Costas Simitis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Costas Simitis
Konstantinos Simitis.jpg

Primo ministro della Grecia
Durata mandato 22 gennaio 1996 –
10 marzo 2004
Predecessore Andreas Papandreou
Successore Costas Karamanlis

Presidente del Consiglio europeo
Durata mandato 1º gennaio 2003 –
30 giugno 2003
Predecessore Anders Fogh Rasmussen
Successore Silvio Berlusconi

Dati generali
Partito politico Pasok

Costas Simitis (Κωνσταντίνος Σημίτης; Pireo, 23 giugno 1936) è un politico greco. È stato primo ministro di Grecia e leader del PaSoK dal 22 gennaio 1996 al 10 marzo 2004.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Suo padre, Giorgio era un professore titolare della cattedra di Economia e Commercio all'Università di Atene. Sua madre era Fani Christopoulou. Ha studiato giurisprudenza all'Università di Marburgo in Germania e scienze economiche alla London School of Economics. È sposato con Daphne Arkadiou e ha due figlie, Fiona e Marilena. La sua residenza ufficiale è nell'elegante quartiere Kolonaki, nel centro di Atene ma da quando è terminato il suo incarico governativo, trascorre la maggior parte dell'anno in Germania, sua patria elettiva. In Germania vive anche il fratello Spiros, un noto ed apprezzato giurista.

Attività politica prima del 1981[modifica | modifica wikitesto]

Incarichi ministeriali[modifica | modifica wikitesto]

Ragioniere e funambolo[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 gennaio 1996, Andreas Papandreou si dimise da 1º ministro per motivi di salute. Il suo partito scelse come successore Simitis preferendolo ad Akis Tsochatzopoulos e Gerasimos Arsenis. Papandreou mantenne la carica di presidente del partito ma morì il 23 giugno dello stesso anno. Ancora una volta il partito socialista si riunì in congresso per decidere sulla successione e ancora una volta la scelta cadde su Simitis.

Le elezioni politiche si tennero il 22 settembre e furono vinte dal partito socialista, ragion per cui fu riconfermato nel suo incarico. Sebbene molto apprezzato in ambito europeo, il 1º ministro era guardato in patria come un tecnocrate dal freddo comportamento teutonico e privo del carisma del suo predecessore. I suoi denigratori coniarono per lui un nomignolo dispregiativo, "il ragioniere di Grecia" (logistis tιs Ellados in greco), termine con cui si voleva porre in evidenza la sua abilità, quasi funambolica, nel far quadrare i conti ma anche la sua mancanza di polso in temi più squisitamente politici, come dimostrato durante la crisi di Imia con la vicina Turchia e nella vicenda della cattura di Abdullah Ocalan. Ancora, quando egli annunciò il 7 gennaio 2004 la sua decisione di non volersi ricandidare all'appuntamento elettorale del 7 marzo, i suoi denigratori lo accusarono di vigliaccheria. Secondo la loro opinione egli voleva evitare la frustrazione di una sconfitta essendo oramai dato per scontato che il suo partito non avrebbe vinto. Dimenticavano però che la sua permanenza alla presidenza del consiglio era stata la più duratura di tutte la storia della Grecia moderna.

Fatto sta che il congresso del partito socialista da lui stesso indetto per l'8 febbraio non lo riconfermò nella carica di presidente del partito. Fu infatti sostituito con Giorgio Papandreou che allora ricopriva la carica di ministro degli esteri. Nonostante il cambio di consegne il partito socialista perse le elezioni del marzo successivo in linea con le previsioni dei sondaggi precedenti.

Politica economica[modifica | modifica wikitesto]

Simitis si discostò molto dalla linea politica del suo predecessore e non esitò a prendere misure antipopolari per poter onorare gli accordi sottoscritti il 19 giugno dell'anno 2000 che prevedevano l'ingresso della Grecia nella zona dell'Euro. La sua politica economica si basava sullo slogan "Eksynchronismos", termine che in italiano può essere reso come "modernizzazione". Vennero avviate importanti riforme in tema di contratti lavorativi e di regime fiscale. Fu varato un imponente programma di lavori pubblici in vista dei giochi della XXVIII Olimpiade che si svolsero ad Atene nell'agosto del 2004. Alcune delle grandi opere portate a termine durante il governo Simitis furono il ponte Rio-Antirion che unisce le due sponde del canale di Corinto poco fuori la città di Patrasso, il nuovo aeroporto di Atene dedicato ad Eleftherios Venizelos, la metro di Atene e la via Egnatia, una moderna autostrada che va dal porto di Igoumenitsa ai confini turchi e che prende il nome dall'antica strada consolare romana.

Falsificazione dei dati macroeconomici[modifica | modifica wikitesto]

Durante il governo Simitis l'inflazione rallentò dal 15% al 3%. Anche il debito pubblico decrebbe considerevolmente mentre il PIL aumentò ad un tasso del 4% cento annuo. È vero che questi dati strabilianti furono messi in discussione dal successivo governo di Costas Karamanlis che dimostrò ampiamente come essi fossero stati falsificati a bella posta per permettere al paese di poter entrare nella zona dell'Euro. Nel 2006 Eurostat precisò che il deficit pubblico greco dell'anno 2003 era stato del 6,1%, più del doppio della percentuale dichiarata a suo tempo dal governo Simitis.

La vicenda dei cantieri navali[modifica | modifica wikitesto]

Del resto Simitis non era nuovo ad accuse di falso in bilancio; al tempo in cui era ministro dell'industria e commercio (1993-1995) del III governo Papandreou fu accusato di aver truccato i bilanci dei cantieri navali "Elefsina" per poterne meglio permettere la privatizzazione. I cantieri furono poi acquistati dall'armatore di origine greca Michalis Peratikos il quale, una volta accertato di aver acquistato un'azienda sull'orlo del fallimento, si rifiutò di pagare gli stipendi dei dipendenti e denunciò di essere stato raggirato. La vicenda ebbe larga eco sulla stampa e la tv greca e si concluse con le dimissioni di Simitis da ministro nell'ottobre 1995[1] mentre il figlio dell'incauto acquirente, Kostis fu freddato su una strada del Pireo dalla organizzazione terroristica"17 novembre" in data 28 maggio 1997. In una lettera aperta pubblicata dai maggiori quotidiani di Atene[2], il padre della vittima lanciava gravi accuse a Costas Simitis, pur senza nominarlo. Egli affermava che prima dell'eliminazione fisica del figlio, si era tentato di ucciderlo moralmente imputandogli colpe che in realtà erano di "altri". Nella lettera egli scrive: "Quando mio figlio si mosse per acquistare quest'industria di stato, chi poteva mai immaginare che sarebbe stato in seguito raggirato con la presentazione di bilanci ufficiali ingannevoli che mostravano che l'impresa era sana mentre in realtà non aveva possibilità alcuna di sopravvivenza?" In un altro passo afferma che il passivo della società, calcolato sulla cifra di 60,000,000 di $ USA era sottostimato e che almeno il 46,6% di questa cifra si fondava su voci inesistenti.

Il crac della borsa valori di Atene[modifica | modifica wikitesto]

La corruzione, da sempre piaga endemica della pubblica amministrazione così come della vita sociale greca, non fece passi indietro durante il governo Simitis come dimostrato dal crac della Borsa valori di Atene del 1999. Ne derivò uno scandalo in cui furono implicati la stesso Simitis e il suo ministro delle finanze Giannis Papantoniou, rei, agli occhi dell'opinione pubblica, di avere indotto i piccoli risparmiatori a investire in azioni quotate alla borsa di Atene con le loro dichiarazioni mendaci sull'andamento trionfale dell'economia nazionale. È noto che la Borsa di Atene difetti di un qualsiasi organo di controllo. Questo permette a esponenti più o meno noti dei grandi gruppi finanziari del paese di portare avanti pratiche di insider trading ai danni dei piccoli risparmiatori. Tutto questo veniva denunciato sulle pagine dei maggiori quotidiani greci ma Simitis preferì ignorare le critiche limitandosi ad imputare responsabilità ai piccoli risparmiatori: "Che stiano più attenti" - rispose laconicamente[3].

Radiato dal partito[modifica | modifica wikitesto]

Simitis fu radiato dal partito il 12 giugno 2008. La richiesta era stata avanzata dallo stesso leader del PaSoK George Papandreou dopo aver ricevuto una lettera in cui Simitis lo biasimava per aver preso posizione a favore di un referendum sul Trattato di Lisbona. L'ex Primo Ministro commentò il fatto con una delle sue solite laconiche frasi: "Che faccia pure quello che gli pare. Io non rinuncerò mai alla libertà di esprimere la mia opinione personale".[4].

Lo scandalo dei fondi neri al partito socialista[modifica | modifica wikitesto]

Appena una settimana dopo, il 20 giugno 2008 apparvero sulla stampa rivelazioni che la società tedesca Siemens AG aveva passato al PaSoK la somma di 1,000,000 di vecchi marchi (circa 420,000 €) nel periodo 1994-2000. Le somme furono percepite da due membri del partito: Thodoros Tsouchatos, all'epoca consigliere personale di Simitis e Tasos Mantelis. La stampa rivelava anche che circa 50 milioni di € erano stati depositati dalla società tedesca su vari conti correnti della banca svizzera "ΒΝΡ Paribas" di Ginevra. I conti erano intestati a imprenditori greci o a prestanomi dei due indagati[5]. Le somme sborsate dalle Siemens AG dovevano intendersi come tangenti richieste dal partito governativo in cambio della sua disponibilità a far partecipare la società tedesca alle gare di appalti per il completamento delle grandiose opere pubbliche in vista della XXVIII edizione dei giochi olimpici

Politica estera[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Compagno d'Onore Onorario dell'Ordine Nazionale al Merito (Malta) - nastrino per uniforme ordinaria Compagno d'Onore Onorario dell'Ordine Nazionale al Merito (Malta)
— 14 novembre 2002

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte: Articolo pubblicato in data 30/08/1998 a pag D4 del giornale To Vima recante la firma del redattore Christos Korfiatis. (Codice articolo B12496D041. ID: 105249. Nel testo dell'articolo si dichiara espressamente che la vicenda della privatizzazione dei cantieri navali di Elefsina costrinse Costas Simitis a dimettersi dall'incarico di ministro dell'Industria e Commercio.
  2. ^ Fonte: Articolo del quotidiano "TA NEA", pubblicato in data 09/06/1997.
  3. ^ Fonte: Articolo del quotidiano "Kathimerini", pubblicato in data 23/05/2003.
  4. ^ Fonte: Articolo sul giornale "TA NEA" del 13 giugno 2008
  5. ^ Fonte: Articolo del quotidiano "Eleftherotypia, pubblicato in data 22/06/2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo ministro della Grecia Successore Flag of Greece.svg
Andreas Papandreou 1996 - 2004 Costas Karamanlis
Predecessore Presidente del Consiglio europeo Successore Flag of Europe.svg
Anders Fogh Rasmussen gennaio - giugno 2003 Silvio Berlusconi

Controllo di autorità VIAF: 62409327 LCCN: n90679129