Cheremule

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cheremule
comune
Cheremule – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Provincia di Sassari-Stemma.png Sassari
Amministrazione
Sindaco Salvatore Masia (lista civica) dal 27/05/2013
Territorio
Coordinate 40°30′00″N 8°44′00″E / 40.5°N 8.733333°E40.5; 8.733333 (Cheremule)Coordinate: 40°30′00″N 8°44′00″E / 40.5°N 8.733333°E40.5; 8.733333 (Cheremule)
Altitudine 540 m s.l.m.
Superficie 24,13 km²
Abitanti 469[1] (31-12-2010)
Densità 19,44 ab./km²
Comuni confinanti Borutta, Cossoine, Giave, Thiesi, Torralba
Altre informazioni
Cod. postale 07040
Prefisso 079
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 090024
Cod. catastale C600
Targa SS
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti cheremulesi
Patrono san Gabriele
Giorno festivo 29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cheremule
Posizione del comune di Cheremule all'interno della provincia di Sassari
Posizione del comune di Cheremule all'interno della provincia di Sassari
Sito istituzionale

Cheremule (Cherèmule in sardo) è un comune di 469 abitanti della provincia di Sassari, nell'antica regione del Meilogu.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

L'abitato è contornato dal verde; particolarmente significativo è il bosco di Su Tippiri, che si estende dalle pendici del paese fino alla strada provinciale per Thiesi e non da meno è la pineta del monte Cuccuruddu.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Dal nome del paese prende il nome la cheremulite, particolare pietra pomice utilizzata in edilizia per il suo potere isolante estratta dall'antico vulcano di monte Cuccuruddu, alto 676 m.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Nel territorio comunale è particolare la presenza di tombe rupestri in Regione Moseddu, dove si trovano importanti domus de janas di età preistorica, ove si possono notare graffiti sia all'interno che all'esterno. Sono anche presenti sul territorio delle costruzioni in pietra, di forma circolare, chiamate pinnettas.

Intorno al 1500 è stata edificata in stile gotico-aragonese la chiesa di San Gabriele Arcangelo, patrono del paese, la cui festa viene celebrata il 29 settembre. Altra chiesa è quella di Santa Croce.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Persone legate a Cheremule[modifica | modifica sorgente]

È il paese d'origine della famiglia di Francesco Cossiga, Presidente della Repubblica nel settennio 1985-1992, dove ha dato disposizione che fossero celebrate le proprie esequie al momento della morte, avvenuta nell'agosto 2010.

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Il territorio comunale comprende anche l'isola amministrativa di Lados de Pramma, avente una superficie di 3,92 km².

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna