Hilary Duff

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hilary Duff Bair
Hilary Duff Vogue 2019 2.png
Hilary Duff nel 2019
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenerePop[1]
Teen pop[1]
Dance pop[1]
Pop rock[1]
Periodo di attività musicale2002 – in attività
Album pubblicati10
Studio5
Live1
Raccolte4
Logo ufficiale
Sito ufficiale

Hilary Erhard Duff Bair[2] (Houston, 28 settembre 1987) è un'attrice, cantante, imprenditrice e scrittrice statunitense.

Dopo essere diventata famosa recitando nella serie televisiva Lizzie McGuire, è passata al grande schermo con ruoli da co-protagonista in film come Una scatenata dozzina (con Steve Martin, Bonnie Hunt) e War, Inc. (con John Cusack, Marisa Tomei, Ben Kingsley) e pellicole da protagonista come A Cinderella Story, Material Girls, Nata per vincere e Sharon Tate - Tra incubo e realtà. Dal 2015 recita nella serie televisiva Younger per cui è stata nominata due volte ai People's Choice Awards.

Inoltre ha intrapreso una carriera come cantante, vendendo 20 milioni di dischi in tutto il mondo e raggiungendo cinque volte la Top 5, con due prime posizioni nella Billboard 200 statunitense.[3][4][5] Il suo album di esordio Santa Claus Lane è stato rilasciato nel 2002 e venne prodotto dalla Walt Disney Records. Successivamente ottenne ampio successo sotto la casa discografica Hollywood Records pubblicando Metamorphosis (2003), Hilary Duff (2004), Most Wanted (2005) e Dignity (2007). Dal 2015 entra nella RCA Records e pubblica l'album Breathe In. Breathe Out. dopo otto anni di silenzio discografico. Tra i suoi singoli di maggior successo vi sono Wake Up, With Love, Reach Out, Chasing the Sun e Sparks.

Ha anche realizzato due profumi in collaborazione con Elizabeth Arden e ha disegnato due linee d'abbigliamento, collaborando con la stilista Donna Karan e il marchio DKNY Jeans, investendo inoltre sia nel campo della cosmesi sia di prodotti e abbigliamento per bambini, divenendo chief marketing officer del marchio Naturalena Brands della sorella Haylie Duff. Ha scritto inoltre una trilogia di romanzi, composta dai libri Elixir Devoted e True, divenuti best seller.[6]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia e prime apparizioni televisive[modifica | modifica wikitesto]

Hilary Duff è nata a Houston in Texas il 28 settembre 1987, come seconda figlia di Robert Erhard Duff, proprietario di una catena di supermercati, e sua moglie Susan Colleen Cobb. Incoraggiata dalla madre a recitare a fianco della sorella più grande, Haylie Duff, entrambe le ragazze ottennero più parti in produzioni teatrali della zona. All'età di sei anni Hilary, con la sorella Haylie, partecipò al balletto Lo schiaccianoci con la compagnia Columbus BalletMet. Pochi anni dopo le sorelle si trasferirono con la madre a Los Angeles, in California.

Entrambe le sorelle Duff iniziarono la propria carriera con diverse audizioni e provini, ottenendo diverse parti in pubblicità televisive.[7] La prima comparsa di Hilary in un film televisivo fu a 11 anni in Casper Meets Wendy (1998), nella parte della giovane Wendy che per caso incontra il personaggio animato di Casper.[8] L'anno successivo apparve in un ruolo secondario nel film televisivo Il rumore degli angeli (1999), ruolo che le fecevincere il Young Artist Award con la migliore performance in un film per la TV.[9]

2000-2002: Lizzie McGuire e il successo internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Hilary Duff con la sorella Haylie Duff.

Dopo una breve apparizione nella serie televisiva Chicago Hope e nella sitcom Daddio - Mammi si diventa,[7][10] la sua manager e madre, Susan Duff, riuscì a farle ottenere il ruolo di protagonista la nuova commedia familiare Lizzie McGuire per la Walt Disney Pictures.[10] La serie televisiva, andata in onda per la prima volta suDisney Channel nel gennaio 2001, riscontrò un grande successo, con oltre 2,3 milioni di spettatori per episodio negli Stati Uniti.[7] In quello stesso periodo, venne offerto alla giovane attrice di recitare in un film per la televisione prodotto da Disney Channel, dal titolo Cadet Kelly - Una ribelle in uniforme, che esordì con gli ascolti più alti mai raggiunti nella storia dell'emittente, con oltre 7,8 milioni di telespettatori.[11]

Per Lizzie McGuire, la Duff registrò per la Walt Disney Records il brano I Can't Wait. Il successo del brano portò la casa discografica a pubblicare il primo album in studio di Hilary Duff a tema natalizio intitolato Santa Claus Lane.[12] Uscito il 15 ottobre 2002 solo per il mercato statunitense, recependo la certificazione di disco d'oro superando le 500 000 copie[13], per poi essere lanciato nel mercato europeo ottenendo scarso successo. Il disco contiene cinque cover di brani natalizi e sei brani inediti, alcuni cantati esclusivamente dalla Duff, mentre altri sono duetti con vari artisti, come Christina Milian e la sorella Haylie Duff. Il primo singolo estratto dal disco, Tell Me a Story, è stato pubblicato il 14 ottobre 2002 ed è un duetto con Lil' Romeo, mentre il secondo singolo è stato l'omonimo Santa Claus Lane, pubblicato il 2 dicembre 2002.[14]

Della serie televisiva furono girate due stagioni, tra il 2001 e il 2003, per un totale di 65 episodi, compreso del film conclusivo della serie Lizzie McGuire - Da liceale a popstar (2003).[15] Per il film venne inoltre registrata una colonna sonora, che esordisce nelle top10 di Canada, Australia e Stati Uniti,[16] dove viene certificata doppio disco di platino,[17] sostenuta dal brano Why Not cantanto dalla Duff. Il brano diviene il primo dell'artista a esordire nelle Top15 di Australia, Nuova Zelanda e Paesi Bassi.[18][19] Il grande successo della serie, che vide un fatturato di oltre 100 milioni di dollari sostenuto dal merchandising che venne creato,[20] portò la Disney a proporre il rinnovamento del contratto con la Duff per il proseguimento della serie per la ABC, ma l'attrice rifiutò la proposta per proseguire la carriera cinematografica autonomamente.[21] Nell'edizione del 2003 dei Teen Choice Awards Hilary Duff vince il premio come attrice esordiente dell'anno [22]

2003-2004: Metamorphosis, Hilary Duff e nuovi progetti cinematografici e televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Hilary Duff nel 2004

Hilary Duff intraprese nel 2003 la carriere slegata dalla The Walt Disney Company, recitando come una dei dodici figli nel film commedia Una scatenata dozzina e nel film Agente Cody Banks,[23] ottenendo ampio successo nel cinema americani ed europei.[24] Il 26 agosto del 2003 pubblica con la Hollywood Records il secondo album in studio Metamorphosis, esordendo alla prima posizione della classifica statunitense e canadese,[25][26] ottenendo successo anche in Australia, Giappone e Messico,[27][28] vendendo oltre cinque milioni di copie in tutto il mondo.[29][30][31] Il primo singolo estratto, So Yesterday, viene rilasciato principalmente nel mercato europeo e australiano,[32] generando alla cantante gli ingressi per la prima volta nelle top10 di Regno Unito, Australia, Canada e Francia,[33][34] Il 13 gennaio 2004 rilascia il secondo singolo Come Clean, che esordisce alla posizione numero 35 della Billboard Hot 100 e vende oltre 650 000 copie negli Stati Uniti, riavendo la certificazione d'oro dalla RIAA.[29][25] Il video del brano viene nominato agli MTV Video Music Awards nella categoria Best Pop, mentre la cantante viene premiata ai World Music Award come Best Selling New Female Artist.[35][36] Nell'edizione dei Radio Disney Music Awards 2004 ottiene sei premi, tra cui Best Female Artist e Best Song per Come Clean.[37]

Il terzo album di Hilary Duff è stato pubblicato esclusivamente per il mercato di Stati Uniti, Canada e Australia il 28 settembre 2004,[38] esordendo alla seconda posizione della Billboard 200,[25] il primo posto in Canada,[26] e il sesto in Australia, venendo certificato disco di platino in tutti e tre i paesi, con oltre due milioni di copie vendute.[29][28] Ha anticipato l'uscita dell'album il singolo Fly, pubblicato nell'agosto 2004, che entra nelle top20 di Regno Unito, Italia, Canada e Nuova Zelanda. Il secondo singolo è The Getaway pubblicato nel novembre 2004, mentre nel dicembre successivo è stato pubblicato il terzo singolo I Am. Il quarto singolo, pubblicato il 21 febbraio 2005, porta il titolo Someone's Watching over Me.[39]

Nel corso del 2004 interpretò l'adolescente Sam in A Cinderella Story, prodotta dalla Warner Bros. Pictures, riscuotendo un notevole successo.[40][41] Più tardi, nello stesso anno, recitò in Nata per vincere, dove impersonava Terry Fletcher, ottenendo il plauso della critica cinematografica, e prestò la sua voce per il doppiaggio di Princess Crystal del film d'animazione Alla ricerca di Babbo Natale.[42][43]

2005-2007: Most Wanted, Dignity e proseguimento come attrice[modifica | modifica wikitesto]

Hilary Duff ai MuchMusic Video Award del 2007

Nel 2005, ha recitato nel telefilm The Perfect Man e riprende il suo ruolo nel sequel il ritorno della scatenata dozzina.[44][45] Inoltre, nell'agosto dello stesso anno ha presentato, sul canale FOX, la famosa premiazione dei Teen Choice Awards a fianco di Rob Schneider.[46] Recita inoltre nel film commedia Material Girls, assieme alla sorella Haylie Duff.[47]

Il quarto album, Most Wanted, viene rilasciato sotto forma di Greatest Hits, contenente tre inediti e tre remix ufficiali pubblicato a livello mondiale. A differenza dei tre album precedenti viene rilasciato nei mercati internazionali, anticipato con il singolo Wake Up, che riscuote ampio successo nelle classifiche internazionali, esordendo nelle top10 di Italia, Regno Unito, Spagna e alla posizione numero 20 della European Hot 100 Singles.[48] Negli Stati Uniti esordisce alla posizione numero 29 della Billboard Hot 100 ricevendo la certificazione di disco d'oro.[29][25] L'album è stato pubblicato il 16 agosto 2005 negli Stati Uniti e Canada, dove raggiunge la prima posizione di entrambe le classifiche, mentre viene distribuito da ottobre in Europa, Giappone e Australia, dove entra nelle top10 di numerose classifiche, vendendo complessivamente oltre due milioni di copie.[26][25] Il secondo singolo, Beat of My Heart, riscuote successo soprattutto in Italia esordendo all'ottava posizione.[49] Negli Stati Uniti venne pubblicata un'edizione speciale dell'album Most Wanted dal nome Most Wanted: The Collector's Signature Edition dal quale venne estratto il singolo Supergirl, pubblicato il 28 febbraio 2006 nei soli Stati Uniti. Nell'estate del 2006 Hilary fece un tour toccando ogni parte del mondo dal nome Still Most Wanted Tour.[50] Il tour riscosse un enorme successo, e in Italia, l'unico paese europeo ad avere due date consecutive, poiché i biglietti della prima data furono venduti tutti nei primi dieci giorni di vendita. La cantante pubblicò 4ever Hilary Duff, un album solo per l'Italia contenente canzoni inedite, pezzi remixati e live acustici.[51] Durante la tappa del tour in Messico dello Still Most Wanted Tour, la Duff ha trovato il tempo di recitare anche in una puntata della soap opera Rebelde.

Il quinto album di Hilary Duff, Dignity, venne pubblicato il 22 marzo 2007 in contemporanea mondiale e negli Stati Uniti, vedendo la partecipazione nella produzione di Kara DioGuardi, Chantal Kreviazuk, Pink, Will.i.am.[52] L'album esordisce alla terza posizione di Stati Uniti e Canada, esordendo inoltre nelle top10 di Italia, Irlanda e Giappone.[53] Successivamente riceve la certificazione di disco doro dalla RIAA e dalla FIMI.[30][54] Il singolo Play with Fire, pubblicato il 21 agosto 2006, è stato scritto e prodotto in collaborazione con Will.i.am ed è l'unico singolo della Duff a non essere entrato nella classifica della Billboard Hot 100 senza mai raggiungerne la vetta. In Europa il singolo viene sostituito con il brano With Love, pubblicato poi anche negli Stati Uniti, dove viene certificato disco d'oro.[55][30] Il secondo singolo internazionale è Stranger pubblicato il 25 maggio 2007 in Italia, il 10 luglio 2007 negli Stati Uniti mentre il 3 settembre 2007 nel Regno Unito.

2008-2012: Greatest Hits, nuovi progetti come attrice e produttrice cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

Hilary Duff al The Heart's Truth Red Dress Collection Fashion Show nel 2009

Il successivo lavoro cinematografico della Duff è stato War, Inc., in cui ha recitato al fianco di John Cusack, sua sorella Joan, Marisa Tomei e Ben Kingsley.[56] La première del film è avvenuta a New York il 28 aprile 2008, in occasione del Tribeca Film Festival, dove War, Inc. ricevette una nomination. Sempre nello stesso anno la Duff è apparsa nella terza stagione della serie TV The Hills, accanto all'amica Hayden Panettiere.

Nell'anno l'artista annuncia un secondo album di greatest hits: Best of Hilary Duff . L'album contiene 12 tracce tra cui 4 inediti, Reach Out, Holiday e i loro rispettivi remix.[57] L'uscita dell'album è avvenuta l'11 novembre in Stati Uniti e in Canada, al 3 dicembre in Giappone e al 23 gennaio 2009 in Italia. Nella versione europea, l'album contiene ben 16 tracce, di cui 7 brani inediti. Il singolo a esserne estratto è Reach Out. La Duff, nel gennaio 2009, in un'intervista per MTV, ha dichiarato di non esser mai stata d'accordo sulla creazione di questo Greatest Hits, ma che la sua ex casa discografica (la Hollywood Records) gliel'ha imposto.[58]

Il 10 aprile 2009 Hilary Duff ha partecipato come guest star nel diciannovesimo episodio della quarta stagione della serie televisiva Ghost Whisperer, dal titolo Thrilled to Death, la puntata risulta essere la più seguita della serie con oltre 10 milioni di telespettatori.[59] Il mese successivo fu presentato al Buffalo Niagara Film Festival What Goes Up, una commedia drammatica con protagonista la Duff, al fianco di Steve Coogan, Josh Peck, Olivia Thirlby e Molly Shannon, dove inoltre l'artista cura alcuni brani della colonna sonora.[60]

Successivamente la Duff entrò a far parte del cast del film Stay Cool, al fianco di Winona Ryder, Mark Polish, Sean Astin, Chevy Chase e Jon Cryer.[61] Nello stesso mese l'attrice ha partecipato a un episodio della decima stagione della famosa serie Law & Order - Unità vittime speciali. Nel settembre 2009 Hilary entra a far parte del cast di Gossip Girl, in cui ha interpretato Olivia Burke.[62] L'11 dicembre 2009 fu proiettato nei cinema americani According To Greta, un film drammatico in cui la Duff recitò assieme al premio Oscar Ellen Burstyn, Michael Murphy, Melissa Leo ed Evan Ross, e di cui è produttrice esecutiva.[63][64]

Nel corso del 2009 l'ormai ex casa discografica di Hilary Duff, la Hollywood Records pubblica l'ultimo lavoro della Duff, il suo primo album live. Registrato durante il concerto del Dignity World Tour del 15 agosto 2007 al Gibson Amphiteatre di Los Angeles.

Nel 2010, la Duff ha recitato nel film per la ABC Family, Un principe in giacca e cravatta, diretto da Gil Junger.[65] Il 6 febbraio 2010 fu presentato al Santa Barbara International Film Festival, in prima assoluta, il film drammatico Bloodworth, basato sul romanzo Provinces of Night di William Gay. Nel cast, oltre a Hilary Duff, sono presenti attori come Val Kilmer, Kris Kristofferson e Frances Conroy. Il film, diretto da Shane Taylor fu presentato a livello internazionale alla diciassettesima edizione dell'Austin Film Festival.[66] A novembre dello stesso anno, la Duff ha recitato in un episodio della sitcom Community, nella quale ha interpretato la studentessa Meghan.[67] Negli ultimi mesi del 2010, l'attrice girò un nuovo film, She Wants Me, con Charlie Sheen, Josh Gad, Aaron Yoo e Johnny Messner.

2011-2017: gravidanza, il ritorno con Breathe In. Breathe Out. e la serie televisiva Younger[modifica | modifica wikitesto]

Hilary Duff nel 2017

Nel 2011 avrebbe dovuto interpretare il ruolo da protagonista in The Story of Bonnie and Clyde, ma fu sostituita in seguito all'annuncio della sua prima gravidanza.[68] Nell'agosto 2012 Hilary Duff ha comunicato, tramite il suo account Twitter, di aver raggiunto un accordo con la 20th Century Fox per un comedy show televisivo nel quale sarà sia protagonista sia produttrice.[69][70] L'attrice reciterà come guest star nel 20º episodio della terza stagione di Aiutami Hope!, la celebre sitcom creata da Greg Garcia.[71] Il 6 agosto 2013 viene annunciata l'uscita di Wings, film d'animazione diretto da Olga Lopato in cui Hilary Duff doppia Windy e termina di recitare nel film Flock of Dudes, uscito nelle sale solo nel 2016.

Dal 2014 Hilary Duff entra a far parte del cast principale di una nuova serie televisiva intitolata Younger, prodotta da Darren Star, che ha esordito sul canale TV statunitense TV Land il 31 marzo 2015[72][73]. Si tratta del primo ritorno dell'attrice in una serie televisiva come co-protagonista, ottenendo ampio successo, tanto da ricevere due nomine ai People's Choice Awards e Teen Choice Award nel corso della serie.[74][75]

Il 28 marzo 2014 Hilary Duff annuncia di aver firmato un contratto per realizzare il suo nuovo album con una nuova etichetta discografica, la RCA Sony.[76] Il 23 luglio 2014, a sette anni di distanza dall'ultimo album discografico, la cantante annuncia, attraverso un comunicato stampa, il suo ritorno nello scenario musicale con il lancio di una prima canzone, che anticipa l'uscita dell'album (prevista per l'inizio del 2015).[77] Il primo brano estratto dal disco è Chasing the Sun, scritto insieme a Colbie Caillat, Jason Reeves e Toby Gad, che segna il ritorno nella Billboard Hot 100 della cantante esordendo alla posizione 79 e comparendo nelle classifiche di Australia, Canada e Spagna.[78][79] Il secondo singolo del nuovo album è All About You, pubblicato il 12 agosto 2014, che esordisce alla 20ª posizione della classifica australiana ricevendo successivamente la certificazione di disco d'oro.[80] Il 7 aprile 2015, viene pubblicato il terzo singolo del nuovo album: Sparks, divenendo la sua quinta top10 nella US Dance Club Songs ed esordendo alla posizione 93 della Billboard Hot 100, ricevendo successivamente la certificazione di disco d'oro in Messico.[25]Il 12 giugno 2015 viene pubblicato l'album Breathe In. Breathe Out.,[81] che esordisce alla quinta posizione della Billboard 200 e Canadian Albums.[26][25] Successivamente rilascia il singolo My Kind, il cui video riprende scene delle prove per la coreografia di Sparks e di registrazione dell'album.[82]

2018-presente: Disney+ e nuovi progetti[modifica | modifica wikitesto]

Hilary Duff nel 2019

Nel 2018 ha annunciato che stava girando un film indipendente, poi rivelatosi intitolato Sharon Tate - Tra incubo e realtà.[83] Il film è uscito nell'aprile del 2019, ottenendo il plauso della critica, tra cui sia ai Reel Independent Film Festival di Hollywood sia ai Golden Raspberry Award. Hilary Duff ha vinto i premi come migliore attrice per la sua interpretazione.[84][85] Nel settembre 2018, è stato confermato che la Duff viene inserita nel cast di attori che presteranno la sua voce nel film d'animazione Meet Your Tooth Fairy, e nel settembre 2019 viene annunciata la registrazione dell'ultima serie di Younger, bloccata successivamente per la pandemia di COVID-19 per essere ripresa in futuro.[86][87]

La Duff ha annunciato all'Expo D23 dell'agosto 2019 che riprenderà il suo ruolo di McGuire in un prossimo rilancio della serie sul nuovo servizio di streaming Disney+.[88] A gennaio 2020 le riprese si sono fermate per alcune critiche mosse contro la produzione da parte dell'attrice e del produttore creativo Terri Minsky con Walt Disney Pictures.[89]

Nel febbraio 2020, il produttore musicale RAC ha pubblicato la cover del brano Never Let You Go che vede cantare sia la Duff sia suo marito Matthew Koma. Una cover del successo dei primi anni 2000 della band Third Eye Blind, è la prima uscita musicale della Duff dopo la sua cover del 2016 di Little Lies per Younger.[90]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001, a quattordici anni, la Duff viene collegata romanticamente al primo fidanzato pubblico, nonché collega teen star Aaron Carter.[91] Nel corso della relazione viene scoperto il tradimento di lui con Lindsay Lohan, generando una faida tra le due ragazze.[92] Dopo lo scandalo, divenendo una delle storie di gossip più eclatanti della pop culture, la relazione ha proseguito sino al 2004.[93] Nel 2014 Carter torna a parlare della loro relazione su Twitter, affermando: «Passerò il resto della mia vita a fare del mio meglio per tornare con lei. Non fate gli stupidi, non perdete l'amore della vostra vita, come ho fatto io».[94]

Nel 2004, a soli sedici anni e dopo diverse speculazioni, sua madre Susan - allora manager della figlia -, conferma tramite un'intervista a People Magazine la relazione col frontman dei Good Charlotte, Joel Madden, più grande di lei di otto anni, generando scandalo nei tabloid statunitensi.[95] La relazione viene poi interrotta nella fine del 2006, a seguito del tradimento di lui con la socialite Nicole Richie.[96]

Nell'estate del 2007 inizia a frequentare Mike Comrie, giocatore canadese di hockey su ghiaccio dei Pittsburgh Penguins.[97] Nel febbraio 2010, durante una vacanza a Maui, i due si fidanzano ufficialmente per poi sposarsi il 14 agosto dello stesso anno a Santa Barbara in California.[98] Tramite i canali social, nel 2011, in occasione del primo anniversario di nozze, la coppia annuncia di aspettare un bambino. Il 20 marzo 2012 nasce l'unico figlio della coppia, Luca Cruz Comrie.[99] Nel 2014, tramite il profilo Twitter di lei, la coppia annuncia una separazione consensuale, continuando però a gestire insieme il figlio.[100] A febbraio del 2015 è la Duff a consegnare i documenti per ufficializzare il divorzio, citando differenze inconciliabili e chiedendo la custodia primaria del figlio.[101] L'atto viene poi finalizzato con il divorzio nel febbraio del 2016.[102]

La relazione con Matthew Koma, musicista e cantautore, inizia nel 2015 durante la lavorazione per il suo album in studio Breathe In Breathe Out che il disc- jockey produce, ma diventa esclusiva soltanto a gennaio 2017, esordendo ufficialmente come coppia sul red carpet dei SAG Awards.[103] L'8 giugno 2018, sempre tramite il suo account personale di Instagram, Hilary pubblica una foto annunciando di aspettare una bambina, Banks Violet Bair, nata il 25 ottobre 2018.[104] Il 9 maggio annuncia che si sposerà con Matthew Koma. Il 21 dicembre 2019 si è sposata a Los Angeles con Matthew Koma.[105][106] Il 24 ottobre 2020 la coppia annuncia tramite i loro profili instagram di essere in attesa del secondo figlio (terzo genito della Duff), il cui arrivo è previsto per i primi mesi del 2021.[107]

Imprenditrice: moda, beauty e design[modifica | modifica wikitesto]

Hilary Duffal The Heart's Truth Red Dress Collection Fashion Show nel 2009

La cantante/attrice si è anche cimentata nel mondo della moda disegnando la sua linea d'abbigliamento personale, chiamata "Stuff by Hilary Duff". È stata lanciata il 12 marzo 2004 e distribuita in USA, dalla Target e, in Canada, dalla Zeller. Nel 2006 è stata lanciata una nuova collezione che ha già riscosso molto successo. Hilary Duff lavora anche in campo pubblicitario. È stata la ragazza immagine della Candies[108][109], una casa d'abbigliamento americana, e della Barbie, per le quali ha girato numerosi spot. Nel 2005 ha realizzato, assieme la sorella Haylie, diverse pubblicità per il marchio Ice Breakers.

Il 28 settembre 2006, giorno del suo diciannovesimo compleanno, in America venne presentato il suo primo profumo, With Love (che prende il nome dal singolo che lo sponsorizza With Love). Sempre nel 2006 ha collaborato con la Tiger Electronics, sponsorizzando VideoNow e Massively Mini Media, due lettori digitali realizzati dalla compagnia, e con la EA Games per la partecipazione nel videogioco The Sims 2 Pets, dove è comparsa come un personaggio del gioco insieme alla sua cagnolina Lola. Ha realizzato nuovamente una serie di pubblicità per Barbie, che sono andate in onda anche nelle reti italiane.Il profumo, con la collaborazione di Elizabeth Arden, fu lanciato sul mercato americano e britannico nel gennaio 2008, mentre nel resto d'Europa è arrivato nel marzo 2008. Nel 2007 lanciò il suo secondo profumo chiamato: "Wrapped With Love".

Nel 2009 e 2010 ha collaborato con la stilista Donna Karan, disegnando una nuova linea per il marchio DKNY Jeans dal nome "Femme". Dopo il successo della linea autunnale, è stata disegnata e pubblicata l'omonima linea estiva.[110] La Duff è tornata alla sua carriera di stilista inisieme al marchio nel gennaio 2018, per la prima volta in nove anni da "Femme for DKNY".

Nel gennaio 2017, Duff è diventato uno degli investitori della linea cosmetica Kopari Beauty, insieme ad altre celebrità come Ashton Kutcher, Mila Kunis e Karlie Kloss.[111]

Nel gennaio 2019, la Duff ha investito con la comica Chelsea Handler nella linea di cosmetici "Nudestix".[112] Il suo investimento l'ha portata a lanciare il proprio kit di trucco chiamato "Daydreamer", nel settembre 2019.[113] Nello stesso mese, grazie al successo della sua collezione di occhiali con GlassesUSA, la Duff ha lanciato un'edizione limitata della sua collezione "Bold Capsule".[114] A novembre, Duff insieme a diverse altre celebrità, tra cui Patrick Schwarzenegger e Will Smith, sono stati nominati investitori nel prodotto virale per bambini "Cubcoat", raccogliendo un fatturato di 4,85 milioni di dollari.[115] Ha anche lanciato una capsule collection sotto la linea di abbigliamento per bambini della sorella Haylie "Little Moon Society".[116]

Nel novembre 2019, Duff è stata annunciata come nuovo co-proprietario e chief brand officer della linea di prodotti Naturalena Brands, comprendendti il marchio di prodotti per bambini "Happy Little Camper" e i prodotti per la cura femminile "Veeda".[117] Il mese successivo ha lanciato la sua quarta capsule collection con GlassesUSA nell'ambito della sua collaborazione "AM/PM".[118]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Hilary Duff durante un firmacopie nel 2010 per il suo libro Elixir

Il 12 ottobre 2010, in America è stato edito dalla casa editrice Simon & Schuster Elixir, il primo libro scritto da Hilary Duff, in collaborazione con Elise Allen. Il libro, destinato a un pubblico di giovani adulti, racconta la storia di Clea Raymond, una diciassettenne che sogna di fare la fotoreporter. La ragazza, figlia di due genitori molto famosi, è alle prese con la misteriosa scomparsa del padre, un uomo politico in missione umanitaria. Il libro mescola l'elemento paranormale con quello fantasy. Diventato un best seller dopo solo una settimana[119], il libro è il primo di una serie di tre libri. Il secondo libro della trilogia, uscito l'11 ottobre 2011, s'intitola Devoted, mentre l'ultimo libro, True, è stato pubblicato ad aprile 2013.[120]

A settembre 2020 annuncia sui social di aver scritto un libro per bambini dal titolo My Little Brave Girl ispirato da sua figlia Banks Violet e in uscita il 23 marzo 2021, edito da Random House.[121]

Filantropia[modifica | modifica wikitesto]

La Duff ha donato 250000 $ dollari alle vittime dell'uragano Katrina[122] ed è anche andata nel luogo del disastro per distribuire cibo.[123] Inoltre ha donato 2 milioni di dollari alla Croce Rossa Americana per ricostruire alcuni villaggi e altri 50 000 $ dollari all'associazione benefica USA Harvest.[senza fonte] Hilary è molto impegnata nel sociale: ha organizzato concerti di beneficenza, ha donato materiale a una scuola elementare del Sud America.[124][125]

A luglio 2009 è stata nominata giovane ambasciatrice di Bogotà, la capitale della Colombia.[126] La carica le è stata attribuita direttamente dal sindaco della capitale, Samuel Moreno, durante la missione che la vede impegnata nella distribuzione di zaini pieni di cibo ai bambini più sfortunati della città.[127]

Ha aiutato diversi enti benefici nel corso degli anni e supporta oltre trenta cause[128], inclusi povertà, senza tetto, gestione della rabbia, abusi, HIV e AIDS ed educazione, aiutata e in collaborazione con diversi enti come il St. Jude Children’s Research Hospital, Angelwear, STOMP Out Bullying, Aid Still Required, Alberta Harvest, Blessings in a Backpack, e USA Harvest.

È anche membro dell'organizzazione benefica per bambini Kids With A Cause., servendo nel comitato consultivo della stessa organizzazione e per la fondazione UNICEF Hepburn Child Benefit[129] per la quale, il 16 ottobre 2012 ha partecipato a un evento pubblico chiamato Una Chiacchierata Con Hilary Duff trasmesso in diretta streaming in oltre 320 college in tutto il territorio americano[130].

A ottobre 2008 ha preso parte a uno spot pubblicitario per la campagna "Think Before You Speak" prodotto da Ad Council e GLSEN, entrambe organizzazioni no profit statunitensi, per prevenire l'uso di un linguaggio scorretto nei confronti della comunità LGBTQ+ da parte dei giovani.[131].

Nel 2012, subito dopo la nascita del suo primo figlio, ha partecipato attivamente alla campagna di Johnson's Baby Care[132], includendo attività come mandare kit per l'igiene e la cura di sé stessi alle neo mamme su tutto il territorio americano e, in collaborazione con Save the Children, raccogliere fondi per famiglie e bambini bisognosi.

A novembre 2013, in occasione dell'inizio della stagione dello shopping natalizio e per tutta la sua durata (dal 22 novembre al 27 dicembre) ha collaborato con Duracell Canada per un'iniziativa benefica dedicata ai bambini ricoverati in ospedale[133] chiamata Powering Holiday Smiles. La campagna mirava a incoraggiare i canadesi nell'acquisto di batterie Duracell del tipo "Quantum AA-16" di cui, per ogni pacco venduto, un dollaro veniva devoluto all'ente Children's Miracle Network.

Per promuovere questa campagna, la Duff ha visitato il The Hospital For Sick Children a Toronto, Ontario, per consegnare giocattoli forniti da Hasbro.

Della suddetta campagna, ha parlato in diverse riviste e programmi televisivi,[134], incluso il Breakfast Television Toronto che l'ha ospitata. In tutto, sono state donate oltre 20 000 batterie agli ospedali sparsi su territorio canadese, al fine di alimentare i dispositivi medici salvavita e i giocattoli nelle aree gioco dei reparti di pediatria.

Ha partecipato inoltre a diverse campagne benefiche online, come ad esempio la partnership con Claritin di Bayer[135] e la partecipazione alla raccolta di aiuti per l'alluvione a Hanalei del 2018, grazie agli acquisti della sua collaborazione con Muse Muse x Hilary Duff Collection[136].

Nel 2017 è stata tra le celebrità a partecipare all'iniziativa Telethon per l'alluvione di Houston, Texas[137] e ha contribuito a un saggio per Marie Claire online, riguardo ai devastanti effetti provocati dell'alluvione nella sua città natale.

Nel 2020, a parte aver condiviso insieme a suo marito Matthew Koma una donazione per gli incendi in Australia, ha donato alle famiglie in difficoltà durante l'pandemia da coronavirus prodotti per bambini del suo brand Happy Little Camper.

La Duff è inoltre un'accanita sostenitrice dei diritti degli animali.

Nell'adolescenza, grazie al suo acting coach, ha preso parte alle iniziative di Living Free, un santuario per animali a San Bernardino.

Supporta l'organizzazione americana Returning To Freedom, ed è ambasciatrice del The American Wild Horse Sanctuary[138].

Ha adottato un cucciolo di cane, chiamato Momo, dal canile di Los Angeles Love, Leo Rescue, nel 2017[139]. E continua a supportare l'organizzazione, partecipando annualmente agli eventi.

Nei primi mesi del 2019, sempre grazie a Love Leo Rescue, insieme all'allora fidanzato Matthew Koma, ha adottato un cane anziano, di nome Lucy.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Produttrice[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Hilary Duff è stata doppiata da:

  • Perla Liberatori in Lizzie McGuire, Lizzie McGuire - Da liceale a pop star, Cinderella Story, Un principe in giacca e cravatta, The Perfect Man, Material Girls, War, Inc., Gossip Girl, Aiutami Hope, Sharon Tate - Tra incubo e realtà
  • Letizia Scifoni in Una scatenata dozzina, Il ritorno della scatenata dozzina, According to Greta, Younger
  • Federica De Bortoli in Cadet Kelly - Una ribelle in uniforme, Agente Cody Banks, Joan of Arcadia
  • Letizia Ciampa in Casper e Wendy - Una magica amicizia, Nata per vincere
  • Connie Bismuto in Human Nature
  • Rachele Paolelli in Stay Cool
  • Rossella Acerbo in Bloodworth - Province della notte
  • Valentina Mari in Ghost Whisperer - Presenze
  • Valentina Favazza in Law & Order - Unità vittime speciali

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Hilary Duff.

Album[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Hilary Duff entra nel Guinness World Record nell'edizione del 2006 come miglior attrice ragazza per aver guadagnato, nel 2003, 10 milioni di dollari.[140]

  • 1999 - Young Artist Awards, Best Performance in a TV Movie/Pilot/Mini-Series or Series
  • 2000 - Young Artist Awards, Best Performance in a TV Movie or Pilot
  • 2002 - Nickelodeon Kids' Choice Awards, Favorite Television Actress
  • 2002 - Young Artist Awards, Best Performance in a TV Movie or Pilot
  • 2002 - Young Artist Awards, Best Performance in a TV Comedy Series
  • 2003 - Young Artist Awards, Best Performance in a TV Movie or Pilot
  • 2003 - Nickelodeon Kids' Choice Awards, Favorite Female TV Star
  • 2003 - Fort Myers Beach Film Festival, Rising Star Award
  • 2003 - Rolling Stone, Teenager of the Year
  • 2003 - Guinness World Record, Attrice dal maggiore incasso
  • 2003 - Teen Choice Awards, Choice Movie Breakout Star
  • 2003 - Teen Choice Awards, Choice Movie Actress
  • 2003 - Teen Choice Awards, Choice TV Actress
  • 2003 - VH1 Big in 03 Awards, Big Breakthrough
  • 2003 - American Music Awards
  • 2004 - DVD Awards, Franchise's Performance Award
  • 2004 - Nickelodeon Kids' Choice Awards, Favorite Female TV Star
  • 2004 - Nickelodeon Kids' Choice Awards, Favorite Female Singer
  • 2004 - Much Music Video Awards (MMVAs), People's Choice Favourite International Artist
  • 2004 - TMF Awards (Netherlands), Best Newcomer
  • 2004 - TRL Awards, Fake ID Club
  • 2004 - World Music Awards, World's Best New Female Artist
  • 2004 - Young Artist Awards, Best Young Ensemble in a Feature Film
  • 2004 - MTV Video Music Awards, Best Pop Video - "Come Clean"
  • 2004 - Los Premios MTV Latinoamerica, Best International Pop Artist
  • 2004 - Teen Choice Awards, Choice Movie Blush
  • 2004 - Young Hollywood Awards, Today's Superstar
  • 2005 - Guinness World Record, Attrice dal maggiore incasso
  • 2005 - Los Premios MTV Latinoamerica, Best International Pop Artist
  • 2005 - COSMOgirl! Magazine Annual Awards, Born to Lead Award
  • 2005 - Nickelodeon Kids' Choice Awards, Favorite Movie Actress
  • 2005 - Nickelodeon Kids' Choice Awards, Favorite TV Actress
  • 2005 - DVD Exclusive Awards, Triple Threat: Success in TV, Music and Movies
  • 2005 - Teen Choice Awards, Choice Movie Blush Scene
  • 2005 - Teen Choice Awards, Choice Movie Actress
  • 2005 - Teen Choice Awards, Choice Movie Chemistry
  • 2005 - Teen Choice Awards, Choice Movie Liplock
  • 2005 - Teen Choice Awards, Choice Movie Love Scene
  • 2005 - American Music Awards
  • 2005 - US Weekly Hottest Hollywood Style Awards, Best Sister Style
  • 2006 - TRL Awards Italy, Best New Artist
  • 2006 - TRL Awards, Fake ID (Best Guest Under 21)
  • 2006 - TRL Awards, Quit Your Day Job (Best Guest Host)
  • 2006 - Portrait Magazine, Star #9 at Top 30 Under 30[141]
  • 2006 - Guinness World Record, Attrice dal maggiore incasso
  • 2006 - Teen Choice Awards, Movies - Choice Actress: Comedy
  • 2007 - Los Premios MTV Latinoamerica, Best International Pop Artist
  • 2007 - Los Premios MTV Latinoamerica, Female Fashionista Award
  • 2007 - Portrait Magazine, Star #12 at Top 30 Under 30[142]
  • 2007 - MuchMusic Video Awards (MMVAs), Best International Video Artist - "With Love"
  • 2007 - MuchMusic Video Awards (MMVAs), People's Choice: Favourite International Artist
  • 2007 - TRL Awards Italy, First Lady
  • 2007 - Teen Choice Awards, Choice Love Song - "With Love"
  • 2007 - Nickelodeon Kids' Choice Awards Italy, Miglior Cantante Internazionale
  • 2008 - Nickelodeon Kids' Choice Awards Italy, Miglior Cantante Internazionale
  • 2008 - Portrait Magazine, Star #24 at Top 30 Under 30[143]
  • 2009 - TRL Awards Italy, First Lady
  • 2009 - TRL Awards Italy, Best #1 of the Year
  • 2009 - Poptastic Award, All-Time Idol
  • 2009 - Seventeen Magazine, Style Star of The Year
  • 2009 - Portrait Magazine, Star #1 at Top 30 Under 30[144]
  • 2009 - Portrait Choice Awards, Movie of the year – What Goes Up
  • 2009 - Portrait Choice Awards, Song of the Year – Any Other Day
  • 2009 - Portrait Choice Awards, Best Female Character – Lucy Diamond (in What Goes Up)
  • 2009 - Portrait Choice Awards, Best Dressed Female Celebrity
  • 2009 - Portrait Choice Awards, Best Kiss – Julie e Greta (in "Greta")
  • 2009 - Portrait Choice Awards, Best Scene – Dan meets Olivia (in "Gossip Girl") e Lucy in the Swimming Pool (in What Goes Up)
  • 2009 - Portrait Choice Awards, Best Soundtrack – Any Other Day
  • 2009 - 2000s Billboard Awards, Billboard 200 Artists[145]
  • 2009 - 2000s Billboard Awards, Billboard 200 Albums - Metamorphosis[146]
  • 2009 - 2000s Billboard Awards, Billboard Top Soundtracks - The Lizzie McGuire Movie Soundtrack[147]
  • 2009 - 2000s Billboard Awards, All No.1 Albums this Decade - Metamorphosis e Most Wanted[148]
  • 2010 - MTV America (Nord), 10 Anni 100 Video - Beat of My Heart 28#
  • 2010 - MTV America (Centro), 10 Anni 100 Video - Beat of My Heart 63#
  • 2010 - MTV America (Sud), 10 Anni 100 Video - Beat of My Heart 62#
  • 2010 - ZAP Awards, Kissing in the Rain - A Cinderella Story
  • 2010 - Top 20 Ladies in Pop, Miglior Cantante Internazionale 1#
  • 2010 - Portrait Choice Awards, Most Beautiful Celebrity[149]
  • 2010 - Teen Choice Awards, Female Scene Stealer[150]

Profumi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2006 – With Love
  • 2008 – Wrapped with Love

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Hilary Duff, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 15 novembre 2014.
  2. ^ Altre informazioni sul secondo nome possono essere trovate su Hilary Duff: All Access (2005) by Rettenmund, Matthew. U.S.: Berkley Trade. p. 2. ISBN 0-425-20519-3 (U.S.).
  3. ^ Biografia di Hilary Duff Archiviato il 30 dicembre 2011 in Internet Archive., 2011
  4. ^ Hilary Duff - Biografia, 2011
  5. ^ Homepage - Directioner, su gioandeni.oneminutesite.it. URL consultato il 20 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2011).
  6. ^ 'Elixir' Is A New York Times' Best Seller! - NYTimes.com, su nytimes.com., ottobre 2010
  7. ^ a b c Huff, Richard. A very busy Miss 'Lizzie' Archiviato il 9 febbraio 2006 in Internet Archive.. New York Daily News. 1º dicembre 2002. Recuperato il 22 maggio 2005.
  8. ^ (EN) Casper Meets Wendy (1998). URL consultato il 6 dicembre 2020.
  9. ^ 21st Annual Awards, su web.archive.org, 19 luglio 2012. URL consultato il 6 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2012).
  10. ^ a b Hilary Duff makes the most of TV fame - New York Daily News, su web.archive.org, 28 ottobre 2012. URL consultato il 6 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 28 ottobre 2012).
  11. ^ Premiere of "Cadet Kelly" Gets Atten-shun! Breaks Records, is Highest Rated Disney Channel Original Movie and Most-Watched Telecast Ever on Disney Channel, su findarticles.com., marzo 2002
  12. ^ (EN) Santa Claus Lane - Hilary Duff | Songs, Reviews, Credits | AllMusic. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  13. ^ (EN) Santa Claus Lane, Recording Industry Association of America. URL consultato il 20 settembre 2015.
  14. ^ (EN) Kelefa Sanneh, Amid All the Cheers, a Few Signs of Change (Published 2007), in The New York Times, 29 agosto 2007. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  15. ^ (EN) Todd McCarthy, Todd McCarthy, The Lizzie McGuire Movie, su Variety, 2 maggio 2003. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  16. ^ (EN) Album Search for "the lizzie mcguire movie", su AllMusic. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  17. ^ Canadian Recording Industry Association (CRIA): Gold & Platinum - August 2003, su web.archive.org, 19 ottobre 2010. URL consultato il 6 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2010).
  18. ^ australian-charts.com - Hilary Duff - Why Not, su australian-charts.com. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  19. ^ charts.org.nz - Hilary Duff - Why Not, su charts.nz. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  20. ^ Disney's 'Tween Machine How the Disney Channel became must-see TV--and the company's unlikely cash cow. - September 29, 2003, su money.cnn.com. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  21. ^ 'Lizzie McGuire' Star Divorces Disney - Hilary Duff : People.com, su web.archive.org, 3 novembre 2012. URL consultato il 6 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2012).
  22. ^ (EN) 2003 Teen Choice Awards Nominees, su Billboard. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  23. ^ (EN) Agent Cody Banks (2003). URL consultato il 6 dicembre 2020.
  24. ^ Domestic 2003 Weekend 11, su Box Office Mojo. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  25. ^ a b c d e f g Hilary Duff: Billboard Charts History, su Billboard. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  26. ^ a b c d Hilary Duff: Canadian Charts History, su Billboard. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  27. ^ Japan Charts History, su oricon.co.jp.
  28. ^ a b australian-charts.com - Hilary Duff - Metamorphosis, su australian-charts.com. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  29. ^ a b c d (EN) Ask Billboard: Hilary Duff Sales Update, su Billboard. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  30. ^ a b c (EN) Gold & Platinum: Hilary Duff, su RIAA. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  31. ^ (EN) Rascal Flatts 'Feels Like' No. 1, su Billboard. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  32. ^ So Yesterday by Hilary Duff - Music Charts, su acharts.co. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  33. ^ lescharts.com - Hilary Duff - So Yesterday, su lescharts.com. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  34. ^ HILARY DUFF | full Official Chart History | Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  35. ^ (EN) Singer/actress Hilary Duff poses with her award for Best New Female..., su Getty Images. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  36. ^ (EN) 2004 MTV Video Music Awards Winners, su Billboard. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  37. ^ Radio Disney Music Awards - 2004 | Winners & Nominees, su awardsandwinners.com. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  38. ^ Hilary Duff self titled album: news, su mtv.com.
  39. ^ Hilary Duff Will Not Release Anymore Singles | popdirt.com, su popdirt.com. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  40. ^ Hilary Duff, su Box Office Mojo. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  41. ^ Cindarella Story, Cast e curiosità della commedia con Hilary Duff, su tvzap.kataweb.it, 21 giugno 2019. URL consultato il 30 novembre 2019.
  42. ^ Raise Your Voice | AccessAtlanta, su web.archive.org, 19 febbraio 2006. URL consultato il 6 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2006).
  43. ^ In Search of Santa DVD Review, su www.dvdizzy.com. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  44. ^ (EN) The Perfect Man (2005). URL consultato il 6 dicembre 2020.
  45. ^ (EN) Razzie nominations deride remakes, 30 gennaio 2006. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  46. ^ Hilary Duff and Rob Schneider, hosts during 2005 Teen Choice Awards -..., su Getty Images. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  47. ^ Material Girls (2006) - Overview - MSN Movies, su web.archive.org, 9 gennaio 2008. URL consultato il 6 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2008).
  48. ^ Euro Songs Charts: Hilary Duff, su Billboard. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  49. ^ italiancharts.com - Hilary Duff - Beat Of My Heart, su italiancharts.com. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  50. ^ (EN) Archive-Chris-Harris, Hilary Duff Lines Up 32 Summer Dates, su MTV News. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  51. ^ (EN) 4Ever Hilary - Hilary Duff | Songs, Reviews, Credits | AllMusic. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  52. ^ MTV In-Studio Event features The Hills Girls and Hilary Duff - Smallscreen, su web.archive.org, 24 dicembre 2007. URL consultato il 6 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2007).
  53. ^ Billboard 200 Chart, su Billboard. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  54. ^ Certificazioni - FIMI, su www.fimi.it. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  55. ^ Access All Areas.net.au, su web.archive.org, 27 dicembre 2007. URL consultato il 6 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 27 dicembre 2007).
  56. ^ War, Inc.: cast interviwe, su rottentomatoes.com.
  57. ^ (EN) Jocelyn Vena, Hilary Duff Talks New LP, Depeche Mode Backstage At 'Total Finale Live', su MTV News. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  58. ^ Hilary Duff: The Right Stuff - Interview on Career and Business, su web.archive.org, 30 luglio 2007. URL consultato il 6 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 30 luglio 2007).
  59. ^ Fonte del dato ufficiale, su tvbythenumbers.com.
  60. ^ (EN) Brian Lowry, Brian Lowry, What Goes Up, su Variety, 10 maggio 2009. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  61. ^ (EN) Stay Cool (2009) - Ted Smith | Synopsis, Characteristics, Moods, Themes and Related | AllMovie. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  62. ^ Hilary Duff Not Bound for 90210, su E! Online, Mon Apr 28 22:14:54 GMT+0 2008. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  63. ^ Greta - "Rotten Tomatoes", 2009
  64. ^ (EN) HILARY DUFF, ELLEN BURSTYN AND… OCEAN GROVE STAR IN “ACCORDING TO GRETA” (EXCLUSIVE), su ASBURY PARK: CITY TO SEE, 28 gennaio 2010. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  65. ^ Ascolti TV Martedì 20 luglio 2010 - TVBlog.it, su tvblog.it., luglio 2010
  66. ^ "Bloodworth" World Première - AustinFilmFestival.com Archiviato il 3 ottobre 2010 in Internet Archive., ottobre 2010
  67. ^ Thursday Final Ratings: Big Bang Theory, The Mentalist, Office, Vampire Diaries Adjusted Up, su tvbythenumbers.zap2it.com., 5 novembre 2010
  68. ^ Michele Farina, La Duff incinta, scaricata dal set, in Corriere della Sera, 23 agosto 2011, p. 43. URL consultato il 19 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2013).
  69. ^ Robyn Ross, Hilary Duff Signs TV Deal with 20th Century Fox, su TV Guide, TVGuide.com, 14 agosto 2012. URL consultato il 17 agosto 2012.
  70. ^ Hillary Busis, Nostalgia alert! Hilary Duff plots a return to TV, su Entertainment Weekly, Popwatch.EW.com, 14 agosto 2012. URL consultato il 17 agosto 2012.
  71. ^ Tierney Bricker, Casting Scoop: Hilary Duff Guest Stars on Raising Hope as Jimmy's Ex-Girlfriend [collegamento interrotto], su E!, Eonline.com, 23 gennaio 2013. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  72. ^ Foto di Hilary Duff nei panni di Kelsey sul set della serie TV Younger, su optimaitalia.com, 3 novembre 2014. URL consultato il 14 novembre 2014. Optimagazine
  73. ^ (EN) Pagina di "Younger" sul sito ufficiale di TV Land, su tvland.com. TV Land
  74. ^ (EN) Andy Swift, Andy Swift, Teen Choice Awards: Stranger Things Leads Final Wave of 2019 Nominations, su TVLine, 8 luglio 2019. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  75. ^ E! People's Choice Awards, su E! Online. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  76. ^ Michelle McGahan, HILARY DUFF SIGNS NEW RECORD DEAL, su popcrush.com, 28 marzo 2014.
  77. ^ Hilary Duff Italy, Comunicato stampa RCA Records, su hilaryduffitaly.com, 23 luglio 2014.
  78. ^ (EN) Hilary Duff announces new single and album release date, su upi.com, 23 luglio 2014. URL consultato il 24 luglio 2014.
  79. ^ Hilary Duff, dopo sette anni arriva il nuovo album, su rockol.it, 24 luglio 2014. URL consultato il 24 luglio 2014.
  80. ^ australian-charts.com - Hilary Duff - All About You, su australian-charts.com. URL consultato il 14 dicembre 2020.
  81. ^ (EN) Facebook, Twitter, Show more sharing options, Facebook, Twitter, LinkedIn, After years away, Hilary Duff chooses the spotlight with a new show, new album, su Los Angeles Times, 16 giugno 2015. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  82. ^ (EN) Hilary Duff Releases "My Kind" Music Video & It's Basically A Day In The Life Of Hilary Duff — VIDEO, su Bustle. URL consultato il 14 dicembre 2020.
  83. ^ (EN) Rebecca Farley, Hilary Duff's Next Role Is Very, Very Far From Lizzie McGuire, su www.refinery29.com. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  84. ^ HRIFF 2019 Program Guide, su hollywoodreelindependentfilmfestival.com. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  85. ^ (EN) Hilary Duff Teaming With RAC & Husband Matthew Koma to Cover an Early 2000s Hit, su www.billboard.com, 6 febbraio 2020. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  86. ^ (EN) Danielle Turchiano, Danielle Turchiano, ‘Younger’ Renewed for Season 7 at TV Land, su Variety, 24 luglio 2019. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  87. ^ (EN) Karenna Meredith, Hilary Duff Is Comfortable Telling Her Kids "No" While Social Distancing, Mom Guilt Be Damned, su POPSUGAR Family, 19 luglio 2020. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  88. ^ (EN) Hilary Duff starring in 'Lizzie McGuire' revival on Disney+, su EW.com. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  89. ^ (EN) Hilary Duff's mission to end period poverty, su 7NEWS.com.au, 19 agosto 2020. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  90. ^ (EN) Hilary Duff Teaming With RAC & Husband Matthew Koma to Cover an Early 2000s Hit, su www.billboard.com, 6 febbraio 2020. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  91. ^ Carter Reveals All About Hilary And Lindsay Love Triangle, su Contactmusic.com, 18 febbraio 2005. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  92. ^ (EN) Brice Sander, The Great Lindsay Lohan–Hilary Duff Feud Of 2004, su BuzzFeed. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  93. ^ (EN) Lindsay Lohan and Hilary Duff: Looking back at iconic feud that got Hollywood, Barbie and Paris Hilton involved, su meaww.com. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  94. ^ (EN) Hilary Duff addresses Aaron Carter's "uncomfortable" tweets, su www.cbsnews.com. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  95. ^ (EN) Jennifer Vineyard, Hilary Duff, Joel Madden Go Public With Lovestyle Of The Rich And Famous, su MTV News. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  96. ^ (EN) Hilary Duff Opens Up About Relationship With Ex Joel Madden — "It Was So Intense", su Life & Style, 9 novembre 2016. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  97. ^ Hilary Duff Engaged To Mike Comrie, febbraio 2010
  98. ^ Hilary Duff and Mike Comrie Got Married Archiviato il 30 dicembre 2011 in Internet Archive., agosto 2010
  99. ^ (EN) 'We are overjoyed': Hilary Duff and husband Mike Comrie express joy as they welcome son Luca Cruz Comrie, in Mail Online. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  100. ^ Hilary Duff Splits From Husband Mike Comrie: Duo Amicably "Remain Best Friends", su E! Online, Fri Jan 10 20:46:00 GMT+0 2014. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  101. ^ Hilary Duff Files for Divorce From Mike Comrie a Year After Separation, su E! Online, Sat Feb 21 01:40:00 GMT+0 2015. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  102. ^ (EN) Hilary Duff's Divorce Is Finalized, in E! Online. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  103. ^ (EN) Hilary Duff Shares Heartfelt Tribute to Her 'Lover' Matthew Koma, su Us Weekly, 7 maggio 2020. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  104. ^ Hilary Duff, è nata la piccola Banks Violet Bair, su tgcom24.mediaset.it, 30 ottobre 2018. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  105. ^ (EN) Justine Harman, At Home in Brooklyn With Hilary Duff, su ELLE, 14 gennaio 2015. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  106. ^ (EN) Hilary Duff Marries Matthew Koma at Their L.A. Home: 'It Was Small and Low-Key,' Source Says, su PEOPLE.com. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  107. ^ (EN) Hilary Duff and Matthew Koma are expecting their second baby: 'We are growing!', su www.yahoo.com. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  108. ^ Hilary Duff will be the newest face for Candie's, 1º febbraio 2013
  109. ^ Hilary Duff Candie's at Kohl's Advertising, 2 febbraio 2013
  110. ^ Femme by Hilary Duff for DKNY Jeans, 2009
  111. ^ (EN) WWD, su Kopari Beauty. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  112. ^ (EN) Allison Collins, Allison Collins, Hilary Duff, Chelsea Handler Invest in Nudestix, su WWD, 31 gennaio 2019. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  113. ^ (EN) Allison Collins, Allison Collins, Hilary Duff Launches First Makeup Products, su WWD, 5 settembre 2019. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  114. ^ (EN) GlassesUSA.com, GlassesUSA.com and Hilary Duff Launch New Bold Capsule, su www.prnewswire.com. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  115. ^ (EN) Cubcoats, Cubcoats Founders Capture $5M Seed Investment, Quickly Turning Viral Kidswear Product into New Consumer Category, su www.prnewswire.com. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  116. ^ (EN) Mini Dreamers, LITTLE MOON SOCIETY, su Mini Dreamers. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  117. ^ (EN) Happy Little Camper, Hilary Duffs Big Announcement, su Happy Little Camper. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  118. ^ (EN) Muse, Hilary Duff Eye AM/PM Glasses Collaboration, su licenseglobal.com, 3 dicembre 2019. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  119. ^ Hilary Duff: 'Elixir' On New York Times Best Seller List, ottobre 2010
  120. ^ True | Book by Hilary Duff - Simon & Schuster, 1º febbraio 2013
  121. ^ [1]
  122. ^ (EN) Hilary Duff to Donate $250,000 to Victims of Hurricane Katrina, su businesswire.com, 1º settembre 2005. URL consultato il 9 agosto 2016.
  123. ^ (EN) Hilary Duff to visit Katrina victims, su sify.com, 23 agosto 2006. URL consultato il 9 agosto 2016.
  124. ^ Hilary Duff Donates $250,000 To Katrina's Victims Archiviato il 27 giugno 2006 in Internet Archive., settembre 2005
  125. ^ Hilary Duff's Charity Work, settembre 2005
  126. ^ Hilary Duff Named Youth Ambassador in Bogota Archiviato il 7 aprile 2014 in Internet Archive., febbraio 2013
  127. ^ Bogota, Colombia Mayor Samuel Moreno Names Actress/Singer Hilary Duff 'Youth Ambassador' as Duff Launches Four-Day Mission to Feed Bogota's Underprivileged Children Archiviato il 7 aprile 2014 in Internet Archive., febbraio 2013
  128. ^ (EN) Hilary Duff’s Charity Work to End Global Poverty, su BORGEN, 13 settembre 2018. URL consultato il 2 ottobre 2020.
  129. ^ Audrey Hepburn Child Benefit
  130. ^ [2]
  131. ^ [3]
  132. ^ [4]
  133. ^ [5]
  134. ^ [6]
  135. ^ [7]
  136. ^ [8]
  137. ^ [9]
  138. ^ (EN) Hilary Duff Welcomes An Unexpected Pet Into Her Home, su TheThings, 1º settembre 2020. URL consultato il 2 ottobre 2020.
  139. ^ (EN) Hilary Duff New Dog, Instagram Photos, su PEOPLE.com. URL consultato il 2 ottobre 2020.
  140. ^ Miley Cyrus, Hilary Duff Make 20 Richest Under 25; Plus Britney Spears, Kanye West, Jay-Z, Usher & More, In For The Record, dicembre 2006
  141. ^ Portrait Magazine's 2006 Top 30 Stars Under 30 Hilary Duff at #9[collegamento interrotto], dicembre 2006
  142. ^ Portrait Magazine's 2007 Top 30 Stars Under 30 Hilary Duff at #12[collegamento interrotto], dicembre 2007
  143. ^ 2008 Portrait Top 30 Under 30 Hilary Duff at #24[collegamento interrotto], dicembre 2008
  144. ^ 2009 Portrait Top 30 Under 30 Hilary Duff at #1[collegamento interrotto], dicembre 2009
  145. ^ Billboard 200 Artists, Hilary Duff, dicembre 2009
  146. ^ Billboard 200 Albums, Hilary Duff - Metamorphosis, dicembre 2009
  147. ^ Billboard Top Soundtracks, Hilary Duff - The Lizzie McGuire Movie Soundtrack, dicembre 2009
  148. ^ All No.1 Albums this Decade, Hilary Duff - Metamorphosis e Most Wanted, dicembre 2009
  149. ^ Most Beautiful Celeb, luglio 2010
  150. ^ Teen Choice Awards 2010 Winners List Archiviato il 27 giugno 2011 in Internet Archive., agosto 2010

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN45407916 · ISNI (EN0000 0001 1491 0855 · Europeana agent/base/8250 · LCCN (ENn2003036151 · GND (DE130398403 · BNF (FRcb14530059v (data) · BNE (ESXX1666422 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2003036151