Francesco Peretti di Montalto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Peretti di Montalto
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalCoA PioM.svg
Nato 1595, Roma
Consacrato vescovo 7 giugno 1650 da papa Innocenzo X
Creato cardinale 16 dicembre 1641 da papa Urbano VIII
Deceduto 4 maggio 1655, Roma

Francesco Peretti di Montalto (Roma, 1595Roma, 4 maggio 1655) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di famiglia nobile, era principe romano, principe di Venafro, patrizio veneto, marchese di San Martino, conte di Celano, barone di Pescina, signore di San Rufino, San Benedetto dei Marsi, Aschi, Cocullo, Venere, Cerchio, Lecce dei Marsi, Gioia dei Marsi, Bisegna, San Sebastiano, Sperone, Ortucchio, Torrimpietra, Palidoro, Tor Lupara e Mentana. Era l'ultimo discendente della famiglia di papa Sisto V.

Il padre lo spinse ad ammogliarsi e lui scelse per sposa la principessa Cesi, ma il padre disapprovò la scelta, così Francesco scappò di casa e si imbarcò per un lungo viaggio. Poi per non sentire più parlare di nozze, prese gli ordini sacri.

Il 16 dicembre 1641 papa Urbano VIII lo creò cardinale. Il 10 febbraio dell'anno successivo ricevette il titolo di San Girolamo degli Schiavoni.

Il 30 maggio 1650 fu eletto arcivescovo di Monreale e consacrato il 7 giugno dello stesso anno da papa Innocenzo X.

Partecipò ai conclavi del 1644 e del 1655, che elessero Innocenzo X e Alessandro VII.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]