Laerru

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Laerru
comune
Laerru – Stemma Laerru – Bandiera
Laerru – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Provincia di Sassari-Stemma.png Sassari
Amministrazione
Sindaco Pietro Moro (lista civica) dal 31/05/2010
Territorio
Coordinate 40°49′00″N 8°50′00″E / 40.816667°N 8.833333°E40.816667; 8.833333 (Laerru)Coordinate: 40°49′00″N 8°50′00″E / 40.816667°N 8.833333°E40.816667; 8.833333 (Laerru)
Altitudine 165 m s.l.m.
Superficie 19,85 km²
Abitanti 966[1] (31-12-2010)
Densità 48,66 ab./km²
Comuni confinanti Bulzi, Martis, Nulvi, Perfugas, Sedini
Altre informazioni
Cod. postale 07030
Prefisso 079
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 090034
Cod. catastale E401
Targa SS
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti Laerresi
Patrono santa Margherita
Giorno festivo 20 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Laerru
Posizione del comune di Laerru all'interno della provincia di Sassari
Posizione del comune di Laerru all'interno della provincia di Sassari
Sito istituzionale

Laerru (Laerru in sardo)[2][3] è un comune italiano di 966 abitanti della provincia di Sassari, della regione dell'Anglona. È un paese di origine antichissima che si trova nel cuore della regione storica dell'Anglona. Il nome, molto probabilmente, deriva dal latino "alaternus", che significa alaterno, arbusto sempreverde tipico del luogo. Molto nota la produzione artigianale della radica sarda con la quale vengono prodotte pipe pregiate note in tutto il mondo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Adottato con Delibera di Consiglio Comunale n. 35 del 02.09.2010 [1]
  3. ^ Storicamente anche Laìrru. AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 340.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Denise Fraoni, Raccontando Laerru, Cargeghe, Documenta Edizioni, 2007
  • Giuseppe Pulina, "Edoardo Benetti. Il mondo fantastico di un cavaliere dell'Anglona", Sestu, Zonza, 2001
  • Giuseppe Pulina, "Le voci del desiderio doloroso dei corsi e altri scritti di Francesco Domenico Falcucci", Sassari, Il rosello, 2002

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna