Giovanni Giacomo Panciroli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Giacomo Panciroli
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalCoA PioM.svg
Nato 1587, Roma
Consacrato patriarca 12 gennaio 1642 dal cardinale Giulio Cesare Sacchetti
Creato cardinale 13 luglio 1643 da papa Urbano VIII
Deceduto 3 settembre 1651, Roma

Giovanni Giacomo Panciroli (Roma, 1587Roma, 3 settembre 1651) è stato un cardinale italiano della Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gian Giacomo Panciroli (o Panziroli o Pancirole) nacque a Roma nel 1587. Suo padre era sarto.

Egli frequentò dapprima l'Arciginnasio di Roma ove ottenne poi il dottorato in utroque iure nel 1605.

Avvocato delle cause della curia romana, accompagnò il nunzio Giambattista Pamphilj, futuro papa Innocenzo X, come uditore nelle nunziature di Napoli e Spagna. Ritornato a Roma entrò al servizio del cardinale Barberini e divenne ciambellano d'onore di Sua Santità. Sovrintendente della casa del cardinale Francesco Barberini, divenne referendario del Tribunale della Signatura Apostolica di Grazia e Giustizia dal 10 giugno 1628 nonché uditore nel 1632. Venne quindi nominato nunzio speciale tra i principi italiani ed il re di Spagna per negoziare tra le due parti una pace. Prelato domestico di Sua Santità, divenne dal 1632 uditore della Sacra Rota romana.

Eletto patriarca titolare di Costantinopoli dal 16 dicembre 1641, mantenne comunque l'incarico di uditore. Venne consacrato vescovo sabato 12 gennaio 1642 nella chiesa di Santa Maria in Vallicella a Roma per mano del cardinale Giulio Cesare Sacchetti, assistito da Lelio Falconieri, arcivescovo titolare di Tebe, e da Alessandro Castracani, vescovo titolare di Nicastro. Quindi divenne nunzio straordinario in Spagna dal 18 gennaio 1642.

Nel concistoro del 13 luglio 1643 ottenne il cardinalato e partecipò quindi al conclave del 1644 che elesse papa Innocenzo X, il quale lo nominò Cardinale Segretario di Stato dal settembre di quell'anno. Il 28 novembre 1644 ottenne la berretta cardinalizia ed il titolo di Santo Stefano al Monte Celio.

Morì a Roma il 3 settembre 1651 alle 19:00, nel palazzo apostolico al Quirinale. I funerali e la sua sepoltura ebbero luogo al fianco dell'altare principale della chiesa di San Silvestro al Quirinale.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Patriarca titolare di Costantinopoli Successore PatriarchNonCardinal PioM.svg
Francesco Maria Macchiavelli 1641 - 1644 Giambattista Spada
Predecessore Nunzio apostolico straordinario per il Regno di Spagna Successore Emblem Holy See.svg
Cesare Facchinetti 1642 - 1644 Giulio Rospigliosi
Predecessore Cardinale presbitero di Santo Stefano al Monte Celio Successore CardinalCoA PioM.svg
Juan de Lugo 1644 - 1651 Marcello Santacroce
Predecessore Segretario di Stato di Sua Santità Successore Emblem Holy See.svg
Lorenzo Megalotti 1644 - 1651 Fabio Chigi

Controllo di autorità VIAF: 209831187