Conclave del 1644

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Conclave del 1644
Sede vacante.svg
Papa Innocenzo X
Papa Innocenzo X
Durata Dal 9 agosto al 15 settembre 1644
Partecipanti 55
Scrutini 3
Decano Marcello Lante della Rovere
Camerlengo Antonio Barberini
Protodiacono Antonio Barberini
Veto Del re Filippo IV di Spagna contro il cardinale Giulio Cesare Sacchetti
Eletto Innocenzo X (Giovanni Battista Pamphilj)
 

Il conclave del 1644 venne convocato a seguito della morte del papa Urbano VIII e si concluse con l'elezione del papa Innocenzo X. Il conclave iniziò il 9 agosto 1644, inizialmente con 55 partecipanti, ma in seguito uno morì e due si ritirarono perché malati. Il conclave si concluse il 15 settembre 1644.

Il cardinale Gil Carrillo de Albornoz oppose il veto spagnolo all'elezione di Giulio Cesare Sacchetti, mentre il cardinale Giulio Mazzarino giunse troppo tardi per opporre il veto francese all'elezione di Giovanni Battista Pamphilj,[1] che nel frattempo era già stato proclamato con 45 voti in favore. All'età di 70 anni il Pamphilj ascendeva al soglio pontificio ed assumeva il nome di Innocenzo X, in ossequio a papa Innocenzo VIII.

In occasione della sua incoronazione, avvenuta il 4 ottobre dalle mani del cardinale Carlo de' Medici, protodiacono di San Nicola alle Carceri, per la prima volta venne illuminata la cupola della basilica di San Pietro.

Cardinali partecipanti[modifica | modifica sorgente]

Al conclave parteciparono i seguenti cardinali:

Non presenziarono al conclave:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ambrogio M. Piazzoni, Storia delle elezioni pontificie, Casale Monferrato, Edizioni PIEMME, 2005, ISBN 88-384-1060-7. p. 212
Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo