Konstantinos Demertzis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Konstantinos Demertzis (in greco: Κωνσταντίνος Δεμερτζής; 187613 aprile 1936) è stato un politico greco, Primo Ministro della Grecia, per breve tempo, dal novembre 1935 sino al suo decesso avvenuto nell'aprile del 1936.

Compì gli studi giuridici all'Università Capodistriaca di Atene e all'Università Ludwig Maximilian di Monaco, divenendo nel 1928 docente di diritto di famiglia. Nel 1910 era stato eletto senatore e nel biennio 1913-1914 era divenuto ministro nel governo presieduto da Eleftherios Venizelos.

Il 30 novembre 1935 fu designato a capo di un governo provvisorio, durante una fase molto confusa della politica ellenica in cui nessuno dei due grandi partiti greci dell'epoca, il Partito Liberale (Komma Fileleftheron) e il Partito del Popolo (Laiko Komma), aveva una salda maggioranza in Parlamento.

Dovette subire le forti pressioni del governo britannico, per opera dell'ambasciatore Waterlow, affinché la Grecia onorasse i suoi impegni relativamente ai forti debiti contratti e il cui pagamento era stato ritardato probabilmente anche a causa del raffreddamento dei rapporti anglo-greci negli anni del conflitto italo-etiopico.

Morì, durante il suo mandato per una crisi cardiaca sopraggiunta il 13 aprile 1936; il sovrano Giorgio II di Grecia nominò a capo del Governo, Ioannis Metaxas che diverrà poi dittatore del paese.