Francesco Adriano Ceva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Adriano Ceva
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalCoA PioM.svg
Titolo Cardinale di Santa Prisca
Nato 1580, Mondovì
Creato cardinale 16 luglio 1643 da papa Urbano VIII
Deceduto 12 ottobre 1655, Roma

Francesco Adriano Ceva (Mondovì, 1580Roma, 12 ottobre 1655) è stato un cardinale italiano, originario dell'allora ducato di Savoia.

Era un membro della casata dei marchesi di Ceva. Figlio del marchese Garzilasco Ceva, venne battezzato come Hadriano, o più semplicemente Adriano[1]. Il nome Francesco è stato aggiunto successivamente oppure non è stato riportato a causa di un errore nei registri dell'epoca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Da giovane si recò a Roma dove divenne prelato al servizio del cardinale Maffeo Barberini, il quale venne successivamente eletto papa col nome di Urbano VIII. Prestò servizio come segretario nella legazione di Barberini in Francia. Sembra che sia stato anche uno dei fautori dell'ascesa dello stesso Barberini al soglio pontificio[2].

Successivamente alla sua elezione, Urbano VIII continuò a servirsi di Ceva come prelato, fino alla sua nomina di nunzio apostolico straordinario per la Francia.

Ceva venne elevato cardinale nel 1643, con il titolo cardinalizio di Santa Prisca[3]. Con la morte del pontefice, avvenuta l'anno successivo, Ceva partecipò al conclave del 1644 che elesse papa Innocenzo X ed ancora a quello del 1655 che elesse papa Alessandro VII.

Morì pochi mesi dopo il conclave, il 12 ottobre 1655, per una forma di gotta. È sepolto nel battistero della Basilica di San Giovanni in Laterano, a Roma[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b The cardinals of the Holy Roman Church - consistory of 1643. URL consultato il 26 novembre 2010.
  2. ^ Court and politics in papal Rome, 1492-1700 di Gianvittorio Signorotto & Maria Antonietta Visceglia (2002)
  3. ^ Catholic Hierarchy. URL consultato il 26 novembre 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]