Rory Best

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rory Best
Rory Best cropped.jpg
Best a Ravenhill contro gli Ospreys, aprile 2010
Dati biografici
Nome Rory David Best
Paese Regno Unito Regno Unito
Altezza 180 cm
Peso 106 kg
Familiari Simon Best (fratello)
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Union IRFU flag.svg Irlanda
Ruolo Tallonatore
Squadra Banbridge
Franchigia Ulster Pro14
Carriera
Attività provinciale
2002-10 Belfast Harlequins
2010- Banbridge
Attività in franchise
2004- Ulster 133 (80)
Attività da giocatore internazionale
2005- Irlanda Irlanda 104 (40)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 9 novembre 2017

Rory David Best (Craigavon, 15 agosto 1982) proveniente dall'Irlanda del Nord, tallonatore dell'Ulster in Pro14 e internazionale per l'Irlanda.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto a Poyntzpass, in Irlanda del Nord, compì gli studi superiori nell'Ulster e quelli universitari in Inghilterra all'Università di Newcastle upon Tyne, al contempo militando nell'accademia del club cittadino dei Newcastle Falcons[1].

Tornato in Irlanda del Nord, entrò nei Belfast Harlequins nel 2002 e nel 2004 fu ingaggiato dalla selezione provinciale dell'Ulster, per la quale esordì in Celtic League nella stagione 2004-05.

Nel 2005 esordì in Nazionale irlandese nel corso dei test di fine anno, a Dublino contro la Nuova Zelanda; divenuto titolare, fu convocato per la Coppa del Mondo di rugby 2007 in Francia e nella stagione seguente divenne capitano dell'Ulster prendendo il posto di suo fratello Simon, costretto al ritiro a causa di un problema cardiaco[2]; in tale stagione vinse anche il titolo celtico.

Nel 2009 indossò per la prima volta i gradi da capitano della Nazionale, durante il tour irlandese in Nordamerica[3]; a causa di un problema discale fu costretto a saltare praticamente tutta la stagione successiva (solo 6 incontri di Celtic League in tale periodo), limitando la sua attività solo al campionato provinciale nelle file del Banbdrige, al quale si era nel frattempo associato lasciando i Belfast Harlequins[4]; tornato in condizione fu convocato per la Coppa del Mondo di rugby 2011 in Nuova Zelanda, in cui l'Irlanda uscì ai quarti di finale.

Inizialmente escluso dal tour del 2013 in Australia dei British Lions, Best fu nominato di nuovo capitano della squadra irlandese che si recò nuovamente in Nordamerica[5], ma la squalifica dell'inglese Dylan Hartley[6], originariamente chiamato nel ruolo di titolare, costrinse il C.T. dei Lions Warren Gatland a convocare Best come rimpiazzo per tutta la durata del tour [7], anche se durante la spedizione Best non scese mai in campo nei test match contro gli Wallabies, disputando solo quattro incontri infrasettimanali.

Dal 2017 è membro dell'Ordine dell'Impero Britannico per meriti sportivi[8].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico
«Per i servizi al rugby»
— 16 giugno 2017[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Academy Hall of Fame, Newcastle Falcons. URL consultato il 13 agosto 2013.
  2. ^ (EN) Andy Hooper, Ireland prop Simon Best forced to retire, in The Daily Telegraph, 25 febbraio 2008. URL consultato il 13 agosto 2013.
  3. ^ (EN) Rory Best named as Ireland captain for American tour, in Irish Independent, 11 maggio 2009. URL consultato il 13 agosto 2013.
  4. ^ (EN) Best to Make Return for Banbridge, in Farming Life, 21 gennaio 2010. URL consultato il 13 agosto 2013.
  5. ^ (EN) Duncan Bech, Rory Best to captain 28-man squad on tour of North America, in Irish Independent, 19 maggio 2013. URL consultato il 13 agosto 2013.
  6. ^ (EN) Paul Rees, Dylan Hartley out of Lions tour after being handed 11-week ban, in The Guardian, 26 maggio 2013. URL consultato il 10 luglio 2013.
  7. ^ (EN) British and Irish Lions 2013: Ireland hooker Rory Best called up after Dylan Hartley handed 11-week ban, in The Daily Telegraph, 26 maggio 2013. URL consultato il 10 luglio 2013.
  8. ^ a b (EN) The Queen's Birthday Honours list 2017, in The London Gazette, 61962 (supplemento), Londra, 16 giugno 2017, p. 10. URL consultato il 30 settembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]