Regina King

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Regina Rene King (Los Angeles, 15 gennaio 1971) è un'attrice e regista statunitense.

Attiva sia in campo cinematografico che televisivo, sin dagli anni 80', Regina King ha iniziato a recitare in 227, Poetic Justice, Jerry Maguire, Ray, L'asilo dei papà e A Cinderella Story .[1][2] Dagli anni 2010 ha ricevuto il plauso della critica per i suoi ruoli nelle serie televisive Southland, ricevendo molteplici nomine ai Critics' Choice Television Award e vincendo due NAACP Image Award,[3] e nella serie American Crime, ruolo che le è valso la vincita di due Emmy Awards e la sua prima nomina ai Golden Globe.[4]

Nel 2018 ha preso parte al film Se la strada potesse parlare,[5] grazie al quale ha ottenuto il plauso della critica cinematografica venendo riconosciuta con un Premio Oscar, un Golden Globe e un Critics' Choice Movie Award nelle rispettive categorie come miglior attrice non protagonista.[6][7] Tra il 2018 e il 2019 ha recitato nelle serie televisive Seven Seconds e Watchmen, che le sono valse ciascuna un Emmy Award e il TCA Award come Individual Achievement in Drama.[8] Nel 2019 il Times la inserisce fra le 100 persone più influenti del mondo.[9]

Nel 2020 debutta come regista con Quella notte a Miami...,[10] progetto che riceve il sostegno della critica con nomine ai Golden Globe e ai Critics' Choice Movie Awards nelle categorie di miglior regia.[11]

Biografia e carriera[modifica | modifica wikitesto]

1990-2005: Il debutto televisivo e cinematografico[modifica | modifica wikitesto]

Regina King.

Figlia di Gloria e Thomas King, i suoi genitori divorziarono quando aveva 8 anni. Debuttò come attrice nel 1985, interpretando fino al 1990 il ruolo di Brenda Jenkins in 106 episodi della serie televisiva 227.[12] Nel 1991 debuttò sul grande schermo nel film d'esordio di John Singleton, Boyz n the Hood - Strade violente. Con il regista afroamericano interpretò altri due film, Poetic Justice, accanto al rapper Tupac Shakur e alla cantante Janet Jackson,[13] e L'università dell'odio, accanto alla modella Tyra Banks nel 1995.[14] Nello stesso anno F. Gary Gray inserisce l'attrice nel film Ci vediamo venerdì.[15]

Nel 1996 si rivelò al grande pubblico, interpretando Jerry Maguire, insieme a Tom Cruise.[16] Tra il 1998 e il 1999 fu scelta in numerose pellicole,[17] tra cui assieme a Will Smith in Nemico pubblico, diretto da Tony Scott,[18] Benvenuta in Paradiso di Kevin Rodney Sullivan, e Il grande Joe, nel quale recita al fianco di Charlize Theron e Bill Paxton.[19]

Agli inizi degli anni 2000 Regina King viene scelta da Chris Weitz e Paul Weitz per recitare nel film Ritorno dal paradiso,[20] per proseguire negli anni seguenti nei film L'asilo dei papà affiancando Eddie Murphy e Jeff Garlin, Una bionda in carriera con Sally Field e Reese Witherspoon. Nel 2004 prende parte al film film teenager cult A Cinderella Story,[21] che vede protagonista l'attrice Hilary Duff, e al film diretto da Taylor Hackford, Ray, grazie al quale ottiene il plauso della critica cinematografica, ottenendo il NAACP Image Award come miglior attrice non protagonista,[22] il Satellite Award nella medesima categoria,[23] e la nomina assieme al cast agli Screen Actors Guild Award.[24]

Nel 2005 interpreta il ruolo di Sam Fuller al fianco del premio Oscar, Sandra Bullock in Miss F.B.I. - Infiltrata speciale.[25] Nello stesso anno inizia ad interpretare la voce di Riley Freeman nella serie animata The Boondocks, conclusasi nel 2014.[26]

2006-2017: La carriera da attrice e i primi progetti da regista[modifica | modifica wikitesto]

Regina King alla 72ª edizione dei Peabody Award del 2013.

Negli anni successivi prende parte ai film Year of the Dog, al fianco di Molly Shannon, This Christmas - Natale e altri guai e Matrimonio in famiglia. Nel 2007 torna in televisione, scelta nel cast della serie televisiva 24 e nel film tv Living Proof - La ricerca di una vita. Nel 2009 entra a far parte sino al 2013 del cast della serie tv Southland, ottenendo un ottimo riscontro dalla critica cinematografica. Il ruolo le vale due nomine ai Critics' Choice Television Awards, e le fa ottenere due NAACP Image Award come miglior attrice in una serie drammatica.[27][28] Nel corso delle stagioni Regina King assume inoltre il ruolo di regista e aiuto regia in alcuni episodi.[29]

Nel 2013 entra a far parte del cast di The Big Bang Theory, dove interpreta il personaggio ricorrente di Janine, responsabile delle risorse umane dell'università.[30] Successivamente recita nelle serie televisive The Strain e Shameless.[31][32] Dal 2015 viene scelta nel cast di American Crime,[33][34] serie televisiva che le fa ottenere due Emmy Awards,[3] un Critics' Choice Television Awards, un Satellite Award e la prima nomina ai Golden Globe.[35]

Tra il 2015 e il 2017, oltre a prendere parte alla serie televisive The Leftovers - Svaniti nel nulla,[36] Regina King intraprende la carriera da regista con la serie televisiva Being Mary Jane, per cui filma sei episodi.[37] Successivamente dirige altri episodi per alcune serie, tra cui Scandal, Pitch, Greenleaf, Shameless e This Is Us.[38]

2018 - presente: il successo come attrice e la regia di Quella notte a Miami...[modifica | modifica wikitesto]

Jodie Whittaker, Regina King, Amandla Stenberg, Chloe Bennet & Camila Mendes al San Diego Comic-Con del 2018.

Nel 2018 viene ingaggiata per la serie televisiva Seven Seconds, ruolo che conferisce all'attrice la seconda nomina ai Golden Globe,[39] e facendole ottenere il terzo Emmy Award e il quarto NAACP Image Award.[40] Nello stesso anno esce nelle sale Se la strada potesse parlare, film diretto da Barry Jenkins, dove l'attrice assume il ruolo di Sharon Rivers. L'attrice per la performance ottiene l'Oscar alla miglior attrice non protagonista,[41] oltre che al suo primo Golden Globe e Critics' Choice Awards nella medesima categoria.[42]

Nel 2019 ha ottenuta il ruolo della vigilante mascherata Sorella Notte nella miniserie televisiva Watchmen, ideata da Damon Lindelof per HBO, ruolo per il quale riceve il suo quarto Emmy Award.[43] Sempre nel 2019 Regina King afferma di essere impegnata in veste di regista e produttrice per il film Quella notte a Miami..., uscito nelle sale nel 2020.[44] Il progetto cinematografico viene accolto positivamente dalla critica internazionale, facendole ottenere una candidatura ai Golden Globe come miglior regista.[45]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1997 al 2007 è stata sposata con Ian Alexander, da cui ha un figlio.[46]

Filantropia[modifica | modifica wikitesto]

Regina King è una delle sostenitrici del “I Have a Dream” Foundation di Los Angeles, che fornisce aiuti accademici e finanziari ai bambini delle comunità a basso reddito a perseguire l'istruzione superiore.[47]

Alla premiazione dei Golden Globe del 2019, l'attrice ha parlato del divario retributivo di genere e della misoginia presente nell'industria cinematografica e televisiva, affermando:[48]

Sto usando la mia influenza e le relazioni che ho raccolto negli ultimi 30 anni per aiutare a spostare l'ago a favore delle donne. Ho preso un impegno pubblico sulle preoccupazioni che mi stanno a cuore. Ora tocca a tutti, in particolare a coloro che sono in una posizione di potere nelle loro industrie, sfidare se stessi e stare con noi in solidarietà. Il tempo è scaduto sulla disuguaglianza sul posto di lavoro.

Ai Premi Oscar del 2019 ha dedicato la sua vittoria allo scrittore e filantropo afroamericano e apertamente omosessuale, James Baldwin, scrittore del libro da cui è tratto il film Se la strada potesse parlare, affermando sostegno alla comunità LGBT.[49] Regina King è inoltre una delle sostenitrici, assieme a Janelle Monáe, Hugh Jackman, Billy Porter della prima rete di streaming globale LGBTQ+ Revry, sostenendo la GALECA, fondatrice dei Dorian Awards.[50]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Produttrice[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premi Oscar
Golden Globe
Premi Emmy
  • 2015Miglior attrice non protagonista in una miniserie o film per la televisione per American Crime
  • 2016Miglior attrice non protagonista in una miniserie o film per la televisione per American Crime
  • 2017 – Candidatura per la miglior attrice non protagonista in una miniserie o film per la televisione per American Crime
  • 2018Miglior attrice protagonista in una miniserie o film per la televisione per Seven Seconds
  • 2020Miglior attrice protagonista in una miniserie o film per la televisione per Watchmen
Critics' Choice Awards
  • 2012 – Candidatura per la miglior attrice non protagonista in una serie drammatica per Southland
  • 2013 – Candidatura per la miglior attrice non protagonista in una serie drammatica per Southland
  • 2016Miglior attrice non protagonista in un film per la televisione o miniserie per American Crime
  • 2016 – Candidatura per la miglior attrice non protagonista in una serie drammatica per The Leftovers - Svaniti nel nulla
  • 2019Miglior attrice non protagonista per Se la strada potesse parlare
  • 2020Migliore attrice in una serie drammatica per Watchmen[52]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Regina King è stata doppiata da:

Da doppiatrice è sostituita da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Michelle Darrisaw, The 17 Best Regina King Movies of All Time, su Oprah Magazine, 4 febbraio 2021. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  2. ^ Sandra Gonzalez CNN, Regina King's Oscar win puts her in very cool company, su CNN. URL consultato il 26 febbraio 2021.
  3. ^ a b (EN) Regina King, su Television Academy. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  4. ^ American Crime, su La Repubblica, 2 settembre 2019. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  5. ^ (EN) Anita Busch, Anita Busch, Regina King Joins Barry Jenkins’ Next Film ‘If Beale Street Could Talk’, su Deadline, 24 ottobre 2017. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  6. ^ (EN) Reuters Staff, Regina King wins supporting actress Oscar for 'Beale Street', in Reuters, 25 febbraio 2019. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  7. ^ (EN) Benjamin Lee, Scarlett Conlon e Leah Harper, Bohemian Rhapsody and Green Book defy odds at Golden Globes 2019 – as it happened, in The Guardian, 7 gennaio 2019. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  8. ^ (EN) Emmys and Creative Arts Categories and Nights Announced, su Television Academy. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  9. ^ time.com, https://time.com/collection/100-most-influential-people-2019/5567860/regina-king/.
  10. ^ (EN) 'Being black in America requires emotional aerobics': Regina King on 'powder keg' movie One Night in Miami, su the Guardian, 8 gennaio 2021. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  11. ^ Golden Globes 2021: See the full list of nominees, su cnn.com.
  12. ^ Outtakes: Regina King on white lies, directing and ‘227’, su seattletimes.com.
  13. ^ Poetic Justice, su www.goldenglobes.com. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  14. ^ (EN) Regina King's Most Memorable Roles, su Essence. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  15. ^ (EN) Regina King's Most Memorable Roles, su Essence. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  16. ^ Regina King Has So Many Stories to Tell, su nytimes.com.
  17. ^ (EN) Stephen Holden, FILM REVIEW; He Likes Video Games? Nobody's Perfect (Published 1998), in The New York Times, 14 agosto 1998. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  18. ^ (EN) hangmantitan, Enemy of the State (1998), su Motion State Review, 28 novembre 2014. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  19. ^ (EN) Mighty Joe Young (1998). URL consultato il 25 febbraio 2021.
  20. ^ Regina King and Chris Rock during 'Down To Earth', su gettyimages.ch.
  21. ^ (EN) Gianluca Russo, It's Time for a More Inclusive "Cinderella Story", su Teen Vogue. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  22. ^ Andre Allen, Yolanda Adams e Khandi Alexander, 36th NAACP Image Awards, Vicangelo Films, 25 marzo 2005. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  23. ^ Satellite Awards (2005), su IMDb. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  24. ^ CNN.com - List of 2005 SAG Award nominees - Feb 6, 2005, su edition.cnn.com. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  25. ^ reviewjournal.com -- Living: SHOOTING STARS: Production on Bullock's `Miss Con..., su web.archive.org, 12 marzo 2005. URL consultato il 25 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2005).
  26. ^ (EN) Black Voices Behind TV Cartoon Characters: Regina King, su Essence. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  27. ^ (EN) Team TVLine, Team TVLine, Big Bang, Horror Story, Parks & Rec, Good Wife, The Americans Lead Critics Choice Nominations, su TVLine, 22 maggio 2013. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  28. ^ Critics’ Choice TV Awards Noms: 'Community' At Top Of List - Deadline.com, su web.archive.org, 27 settembre 2013. URL consultato il 25 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2013).
  29. ^ (EN) Jim Halterman, Southland Exclusive: Regina King on Directing, Lydia's Rough Season and More, su TV Fanatic, 13 marzo 2013. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  30. ^ Regina King riprende il suo ruolo in The Big Bang Theory, su ComingSoon.it. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  31. ^ Beatrice Pagan, The Strain: Regina King ottiene un ruolo ricorrente, su TV - BadTaste.it, 9 dicembre 2013. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  32. ^ (EN) Regina King Reigns In Hollywood, su NPR.org. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  33. ^ (EN) American Crime Video Clips, su ABC. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  34. ^ (EN) Nellie Andreeva, Nellie Andreeva, ‘American Crime’: Regina King Set To Return, Details About Season 3 Revealed, su Deadline, 20 giugno 2016. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  35. ^ Regina King, su www.goldenglobes.com. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  36. ^ (EN) 'The Leftovers': Regina King on Going Head-to-Head with Carrie Coon, su The Hollywood Reporter, 8 novembre 2015. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  37. ^ (EN) Regina King talks directing 'Being Mary Jane' and 'Scandal', su EW.com. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  38. ^ (EN) Regina King Joins 'American Crime,' Will Direct 'Scandal,' Return to 'Big Bang Theory' (Exclusive), su The Hollywood Reporter, 22 luglio 2014. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  39. ^ (EN) Seven Seconds: Nominations and awards - The Los Angeles Times, su latimes.com. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  40. ^ Travis Clark, Netflix is getting mocked for tweeting 'Regina King deserves the world' for her Emmy win, after it canceled her show 'Seven Seconds', su Business Insider. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  41. ^ (EN) Reuters Staff, Regina King wins supporting actress Oscar for 'Beale Street', in Reuters, 25 febbraio 2019. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  42. ^ (EN) Benjamin Lee, Scarlett Conlon e Leah Harper, Bohemian Rhapsody and Green Book defy odds at Golden Globes 2019 – as it happened, in The Guardian, 7 gennaio 2019. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  43. ^ (EN) Denise Petski, Denise Petski, ‘Watchmen’s Regina King Wins Fourth Career Emmy, Thanks Series Creator Damon Lindelof “For Your Brilliant Mind”, su Deadline, 21 settembre 2020. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  44. ^ (EN) Dino-Ray Ramos, Dino-Ray Ramos, Regina King To Direct Adaptation Of ‘One Night In Miami’, su Deadline, 9 luglio 2019. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  45. ^ Golden Globe 2021, le nomination: è l'anno delle donne (ma stavolta per davvero), su Rolling Stone Italia, 3 febbraio 2021. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  46. ^ (EN) Salamishah Tillet, Regina King: Speaking Truth to Power Through Her Art, in The New York Times, 15 gennaio 2021. URL consultato il 26 febbraio 2021.
  47. ^ (EN) Debra Birnbaum, Debra Birnbaum, Regina King Wants All Children to Have a Chance at Higher Education, su Variety, 9 ottobre 2018. URL consultato il 26 febbraio 2021.
  48. ^ (EN) Regina King, Oscar nominee Regina King: My commitment to gender equality must only be the beginning, su USA TODAY. URL consultato il 26 febbraio 2021.
  49. ^ (EN) Regina King dedicates her Oscar to queer literary icon James Baldwin, su Metro, 25 febbraio 2019. URL consultato il 26 febbraio 2021.
  50. ^ (EN) TV News Desk, Hugh Jackman, Regina King, Janelle Monáe to Appear in First LGBTQ Entertainment Critics TV Awards Special, su BroadwayWorld.com. URL consultato il 26 febbraio 2021.
  51. ^ Nomination Oscar 2019: ecco tutti i candidati, su comingsoon.it, 22 gennaio 2019. URL consultato il 23 gennaio 2019.
  52. ^ Critics’ Choice Awards 2020: Succession e Fleabag sono le migliori serie tv, su tv.badtaste.it, 13 gennaio 2020. URL consultato il 13 gennaio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Oscar alla miglior attrice non protagonista Successore
Allison Janney
per Tonya
2019
per Se la strada potesse parlare
Laura Dern
per Storia di un matrimonio
Controllo di autoritàVIAF (EN103623297 · ISNI (EN0000 0001 1454 0540 · LCCN (ENno95048422 · GND (DE1172122733 · BNF (FRcb14193655d (data) · BNE (ESXX1358429 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no95048422