Raggruppamento Popolare Ortodosso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raggruppamento Popolare Ortodosso
(EL) Λαϊκός Ορθόδοξος Συναγερμός (ΛAΟΣ)
Laikós Orthódoxos Synagermós (LAOS)
Leader Georgios Karatzaferis
Portavoce Georgios Kirtsos
Stato Grecia Grecia
Fondazione 14 settembre 2000
Sede 52, Kallirois Avenue
Atene
Ideologia Nazionalismo[1], Conservatorismo[2] Populismo di destra[3][4][5][6]
Collocazione Estrema destra[7][8]
Partito europeo MELD
Gruppo parlamentare europeo Europa della Libertà e della Democrazia
Seggi Parlamento
0 / 300
 (2012)
Seggi Europarlamento
0 / 21
 (2014)
Seggi Consiglio periferico
121 / 725
 (2012)
Sito web laos.gr

Il Raggruppamento Popolare Ortodosso (in greco Λαϊκός Ορθόδοξος Συναγερμός, Laïkòs Orthòdoxos Synagermòs, LA.O.S.) è un partito politico d'ispirazione ortodossa, assimilabile al conservatorismo nazionale, fondato nel 2000 in Grecia.

Esso presenta un carattere nazionalistico accentuato[9]; i temi principali sui quali si esprime sono l'immigrazione clandestina, l'istruzione, la politica estera e la riduzione delle tasse alle piccole e medie imprese.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il leader del partito, Georgios Karatzaferis

Il partito viene alla luce dopo l'esclusione di Georgios Karatzaferis da Nuova Democrazia. Esso si presenta per la prima volta alle elezioni parlamentari del 2004, ottenendo il 2,2% e nessun seggio.

Nelle successive elezioni parlamentari del 2007, il LA.O.S. ottiene il 3,8% e dieci deputati al Parlamento. Alle politiche del 2009 ottiene il 5,6% e 15 deputati. Un'ulteriore crescita si è verificata in occasione delle elezioni europee del 2009, allorché il partito ottiene il 7,1% dei voti ed elegge due europarlamentari.

Nel governo di unità nazionale nato nel novembre 2011 conta quattro ministri, che si dimettono il 10 febbraio 2012.[10]

Alle elezioni greche del maggio 2012 il partito ottiene il 2,90% (scendendo di quasi tre punti) e non eleggendo alcun parlamentare. Alle Elezioni europee del 2014 il partito ottiene il 2,7% non eleggendo nessun eurodeputato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Justine Lacroix, Kalypso Nicolaīdis, European Stories: Intellectual Debates on Europe in National Contexts, Oxford: Oxford University Press, 2011, ISBN 978-0-19-959462-7, p. 188
  2. ^ Alex G. Papadopoulos, The Puzzle of the 2012 Greek Elections, 8 maggio 2012, International Policy Digest.
  3. ^ Kostas Gemenis, "The 2007 Parliamentary Election in Greece", Mediterranean Politics (2008) 13: 95–101
  4. ^ Kostas Gemenis, Elias Dinas, Confrontation still? Examining parties' policy positions in Greece, Comparative European Politics., 2009.
  5. ^ Paul Hainsworth, The Extreme Right in Western Europe, Rotledge, 2008 p. 66.
  6. ^ David Art, Inside the Radical Right: The Development of Anti-Immigrant Parties in Western Europe, Cambridge University Press, 2011 p. 188
  7. ^ Irene Nakou, Isabel Barca, Contemporary Public Debates Over History Education, IAP, 2010, ISBN 9781617351075, p. 123
  8. ^ Reuters, Greek far-right leader expects parties to agree on bailout, 9 febbraio 2012
  9. ^ Greeks Voting in General Election
  10. ^ http://www.studioconsulenzaromano.net/news-online/crisi-grecia-si-dimettono-4-ministri/15731/

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]