Banari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Banari
comune
Banari – Stemma
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Provincia di Sassari-Stemma.png Sassari
Sindaco Gianpiero Cordedda (PD) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 40°34′00″N 8°42′00″E / 40.566667°N 8.7°E40.566667; 8.7 (Banari)Coordinate: 40°34′00″N 8°42′00″E / 40.566667°N 8.7°E40.566667; 8.7 (Banari)
Altitudine 419 m s.l.m.
Superficie 21,27 km²
Abitanti 606[1] (31-12-2010)
Densità 28,49 ab./km²
Comuni confinanti Bessude, Florinas, Ittiri, Siligo
Altre informazioni
Cod. postale 07040
Prefisso 079
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 090007
Cod. catastale A606
Targa SS
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti banaresi
Patrono san Lorenzo Martire
Giorno festivo 10 agosto
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Banari
Posizione del comune di Banari all'interno della provincia di Sassari
Posizione del comune di Banari all'interno della provincia di Sassari
Sito istituzionale

Banari (Bànari in sardo[2]) è un comune italiano di 606 abitanti della provincia di Sassari in Sardegna, nel Meilogu.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Toponimo[modifica | modifica sorgente]

Il toponimo Banari dovrebbe derivare etimologicamente dal nome della popolazione nuragica dei Balari.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]


Tradizione e folclore[modifica | modifica sorgente]

Le principali festività religiose sono:

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Dal paese prende nome la cipolla di Banari.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 59.
  3. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • G. Deriu, scheda "Banari", in Studio sui centri storici medioevali del Meilogu, Bonorva, Comunità Montana N. 5, 1991, ora in L'insediamento umano medioevale nella curatoria di "Costa de Addes", Sassari, Magnum, 2000.
  • G. Deriu - S. Chessa, L'assetto territoriale dell'odierno Meilogu dall'Alto Medioevo ai nostri giorni con particolare riferimento alle curatorie di Meilogu e Costa de Addes, Cargeghe, Documenta, 2011; Cagliari, Logus Mondi Interattivi, 2012.
  • S. Flore, Banari - Retrattos e Memorias, Porto Torres, La Grafica, 2005.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna