Giulio Cesare Sacchetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giulio Cesare Sacchetti
cardinale di Santa Romana Chiesa
SACCHETTI GIULIO174.jpg
Cardinalbishop.svg
Nato 1586, Roma
Creato cardinale 19 gennaio 1626 da papa Urbano VIII
Deceduto 28 giugno 1663

Giulio Cesare Sacchetti (Roma, 18 dicembre 1587Roma, 28 giugno 1663) è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Giovanni Battista Sacchetti e Francesca Altoviti, Giulio Cesare nacque a Roma il 17 dicembre 1587 e fu battezzato nella Chiesa nazionale di San Giovanni dei Fiorentini. La sua famiglia si era stabilita a Roma verso la metà del XVI secolo, quando nel 1573 il padre del futuro cardinale giunse da Firenze in seguito all'instaurazione del principato da parte di Cosimo de' Medici. Se il fratello maggiore Marcello, nato nel settembre 1586, era stato educato in modo da rimanere accanto al padre per aiutarlo nella gestione diretta degli affari, Giulio era destinato a diventare l'ecclesiastico di casa, un uomo di Chiesa nel quale il servizio e l'impegno per il bene della cristianità fossero strettamente intrecciati con la ricerca del bene dei propri familiari, amici e connazionali.

Dopo l'esperienza della nunziatura presso la Corte di Spagna, papa Urbano VIII lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 19 gennaio 1626.

Fu cardinale legato prima a Ferrara e poi a Bologna.

Prese parte ai conclavi svoltisi nel 1644 e nel 1655 assistendo così all'elezione di papa Innocenzo X e contribuendo a quella di papa Alessandro VII.

Morì il 28 giugno 1663 all'età di 77 anni. È sepolto a Roma in San Giovanni dei Fiorentini, nella cappella di famiglia.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

I. Fosi, All'ombra dei Barberini. Fedeltà e servizio nella Roma barocca (= «Europa delle Corti». Centro studi sulle società di antico regime. Biblioteca del Cinquecento, 73), Roma 1997.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo di Fano Successore BishopCoA PioM.svg
Francesco Boncompagni 16 marzo 1626 - 16 settembre 1626 Ettore Diotallevi

Controllo di autorità VIAF: 155498