Europa della Libertà e della Democrazia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Europa della Libertà e della Democrazia
(EN) Europe of Freedom and Democracy (EFD)
Presidente Nigel Farage (UKIP)
Francesco Speroni (LN)
Stato Unione europea Unione europea
Fondazione 1 luglio 2009 (de facto)[1]
Dissoluzione 24 giugno 2014
Ideologia Euroscetticismo[2][3],
Conservatorismo nazionale[2][3],
Populismo[4][5]
Collocazione Destra[6][7][8][9][10][11]
Partito europeo MELD
Seggi massimi Europarlamento
30 / 751
 (2009)
Sito web efdgroup.eu

Il Gruppo Europa della Libertà e della Democrazia (in inglese: Europe of Freedom and Democracy Group, EFD; in francese Groupe Europe Libertés Démocratie, ELD) è stato un gruppo politico del Parlamento europeo nato il 1º luglio 2009[1]. Il gruppo era formato da partiti con un programma politico contrario al centralismo burocratico dell'Unione Europea. Il gruppo non sostiene la Commissione Barroso II.

Tra i gruppi del Parlamento Europeo, l'EFD è il più ostile all'integrazione europea. Nello spettro politico è identificato tra la destra e l'estrema destra.

Storia del gruppo[modifica | modifica sorgente]

Il gruppo nasce dalla dissoluzione dei gruppi Indipendenza e Democrazia e Unione per l'Europa delle Nazioni. Questo nuovo gruppo promuove una visione dell'Europa fondata sulla cooperazione trasparente e democratica tra gli Stati membri, contro il centralismo burocratico, e per il rispetto delle diverse tradizioni storiche e culturali europee.

Alcune delegazioni del nuovo gruppo, quella inglese, danese, francese e finlandese, partecipano alla campagna contro la ratifica del trattato di Lisbona durante il secondo referendum in Irlanda (ottobre 2009), finanziando iniziative di informazione.

Il nuovo gruppo ha due copresidenti, Nigel Farage (UKIP) e Francesco Speroni (Lega Nord) che corrispondono alle due delegazioni più importanti del gruppo (13 e 9 deputati europei). Ne fanno poi parte il LAOS (Grecia), il Partito del Popolo Danese, il Movimento per la Francia, il SGP olandese, i Veri Finlandesi e il Partito Nazionale Slovacco. In tutto "Europa della Libertà e della Democrazia" conta 32 eurodeputati da 10 Stati membri.

Il 22 maggio 2013 il gruppo sospende ed espelle il 3 giugno seguente l'on.Mario Borghezio della Lega Nord, per le frasi pronunciate contro l'allora Ministro dell'Integrazione del Governo Letta, Cécile Kyenge[12].

Il 18 giugno 2014 Nigel Farage annuncia la creazione del gruppo EFD per l'VIII legislatura[13], che comprende 24 deputati britannici dell'UKIP, 17 deputati italiani del Movimento 5 Stelle, deputati lituani, francesi, svedesi, cechi e lettoni[14] e il 24 giugno 2014 il nome del gruppo è stato modificato con Europa della Libertà e della Democrazia Diretta (EFDD) e David Borrelli del Movimento 5 Stelle è stato scelto come nuovo co-presidente.

Composizione[modifica | modifica sorgente]

EFD contava su 30 memberi eletti:

Partito Nome locale Sigla Stato Europartito MPE Precedente
Partito per l'Indipendenza del Regno Unito United Kingdom Independence Party UKIP Regno Unito Regno Unito N.D. 8 IND/DEM
Lega Nord per l'Indipendenza della Padania Lega Nord per l'Indipendenza della Padania LNP Italia Italia MELD 6 UEN
Io amo l'Italia Io amo l'Italia ALI Italia Italia MELD 1 N.D.
Polonia Solidale Solidarna Polska SP Polonia Polonia MELD 4 ECR
Ordine e Giustizia Tvarka ir teisingumas TT Lituania Lituania MELD 2 UEN
Partito del Popolo Danese Dansk Folkeparti DF Danimarca Danimarca MELD 1 UEN
Raggruppamento Popolare Ortodosso Laïkós Orthódoxos Synagermós LAOS Grecia Grecia MELD 1 IND/DEM
Veri Finlandesi Perussuomalaiset PS Finlandia Finlandia MELD 1 N.D.
Movimento per la Francia Mouvement pour la France MPF Francia Francia MELD 1 IND/DEM
Partito Politico Riformato Staatkundig Gereformeerde Partij SGP Paesi Bassi Paesi Bassi MELD 1 IND/DEM
Partito Nazionale Slovacco Slovenská národná strana SNS Slovacchia Slovacchia MELD 1 UEN
Fronte Nazionale per la Salvezza della Bulgaria Национален фронт за спасение на България НФСБ Bulgaria Bulgaria MELD 1 N.D.
Indipendente Niki Tzavela Grecia Grecia N.D. 2 N.D.
Frank Vanhecke Belgio Belgio N.D. N.D.
Europartito Sigla MPE
Movimento per un'Europa della Libertà e della Democrazia MELD 20
Non iscritti 11

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Leigh Phillips, Ukip, Lega Nord form hard-right bloc in EU Parliament in EU Observer, 30 giugno 2009. URL consultato il 16 June 2012.
  2. ^ a b (EN) Andreas Staab, The European Union Explained, Second Edition: Institutions, Actors, Global Impact, Indiana University Press, 24 June 2011, p. 67, ISBN 0-253-00164-1.
  3. ^ a b (EN) Parties and elections - European Union. URL consultato il 30 novembre 2012.
  4. ^ (EN) After the elections – the European political groups in Counterpoint, 26 giugno 2014. URL consultato il 05 luglio 2014 (archiviato il 05 luglio 2014).
  5. ^ (EN) Conflicted Politicians: the populist radical right in the European Parliament (PDF), Counterpoint, 2013, pp. 10—. URL consultato il 05 luglio 2014 (archiviato il 05 luglio 2014).
  6. ^ Gilles Ivaldi, The Populist Radical Right in European Elections 1979-2009 in The Extreme Right in Europe: Current Trends and Perspectives, Vandenhoeck & Ruprect, 2011, p. 19.
  7. ^ Thomas Jansen e Steven Van Hecke, At Europe's Service: The Origins and Evolution of the European People's Party, Springer, 2011, p. 229.
  8. ^ Marie-Claire Considère-Charon, Irish MEPs in an enlarged Europe in Ireland: Looking East, Peter Lang, 2010, p. 158.
  9. ^ Far-right MEPs form group in European Parliament, euractiv.com
  10. ^ Roy H. Ginsberg, Demystifying the European Union: The Enduring Logic of Regional Integration, p. 170, Rowman & Littlefield, 2010, ISBN 0742566927
  11. ^ Rob Ford, Matthew J. Goodwin, Voting for Extremists, passim, Taylor & Francis, ISBN 041569051X
  12. ^ Parlamento europeo, Borghezio espulso ufficialmente da Efd
  13. ^ New EFD group formed in the European Parliament. "We will be the people's voce" says UKIP leader Nigel Farage, 18 Giugno 2014.
  14. ^ M5S-Farage, nasce gruppo euroscettico. Grillo: "Ha vinto la democrazia diretta", Il Fatto Quotidiano, 18 Giugno 2014.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Unione europea Portale Unione europea: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Unione europea