Oschiri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Oschiri
comune
Oschiri – Stemma
La chiesa parrocchiale
La chiesa parrocchiale
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Provincia di Olbia-Tempio-Stemma.png Olbia-Tempio
Sindaco Pietro Lucio Giuseppe Sircana (lista civica) dal 31/05/2010
Territorio
Coordinate 40°43′00″N 9°06′00″E / 40.716667°N 9.1°E40.716667; 9.1 (Oschiri)Coordinate: 40°43′00″N 9°06′00″E / 40.716667°N 9.1°E40.716667; 9.1 (Oschiri)
Altitudine 202 m s.l.m.
Superficie 216,07 km²
Abitanti 3 472[1] (31-12-2010)
Densità 16,07 ab./km²
Frazioni San Leonardo,Lu pecurili, Su signaladu Su Noduladu
Comuni confinanti Alà dei Sardi, Berchidda, Buddusò, Ozieri (SS), Pattada (SS), Tempio Pausania, Tula (SS)
Altre informazioni
Cod. postale 07027
Prefisso 079
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 104018
Cod. catastale G153
Targa OT
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti oschiresi
Patrono san Demetrio
PIL (nominale) 9784
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Oschiri
Posizione del comune di Oschiri nella provincia di Olbia-Tempio
Posizione del comune di Oschiri nella provincia di Olbia-Tempio
Sito istituzionale

Oschiri (Oscheri in sardo, Óscari in gallurese) è un comune di 3.472 abitanti della provincia di Olbia-Tempio ai piedi del Monte Limbara.

Nel suo territorio è compreso il bacino artificiale del Coghinas con il ponte Diana e la centrale idroelettrica (centrale di muzzone) di proprietà di Enel Spa.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

A Oschiri è situata la chiesa di Nostra Signora di Castro, la cui festa si svolge la domenica dopo Pasqua con l'esibizione di canti e balli tradizionali, e le chiese di Nostra Signora di Otti e San Leonardo le cui feste si svolgono rispettivamente l' ultima e la terza domenica di maggio, dove viene offerto a tutti un pranzo a base di maccheroni e carne di pecora. Singolare e ancora enigmatico l'"altare" rupestre di Santo Stefano.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Cucina[modifica | modifica sorgente]

La pietanza tipica sono le panadas, cestelli di pasta ripieni di carne, che vengono esibite orgogliosamente come simbolo del paese. A loro è dedicata una sagra, che si svolge intorno alla metà del mese di agosto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna

Patria di un guerriero.