Donato Bendicenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo giornalista italiano, vedi Donato Bendicenti (giornalista).

Donato Bendicenti (Rogliano, 18 ottobre 1907Roma, 24 marzo 1944) è stato un avvocato e partigiano italiano, trucidato alle Fosse Ardeatine.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Calabrese di nascita, si trasferì a Roma per motivi di studio. Laureatosi in giurisprudenza, rimase nella Capitale per esercitare la professione di avvocato. Successivamente sposò Elisa Tedeschi e si iscrisse al Partito comunista clandestino[1].

Dopo l'8 settembre 1943 entrò nella Resistenza come partigiano della "Banda del Trionfale" e membro del Comitato forense d'agitazione. In tale veste mise a disposizione la sua casa per le riunioni del PCI clandestino[1].

Il 3 marzo 1944 fu arrestato mentre usciva dalla sua abitazione dove, da alcuni minuti, era terminata una riunione della Direzione del PCI[1]. Seviziato per ventuno giorni, non riuscirono a fargli confessare nulla della sua attività clandestina. Consegnato alle SS di Herbert Kappler, il 24 marzo successivo venne fucilato alle Fosse Ardeatine.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Medaglia d'Argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Argento al valor militare
«Subito dopo l'armistizio, con fedeltà e con decisione, si prodigava nella lotta di liberazione distinguendosi come protagonista attivo ed ardimentoso. Caduto in mani nemiche e lungamente interrogato, nulla rivelava. Sacrificato alla rappresaglia tedesca, cadeva per gli ideali di libertà di Patria che aveva sempre nobilmente servito»
— Fronte Militare della Resistenza - Fosse Ardeatine, settembre 1943-24 marzo 1944.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Cento anni fa a Rogliano nasceva Donato Bendicenti

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]