Georgios Karatzaferis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg

Georgios Karatzaferis (Atene, 11 agosto 1947) è un politico e giornalista greco.

Georgios Karatzaferis

Giornalista radio-televisivo. Membro del Parlamento Ellenico dal 1993 con Nuova Democrazia da cui viene espulso nel 2000. È fondatore e presidente del Raggruppamento Popolare Ortodosso, partito di destra fondato nel 2000, con cui torna in Parlamento fino al 2012.

Nel 2004 viene eletto al Parlamento europeo dove resta fino al 2007.

Polemice[modifica | modifica sorgente]

In diverse ocassioni, Georgios Karatzaferis ha pubblicamente messo in discussione il suo perché gli ebrei non sono "venuti a lavorare nel 9/11", suggerendo che essi sono stati avvertiti di lasciare il World Trade Center prima dell'attacco. Ha sfidato l'ambasciatore israeliano in Grecia a venire al dibattito su "l'Olocausto, il mito di Auschwitz e Dachau" e nel 2001 ha dichiarato che "gli ebrei non hanno legittimità di parlare il Greco"[1].

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ CACF, New Greek government includes ministers of antisemitic party, 17-11-2011.