Delon Armitage

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Delon Armitage
Delon Armitage.jpg
Armitage durante un riscaldamento con i London Irish, 2008
Dati biografici
Paese Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago
Altezza 185 cm
Peso 95 kg
Familiari Steffon Armitage (fratello)
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Union Inghilterra Inghilterra
Ruolo Utility back
Squadra Lione
Carriera
Attività di club¹
2003-12 London Irish 121 (243)
2012-16 Tolone 72 (157)
2016- Lione 33 (35)
Attività da giocatore internazionale
2008-2011 Inghilterra Inghilterra 26 (44)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 6 settembre 2018

Delon Anthony Armitage (San Fernando, 15 dicembre 1983) è un rugbista a 15 britannico di origine trinidadiana, internazionale per l'Inghilterra, tre quarti centro-estremo del Lione.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Nativo di Trinidad e Tobago, Delon Armitage deve il suo cognome a John Armitage, un tour operator di Liverpool che organizza viaggi in Africa e America centrale e caraibica[1]; questi, infatti, sposò la madre di Delon, all'epoca secondo di tre fratelli, nel 1990[1]. Lo stesso John Armitage fu un giocatore dilettante ad Hatfield (Hertfordshire)[1].

La famiglia inizialmente visse a Brixham (Devon), sede dell'agenzia turistica[2], poi si trasferì a Nizza, in Francia, nel 1996[2]. In tale città Delon Armitage iniziò la pratica rugbistica insieme a suo fratello Steffon; nel 1999 fu preso in considerazione per le rappresentative giovanili nazionali francesi, ma fu scartato perché giudicato troppo alto e magro[1][2]. Nel 2002 la famiglia Armitage tornò in Inghilterra e i due fratelli Delon e Steffon furono ammessi nella scuola rugby giovanile dei London Irish[2].

Delon Armitage esordì nel 2003 in campionato e rappresentò l'Inghilterra a livello di Nazionale a sette nel 2005; nel 2008 fu selezionato dall'allora C.T. della Nazionale maggiore Martin Johnson in occasione dei test autunnali ed esordì contro i Pacific Islanders; nella sua seconda partita contro l'Australia realizzò i suoi primi punti, grazie a un drop e contro il Galles, nel Sei Nazioni 2009, realizzò la sua prima meta. Schierato nel citato torneo insieme a Steffon, fu la prima volta, dopo Rory e Tony Underwood quattordici anni prima, che l'Inghilterra mise in campo contemporaneamente due fratelli[2].

Il 2011 è l'anno che segna un momento negativo della sua carriera internazionale, a detta degli osservatori definitivamente compromessa: squalificato per otto settimane a gennaio per avere insultato in un dopopartita un addetto all'antidoping[3], fu costretto a saltare il Sei Nazioni; a maggio subì una sospensione di tre settimane per aver colpito un avversario durante un incontro di Premiership[3]; convocato da Martin Johnson per la Coppa del Mondo di rugby 2011 in Nuova Zelanda, nell'ultimo incontro di qualificazione della fase a gironi contro la Scozia fu squalificato per un turno a causa di un placcaggio alto su Chris Paterson[3], e non poté giocare il quarto di finale che l'Inghilterra perse contro la Francia; tornato in patria, subì in novembre un ulteriore bando di tre settimane per placcaggio pericoloso durante una partita di Premiership[3]. Infine, in un dopopartita della Nazionale A, a fine gennaio 2012 ha subito un arresto da parte della polizia di Torquay, in Cornovaglia a causa di una rissa in un locale, a seguito di cui il C.T. della selezione Stuart Lancaster, nel frattempo divenuto anche tecnico della Nazionale maggiore, ha escluso Armitage dalla squadra e non lo ha convocato per il Sei Nazioni 2012[3].

L'incontro più recente di Armitage risulta essere quindi quello contro la Scozia alla Coppa del Mondo di rugby 2011.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Tony Roche, Brothers in Armitage, in The Sun, 7 febbraio 2009. URL consultato il 16 febbraio 2012.
  2. ^ a b c d e (EN) Ben Leach, The unlikely story behind first brothers to play rugby for England in decade, in The Daily Telegraph, 7 febbraio 2009. URL consultato il 16 febbraio 2012.
  3. ^ a b c d e (EN) Mick Cleary, Delon Armitage arrest casts future in doubt and overshadows announcement of new England captain, in The Daily Telegraph, 30 gennaio 2012. URL consultato il 16 febbraio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]