Dylan Hartley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dylan Hartley
Dylan Hartley, Twickenham cropped.jpg
Hartley a Twickenham con la maglia dell'Inghilterra, maggio 2012
Dati biografici
Paese Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Altezza 185 cm
Peso 113 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Union Inghilterra Inghilterra
Ruolo Tallonatore
Squadra Northampton
Carriera
Attività di club¹
2004-05 Worcester 1 (0)
2005- Northampton 153 (75)
Attività da giocatore internazionale
2008- Inghilterra Inghilterra 86 (10)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 4 settembre 2017

Dylan Michael Hartley (Rotorua, 24 marzo 1986) è un rugbista a 15 neozelandese internazionale per l’Inghilterra, che gioca come tallonatore nel Northampton in English Premiership[1].

Dal gennaio 2016 è il capitano della nazionale di rugby a 15 dell'Inghilterra.[2][3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato e cresciuto in Nuova Zelanda, ma eleggibile per l'Inghilterra per via di sua madre britannica, Hartley lasciò il suo Paese nel 2002 a sedici anni per stabilirsi a Crowborough, nell'East Sussex, dove vivono i familiari di sua madre.[4] Militò nel club locale e ricevette una convocazione dall'Inghilterra Under-18[4], poi successivamente una dalla selezione Under-19 che lo convinse a rimanere nell'isola e, infine, giunse l'ingresso nel vivaio del Worcester[4], per la cui prima squadra debuttò in Challenge Cup 2004-05.

L'anno successivo passò a Northampton e nel 2007 fu chiamato dagli England Saxons. Era in procinto di disputare gli incontri pre-mondiali dell'Inghilterra quando la prima di una delle squalifiche che hanno inciso negativamente sulla sua carriera gli fece perdere la partecipazione alla Coppa del Mondo di rugby 2007: ad aprile, infatti, durante una fase di un incontro con gli Wasps, Hartley infilò un dito in un occhio di James Haskell, violazione che gli costò 26 settimane di sospensione e l'esclusione dalla convocazione alla rassegna mondiale.[5] Tuttavia, nel 2008, tornò in rosa chiamato da Brian Ashton in vista del tour in Nuova Zelanda del giugno successivo, anche se il debutto in un test match avvenne solo l'8 novembre successivo contro i Pacific Islanders a Twickenham.

Dopo l'esordio prese parte a numerose competizioni, tra cui il Sei Nazioni e la Coppa del Mondo di rugby 2011 sotto la conduzione tecnica di Martin Johnson. Anche con l'avvicendarsi dei C.T. Hartley tenne il posto in Nazionale; in particolare con Stuart Lancaster divenne elemento fisso (a tutto il 2015, dei 66 incontri internazionali di Hartley, 33 sono sotto la conduzione di Lancaster); a livello di club, dopo la vittoria in Challenge Cup 2008-09, giunse anche il primo titolo di campione inglese nel 2013-14.

La sua indisciplina, tuttavia, gli fece di nuovo mancare due eventi internazionali di rilievo per il rugby britannico: dapprima, nel 2013, subì una squalifica di 11 settimane per avere insultato l'arbitro Wayne Barnes durante la finale di Premiership 2012-13 a Londra contro Leicester, che gli costò la mancata convocazione al tour dei British Lions in Australia[6] a favore del nordirlandese Rory Best[7]. Due anni più tardi, per via di una testata ai danni di Jamie George in una partita contro il Bath, subì un'ulteriore squalifica di quattro settimane che gli precluse la convocazione in Nazionale per la Coppa del Mondo di rugby 2015.[8]

Nel gennaio 2016 diventa il capitano della nazionale di rugby a 15 dell'Inghilterra, sostituendo Chris Robshaw,[2][3] e porta la squadra alla vittoria del Grande Slam durante il Sei Nazioni 2016.[9][10] Nel dicembre dello stesso anno è stato nuovamente squalificato per 6 settimane per un placcaggio pericoloso su Seán O'Brien, raggiungendo le 60 settimane di squalifica dal 2007.[11]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Northampton: Dylan Hartley rinnova e mantiene i gradi di capitano, in Rugby Mercato, 19 luglio 2017. URL consultato il 24 marzo 2018.
  2. ^ a b Roberto Parretta, Rugby, Sei Nazioni: l'Inghilterra promuove "bad boy" Dylan, in La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita, 26 gennaio 2016. URL consultato il 24 marzo 2018.
  3. ^ a b Fabrizio Zupo, L'indisciplinato Dylan Hartley, compagno di squadra di Haimona a Rotorua, nuovo capitano inglese, in Il mattino di Padova, 25 gennaio 2016. URL consultato il 24 marzo 2018.
  4. ^ a b c (EN) Robert Kitson, Dylan Hartley is happy to be a front-row thorn between two roses, 20 novembre 2009. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  5. ^ (EN) Saints withdraw Hartley’s appeal, in BBC News, 25 aprile 2007. URL consultato il 15 febbraio 2012.
    «Northampton have withdrawn their appeal over the 26-week ban imposed on Dylan Hartley for gouging in the Premiership match against Wasps on 15 April.».
  6. ^ (EN) Paul Rees, Dylan Hartley out of Lions tour after being handed 11-week ban, in The Guardian, 26 maggio 2013. URL consultato il 10 luglio 2013.
  7. ^ (EN) British and Irish Lions 2013: Ireland hooker Rory Best called up after Dylan Hartley handed 11-week ban, in The Daily Telegraph, 26 maggio 2013. URL consultato il 10 luglio 2013.
  8. ^ (EN) Dylan Hartley: Four-week ban for headbutt for England hooker, in BBC News, 27 maggio 2015. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  9. ^ (EN) Gavin Mairs, England coach Eddie Jones hails 'likeable rogue' Dylan Hartley, in The Telegraph, 20 marzo 2016. URL consultato il 24 marzo 2018.
  10. ^ L'Inghilterra ha fatto il Grande Slam nel Sei Nazioni di rugby, vincendo tutte le partite che ha giocato, in Il Post, 20 marzo 2016. URL consultato il 24 marzo 2018.
  11. ^ Dylan Hartley squalificato 6 settimane, poche? - Il capitano dell’Inghilterra potrà giocare il 6 Nazioni, in Rugbymeet - il social network del rugby, 15 dicembre 2016. URL consultato il 24 marzo 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]