 1 1 - 2 - 11 [22]
TS-LKD (17,4%) 2 LSDP (17,3%) 2 LRLS (16,6%) 2 LVŽS (6,6%) 1 AWPL (8,1%) 1 TT (14,3%) 2
DP (12,8%) 1
Lettonia Lettonia 4 1 - 1 1 - 1 - 8 [23]
V (46,2%) 4 SDPS (13,0%) 1 LKS (6,4%) 1 NA (14,3%) 1 ZZS (8,3%) 1
Slovenia Slovenia 5 1 1 1 - - - - 8 [24]
SDS (24,9%) 3 SD (8,0%) 1 DeSUS (8,1%) 1 Verjamem (10,5%) 1
N.Si/SLS (16,6%) 2
Cipro Cipro 2 2 - - - 2 - - 6 [25]
DISY (37,8%) 2 DIKO (10,8%) 1 ΑΚΕL (27,0%) 2
EDEK (7,7%) 1
Estonia Estonia 1 1 3 1 - - - - 6 [26]
IRL (13,9%) 1 SDE (13,6%) 1 ER (24,3%) 2 Indrek Tarand (Indip.) (13,2%) 1
KE (22,4%) 1
Lussemburgo Lussemburgo 3 1 1 1 - - - - 6 [27]
CSV (37,7%) 3 LSAP (11,8%) 1 DP (14,8%) 1 Gréng (15,0%) 1
Malta Malta 3 3 - - - - - - 6 [28]
PN (40,0%) 3 PL (53,4%) 3
Totale PPE S&D ALDE V-ALE ECR GUE/NGL EFDD NI MPE Fonte
221 191 67 50 70 52 48 52 751

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Generalmente le elezioni straordinarie si tengono pochi mesi dopo l'ingresso del paese.
  2. ^ Joëlle Bergeron, fuoriuscita dal Fronte Nazionale
  3. ^ a b Ne La Sinistra Pluralista (Iniziativa per la Catalogna Verde, Sinistra Unita).
  4. ^ a b In Coalizione per l'Europa (Convergenza Democratica di Catalogna, Unione Democratica di Catalogna, Partito Nazionalista Basco).
  5. ^ a b L'Unione Democratica Croata, il Partito Rurale Croato e il Partito Croato dei Diritti dr. Ante Starčević hanno partecipato alle elezioni in una coalizione che comprendeva anche altri partiti minori; dei 6 seggi ottenuti 4 sono andati al primo, uno al secondo e uno al terzo. Mentre i primi due partiti appartengono al PPE, il terzo è affiliato ai ECR. Il dato percentuale si riferisce alla coalizione.
  6. ^ a b Il Partito Socialdemocratico di Croazia, il Partito Popolare Croato - Liberal Democratici, la Dieta Democratica Istriana ed altri partiti minori hanno partecipato alle elezioni in coalizione; dei 4 seggi ottenuti complessiviamente 2 sono andati all'SDP, mentre uno a ciascuno degli altri due partiti citati. Il primo partito appartiene all'S&D, mentre gli altri due sono legati all'ALDE. Il dato percentuale si riferisce alla coalizione.
  7. ^ a b c Dei tre candidati indipendenti eletti, uno è affiliato all'ALDE, una ai S&D, e uno alla GUE/NGL. Il dato percentuale si riferisce a tutti i candidati indipendenti.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]